Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/02/24 ore

'Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo’. A Palazzo Barberini (Roma), fino al 25 settembre, la mostra più magica del momento



di Giulia Anzani 

 

If you can dream it, you can do it” - “Se puoi sognarlo, puoi farlo”. La frase più celebre di Walt Disney è quella che, pur non essendo scritta da nessuna parte, accompagna il concept della mostra per tutta la sua durata.

 

A circa due settimane dall’inaugurazione, avvenuta il 15 aprile, finalmente sono riuscita a visitare “Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo”, la mostra tratta dai ricchissimi Archivi Disney.

 

A farle da sfondo, la Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, nel centro di Roma. Già approdato in precedenza al Mudecdi Milano, si tratta di un progetto prodotto da 24 ORE Cultura - Gruppo 24 ORE, con la consulenza dello storico e critico del fumetto e del cinema d’animazione Federico Fiecconi, a cura della Walt Disney Animation Research Library.

 

Non la storia di Walt Disney pioniere nell’arte dell’animazione, ma l’arte della narrazione e la sua evoluzione sono le vere protagoniste della mostra. Poter osservare da vicino la genesi dei capolavori che, da quasi un secolo, accompagnano le generazioni attraverso la crescita e anche dopo, è un’emozione incredibile… sopratutto per chi, come me, è cresciuto a “pane e Disney”.

 

Lo spettatore può fruire di un percorso completo di ricerca creativa: dall’origine letteraria delle storie, passando per la realizzazione, fino ad arrivare all’attuazione del capolavoro. “Molti dei film animati realizzati da Walt Disney e dai suoi team creativi sono basati su miti, favole, leggende e fiabe”, spiega il cartellone posto all’ingresso.

 


 

Nel corso della mostra vengono efficacemente spiegate tutte le quattro tipologie di racconto proposte per la creazione dei film animati, mostrando nella pratica di cosa si tratta: da Hercules a Pinocchio, da Robin Hood a La Bella Addormentata nel Bosco, possiamo osservare da vicino i bozzetti, i disegni, i ripensamenti, e il prodotto finito, passando attraverso la meraviglia del percorso creativo che porta alla realizzazione.

 

La gratitudine è un sentimento quasi automatico di fronte a tanta genialità che, forse, al giorno d’oggi appare scontata. Ma se non fosse stato per Walt Disney e le sue creazioni, probabilmente avremmo un altro concetto di animazione. Anche la scuola italiana del fumetto e dei talenti ad esso connessi, devono tanto alla Disney. A questo proposito, la mia visita alla mostra, ha avuto un’unica nota negativa: nello stesso giorno è avvenuta la prematura scomparsa di Luca Boschi, disegnatore, inventore di collane e manifestazioni, sceneggiatore e saggista, che tanto ha avuto a che fare con l’universo Disney.

 


 

Tornando alla mostra, nel percorso sono inoltre presenti alcuni allestimenti con cui i visitatori potranno dare spazio alla loro creatività: ambientare storie, creare personaggi e molto altro. Nel corso dell’esposizione, su più livelli è possibile perdersi con naturalezza nel magico mondo della Disney in cui tutti, bambini e non-più-bambini, trovano lo spazio per emozionarsi e sognare.

 

Sul sito www.mostradisneyroma.it troverete tutte le informazioni del caso, se vorrete fare un salto nella magia.

 

 

 

DISNEY. L'arte di raccontare storie senza tempo

 

dal 15 aprile 2022 al 25 settembre 2022

 

Palazzo Barberini - Roma

 

orari:

lunedì 14.30-19.30

mar-mer-gio- ven-sab- dom 9.30 -19.30

La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)

 


 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie