Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/17 ore

Una via nuova per l’Europa?


  • Silvio Pergameno

L’accordo sulla gestione delle migrazioni raggiunto a Parigi lo scorso 28 agosto ricalca quello precedente raggiunto dall’Italia (fermare i migranti in Africa con la collaborazione dei governi e dei sindaci interessati, fornendo gli aiuti necessari) ed ha già registrato l’esito di ridurre in modo netto gli sbarchi; anche le discusse norme sulle ONG sono passate, in quanto la presenza della polizia sulle navi è resa necessaria in presenza dei gravi rischi che la situazione presenta.

 

In margine ai colloqui si è anche parlato del superamento del patto di Dublino (che stabilisce che i migranti debbono restare nel paese dove sbarcano) e della necessità che gli oneri connessi con la gestione non facciano carico solo all’Italia, che pure così aveva voluto.

 

Al tavolo dell’Eliseo sedevano da una parte i rappresentati dei paesi africani (Ciad, Niger e Libia) e dall’altra quelli dei paesi europei invitati (Francia, Germania, Italia e Spagna), che dopo la Brexit sono i più grandi dell’Unione e ne rappresentano la maggioranza della popolazione complessiva.

 

Il dato che si vuole, però, in questa sede sottolineare è un altro, e riguarda il percorso attraverso il quale si è giunti all’accordo, frutto di un’iniziativa del Presidente francese, Macron, che ha lasciato l’Europa sullo sfondo, anche se la convergenza tra i paesi maggiori renderà i risultati un fatto dell’Unione, immodificabile all’interno della stessa, anche se questa, come tale, non ha figurato tra i gestori dell’evento..

 

Si è così delineato nella realtà politica del continente l’avvio di quell’Europa “a due velocità” di cui si era di recente parlato in modo informale agli alti livelli politici, raggiungendo in breve tempo un esito di vasta portata. L’Europa, questa volta, - nella sostanza delle cose - si trova ad aver compiuto un passo avanti nel trattare un problema rilevante come le migrazioni senza aver avuto, con le sue istituzioni, un ruolo per produrlo.

 

E tutta la popolazione europea ne trarrà vantaggio, meglio comprenderà l’importanza dell’Unione, anche per la ragionevolezza delle soluzioni trovate, per avere trovato modo di offrire un principio di soluzione alle necessità di quanti a prezzo di grandi sacrifici ed esponendo a gravi rischi la loro stessa vita cercano uva via d‘uscita per loro esistenza.   

 

Si è così delineata una strada nuova per la lunga opera di costruzione dell’unità del continente. Non più la via che potremmo chiamare “giuridica” della stipula si trattati per costruire istituzioni più o meno sovranazionali, ma una strada politica di fatto, affrontando problemi concreti e trovando soluzioni. Il continente europeo presenta una realtà di stati, di popoli, di culture, di lingue, di tradizioni, di modi di pensare che hanno sicuramente una storia comune (i trattati di storia d’Europa in tutti i paesi europei sono numerosi), ma presentano poi differenze e interessi diversi e anche confliggenti, con la conseguenza che la strada per andare avanti va costruita in modo empirico, per affrontando problemi concreti con chi ci sta.

 

Quanti sono avanti negli anni e tra i propri ricordi personali hanno anche quelli della gloriosa resistenza degli inglesi ai travolgenti successi militari delle armate di Hitler in Europa nei primi anni quaranta, non può nutrire che sentimenti di grande rispetto, ammirazione e riconoscenza, ma deve insieme considerare che la Gran Bretagna è stata nel secondo dopoguerra l’ostacolo più forte alla costruzione europea, alla quale essa non ha mai pensato e tanto meno creduto, avendo sempre avuto in mente non un continente in marcia verso l’unità politica – ovviamente di natura federale – ma soltanto una zona di libero scambio.

 

Con la Brexit gli altri europei si sono trovati di fatto nella situazione di poter decidere da soli, e i recentissimi  accordi di Parigi ne sono un primo esito. E adesso non si tratta di fare gli offesi e di mettersi a fare la guerra agli inglesi per vendicarsi di un supposto voltafaccia.

 

La Gran Bretagna è una nazione amica e gli inglesi sono un popolo amico, con secoli e secoli di storia comune e alla cui cultura dobbiamo molto in tutti i campi e in particolare in quello della costruzione della democrazia moderna. Dopo la Brexit si tratta di costruire rapporti di buon vicinato e collaborazione nel comune interesse e nel comune sentire.

 

 


Commenti   

 
0 #4 Hunter 2017-10-02 21:22
It's hard to find experienced people on this subject, but you
seem like you know what you're talking about! Thanks

Visit my web site: broderie: http://sergioqtuni.bloguetechno.com/A-Simple-Key-For-embroidery-Unveiled-7526028
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2017-09-04 21:57
però è lapalissiano che l'integrazione di questi enormi bocconi umani estranei per qualsiasi Stato crei scompensi sociali e etnici via via crescenti; questo vale è per la Germania che ha ben altra solidità economica e sociale; lo è il doppio per un paese che ha ancora sfumature e fragilità premoderne e mediorientali come l'Italia; vuol dire caricare sulle spalle un peso potenzialmente destabilizzante e disgregante; a nessuna entità statuale è chiesto di immolarsi per la salvezza di altri continenti in una specie di suicidio rituale per quanto il suicidio rituale, come ogni suicidio, abbia un suo fascino ed una sua dignità; questo Minniti lo ha capito e per fortuna che ci è rimasto uno di scuola comunista con un o straccio di senso dello Stato ed i senso della realtà che non intende la politica come modo susseguirsi di slides immaginarie in una sala mentre un paese va in malora
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-09-04 21:44
ora l'intento può pure essere nobile però un qualsiasi intento umanitario non può non fare i conti anche con la logica delle cose, a meno che non si intenda un idealismo assoluto in cui lo Spirito abbiano la capacità di riplasmare la materia di per sè; se io vedo una persona che cade dal balcone e mi tuffo pure io nel vuoto per salvarla il fine è nobilissimo e spiriitualmente è molto notevole; però tutto lo slancio spirituale non potrà evitare lo spiaccicamento al suolo per entrambi perchè la forza di gravità non si commuove spiritualmente; lo spostamento di centinaia di migliaia di persone in pochi anni da un lato può anche spingere keynasianamente il PIL; probabile che buona parte della crescita italiana la si debba alla spesa pubblica per la accoglienza
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-09-04 21:35
sulla questione dei migranti abbiamo assistito ad un dibattito surreale e a incompetenze ed approssimazioni terrificanti che tra tutti i paesi OCSE solo in Italia si potevano verificare denotando lo sbarellamento logico connaturato ad un intera classe dirigente e politica.
Qualcuno ha teorizzato il dovere morale di accogliere tutti gli africani che ne facessero richiesta ed un nuovo compito costituzionale per la repubblica italiana ovvero farsi carico da sola dei problemi sociali del continente nero organizzzando il trasloco di consistenti porzioni della su apopolazione; il tutto in condizione e di totale solitudine internazionale con tutti i paesi confinanti che sbarrano spasmodicamente le porte
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna