Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/17 ore

Grillo, per farne Piazza Pulita


  • Adil Mauro

“Casaleggio prende tutti per il culo. Da noi la democrazia non esiste”. Bastano due frasi del consigliere regionale Giovanni Favia, eletto in Emilia-Romagna col Movimento 5 Stelle, per riassumere lo scoop a scoppio ritardato (l'intervista risale allo scorso maggio) di Piazza Pulita, il programma di approfondimento politico condotto da Corrado Formigli su La7.

 

La notizia “bomba” viene fatta deflagrare intorno alle 22:30, quando il dibattito in studio tra giornalisti (Andrea Scanzi, Luca Telese, Enrico Mentana) e politici (fra tutti l'incolore Francesco Boccia del PD) si era ormai definitivamente avvitato, riducendosi al solito referendum pro o contro il comico genovese.

 

Sulle dichiarazioni “rubate” al giovane Favia è facile prevedere come alcuni giornali (La Repubblica in testa) si disporranno sullo scacchiere dell'informazione. Altrettanto scontata l'indignazione dei principali avversari politici del Movimento 5 Stelle, pronti a denunciare la “scarsa democrazia interna” della creatura ideata da Beppe Grillo (insieme all'eminenza grigia Gianroberto Casaleggio?) per scardinare la partitocrazia tuttora saldamente al comando nel Paese.

 

Da un punto di vista meramente giornalistico va sottolineato che ieri sera Formigli ha fatto il suo dovere soltanto a metà. L'intervista “rubata” (vedi quella al senatore del Partito Democratico Luigi Lusi) sembra essere il solo modo per raccontare efficacemente le reali dinamiche che stanno dietro la vita politica del nostro Paese. Altrettanto va detto con riferimento al “nuovo” che incarnerebbe con grande successo il movimento di Grillo. Se questo aspetto del lavoro giornalistico di Piazza Pulita appare impeccabile (le notizie, a volte, vanno stanate), non poche perplessità permangono sull'impostazione generale del programma.

 

Incentrare l'intera serata su Beppe Grillo asseconda il conformismo vigente nel giornalismo italiano, interessato più al “megafono” (il comico ligure) che ai contenuti del Movimento 5 Stelle. Al giornalista restano poche alternative: può sottrarsi alla corrente dominante o cercare, come ha timidamente tentato Formigli (vedi il servizio sulla faccia operosa del M5S, cioè quella del sindaco di Parma Federico Pizzarotti), di non farsi schiacciare dal personaggio Grillo.

 

Ma uno spettatore che non fosse già precedentemente “schierato” cosa ha potuto apprendere dalla puntata di Piazza Pulita? Ha scoperto innanzitutto che l'attento e lucido “grillologo” Scanzi, da vero aziendalista del Fatto Quotidiano, perde le staffe soltanto con l'ex collega Telese e l'onorevole Boccia (quest'ultimo invischiato in una sgradevole polemica col vicedirettore del Fatto Marco Travaglio) mentre Mentana, pur mantenendo il distacco e l'umorismo di un giornalista della BBC appena sbarcato in Italia, sembra assai divertito dal terremoto che Grillo rappresenta per i partiti politici.

 

Sul Movimento 5 Stelle tuttavia s'è detto poco, perché poco è stato ottenuto finora a livello di risultati. Un bilancio sull'operato di Pizzarotti, ad esempio, oggi sarebbe del tutto prematuro. L'impressione è che al momento, per gli avidi mass-media nostrani sempre a caccia di polemiche, le dichiarazioni spesso “fuori fuoco” e sopra le righe del capopopolo Grillo siano più che sufficienti. Quanto a programmi e proposte probabilmente si pensa che possano bastare le tribune politiche pre-elettorali.


Commenti   

 
0 #7 franco 2012-09-07 20:40
IL REGIME DELLE LOGGE DEI BURATTINAI E LORO PICCIOTTI PAPPONI BURATTINI SI REGGE CON INGANNO E MENZOGNA, COME OGNI POTERE DEMONIACO DI DESPOTI CONTRO L'UOMO!

LA DITTATURA DI POLIZIA FISCALE BOLSCEVICA IN ATTO, DI DETTI TASSASSINI DI PARTITI ED ISTITUZIONI CANAGLIE; IL CUI TERRORE DI PREDAZIONE FISCALE INDUCE SEMPRE + FAMIGLIE E SUDDITI ALLA DISPERAZIONE FINO AL SUICIDIO, HANNO TOLTO OGNI SPERANZA DI FUTURO AD INTERE NUOVE GENERAZIONI; DEGENERANDO IL GIA' LERCIO REGIME PARTITOKRATIKO A DELINQUERE NELL' ATTUALE FEROCE DITTATURA, BEN + OPPRESSIVA, ODIOSA E CRUENTA DELLA PRECEDENTE FASCIO-SAVOIARD A, CHE DI CERTO NON INDUCEVA TANTII SUDDITI AL SUICIDIO!

NESSUNO DI CODESTI TURPI PARASSITI E REGGI CODE, COME CODESTA CRICCA RADICALE, MERITA IL NOSTRO VOTO:
NON SPRECHIAMOLO!
NON VOTIAMOLI!
MANDIAMOLI A LAVORARE!
O MEGLIO TUTTI AFFA.....!

A TANTA ORRENDA DITTATURA DI SICARI BILDERBERG:
DUCE RISORGI!
CHE TI PERDONIAMO!
Citazione
 
 
0 #6 franco 2012-09-07 20:08
LIBERIAMOCI DAI DEMONI BURATTINAI E LORO SERVI BURATTINI PARTITI CANAGLIA TASSASSINI!!
la cricca radicale oltre fare da reggi coda alla cosca dei vetero comunisti riciclati-rotta mati, in funzione di 'UTILI IMBECILLI' così li avrebbe definiti il Stalin, contano membri influenti come Emma Bonnino, della famigerata cupola BILDEBERG, come ben rilevabile dalla rete.
cupola di potenti mafie bancarie che determinano carestie, conflitti, default, assassini mirati di personalità (non ultimi i f.lli Kennedy) che interferiscono con i loro piani di predazione planetaria!
ebbene a queste cupole di reali demoni contro l'uomo, i BURATTINAI che dirigono i sicari dell'attuale governo golpista del boiardo delle cosche parassitarie loro complici, ci hanno gettato nel loro abbraccio mortale con la sciagurata introduzione dell'€ e la conseguente svendita della sovtranità nazionale e monetaria, da parte di Prodi, venerabile membro con la Bonnino, di loggia BILDERBERG!
Citazione
 
 
0 #5 ilSocialista 2012-09-07 19:24
In ultima analisi si può dire che si, la azione di grillo e dei suoi è disperata, grottesca, forse è corrotta come tutto il resto, però tutto ciò è giustificato perchè esattamente speculare alla disperazione, alla deformità ed alla corruzione di questo tempo; e quando è notte purtroppo tutte le merde sono nere.
Citazione
 
 
0 #4 ilSocialista 2012-09-07 19:09
Certo, direte, i grillini contro tutto questo che possono fare? sono quattro gatti sfigati e plebei che contano meno di una mazza; e poi non è possibile che magari siano pure loro eterodiretti da qualche potenza finanziaria? Non è possibile che Grillo sia un'abile azione diversiva di marketing della Goldman Sacs? Certo tutto è possibile, però quancuno deve pure provarci, in modo strampalato, ma deve; come del resto ci provano in altro senso i Radicali; sempre sperando che Club Bildeberg non sia arrivato a comprarsi anche Pannella.
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2012-09-07 19:02
La grande biscazzierocraz ia è naturalmente mercificante e marcificante, basti vedere le pubblicità con inviti a fare trading da tutte le parti; vogliono che anche il poveraccio, quello che è stato modicamente spolpato di reddito nel corso dei trent'anni di reaganismo, si senta per un pò padrone del gioco e del tavolo verde; e così si rifaccia dello spolpamento su qualcun altro, sempre che non sia uno del parco buoi; idem per il gioco d'azzardo; vogliono che la loro filosofia ludocratica e cleptopatica o cleptocratica e ludopatica penetri nelle masse e ognuno si senta per pò e in piccolo come un padrone del banco che dà la carte.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2012-09-07 18:47
Anche il Movimento di Grillo, che appartienhe a questo tempo e perciò è naturalmente esposto alla mercificazione ed alla marcificazione di massa e a forze economiche incomparabilmen te superiori, deve duramente lottare sia all'interno che all'esterno per non soccombere, come del resto fanno da sempre i radicali, che in tal senso possono insegnare molto.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2012-09-07 18:42
A Piazza Pulita l'hanno detto; Pizzarotti è entrato come un marziano in un ambiente corrotto affaristico-pol itico che ha portato al dissesto dei conti del comune; magari gli avranno ripetutamente offerto di entrare nel giro e fare i soldi alla grande, ma lui avrà rifiutato; oddio, magari è pure vero che se non ti adegui al marcio, si blocca tutto, servizi, bilanci, progetti; alla fine la gente si convince che il marcio è connaturato al capitalismo ed alla P.A. e se non si accetta si blocca tutta l'economia di un territorio.
In tal senso Parma è la vera metafora del Nuovo Secolo e del mondo globalizzato; il Marcio Finanziario come ineludibile via allo sviluppo globalizzato; obama è esattamente come pizzarotti, lui sarebbe onesto, ma la forza dei veri potentati è tale che non ci può fare una mazza; è per questo che il Sistema attuale purtroppo non è riformabile come lo fu dopo la crisi del '29.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna