Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/03/17 ore

Il Codice Raggi


  • Antonio Marulo

È risuonata un po’ stonata la parola garantismo, a proposito del nuovo codice di comportamento prodotto dalla Casaleggio & Associati e sottoposto alla sedicente prossima approvazione degli iscritti al sacro blog.

 

Che l’avviso di garanzia non sarà più condizione necessaria e sufficiente per dichiarare la presunzione di colpevolezza dell’indagato non significa, infatti, che il Movimento 5 Stelle abbia davvero operato una svolta – seppur dettata dalla necessità – antigiustizialista . A ben leggere lo scarno ed essenziale regolamento, non si fa accenno, infatti, alla presunzione di non colpevolezza; si scrive piuttosto che

 

“la ricezione, da parte del portavoce, di “informazioni di garanzia” o di un “avviso di conclusione delle indagini” non comporta alcuna automatica valutazione di gravità dei comportamenti potenzialmente tenuti dal portavoce stesso, sempre salvo quanto previsto al punto 5 (dovere di informazione al “gestore del sito” ndr).

  

E’ sempre rimessa alla discrezionalità del Garante e del Collegio dei Probiviri o del Comitato d’appello (e non comporta alcuna automatica presunzione in tal senso) la valutazione della gravità di fatti che configurano i c.d. reati d’opinione ipotesi di reato concernenti l'espressione del proprio pensiero e delle proprie opinioni, ovvero di fatti commessi pubblicamente per motivi di particolare valore politico, morale o sociale."

 

In sostanza si ratifica, né più né meno, nero su bianco, quanto già fatto finora dal “gestore del sito” con i "portavoce" colpiti o sfiorati da indagini giudiziarie. Al punto 4 del "Codice Raggi" si parla infatti di "presunzione di gravità", rimessa alla inquietante “discrezionalità” dei sedicenti garante e collegio dei probiviri, cioè Grillo e la Casaleggio & associati, i quali decidono ciò che è grave (Pizzarotti, per esempio) e ciò che non lo è (Virginia Raggi).

 

Altro che garantismo: si tratta piuttosto del classico elastico delle mutande che si adatta opportunisticamente al bisogno...

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna