Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/08/18 ore
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/libraries/joomla/database/database/mysql.php on line 383

Elezioni inutili o meglio disutili


  • Silvio Pergameno

Elezioni inutili o, meglio, disutili… almeno da un certo punto di vista; disutili perché non si sono rivelate in alcun modo utili alla risoluzione di quello che era, e resta, uno dei problemi di fondo dell’attuale momento politico nella vita del nostro paese: quello della governabilità. E attenzione, perché si tratta di una faccenda ricca di implicazioni e di pericoli. Ma l’ingovernabilità non è un fatto primario: essa è conseguenza di tanti altri fatti.

 

Premetto, ad esempio, che non amo rievocare oggi un pericolo “fascista”, perché il fascismo è un fatto politico venuto in essere cento anni fa e, quindi, in condizioni politiche molto diverse dalle attuali, tanto è vero che oggi i richiami diretti al fascismo o al nazionalsocialismo ispirano soltanto forze politiche di dimensioni modeste.

 

E quanto poi all’antisemitismo, le cui manifestazioni attuali sono quelle che oggi maggiormente richiamano il fascismo, occorre evidenziare il fatto che, mentre maturava nel mondo ebraico la spinta sionista, nasceva anche l’antisemitismo, nella Francia ai tempi dell’affare Dreyfus, quarant’’anni prima del fascismo, e soprattutto negli ambienti monarchici, che avevano in mente di scalzare la Repubblica…

 

Non ritengo esatto rievocare il fascismo anche se oggi l’Italia, come dicevo, ha una rilevante problema di ingovernabilità, che, come al tempo delle origini del fascismo, può ingenerare spinte autoritarie. Ma le forze nel cui ambito queste spinte possono assumere valenza politica rilevante (e non ne sono certamente consapevoli) non possono essere certamente definite fasciste e, ad eventuali accuse di fascismo potrebbero facilmente replicare che si tratta di fantasie di avversari, che non sanno di cos’altro accusarle. Del resto anche Mussolini all’inizio della sua avventura politica non era certo partito col programma di instaurare una dittatura in Italia.

 

Altro esempio. Nel nostro pensiero politico persiste – specialmente a sinistra - l’opinione (o atteggiamenti e comportamenti politici che la presuppongono) che premessa della democrazia sia prima di tutto uno stato debole, cioè in sostanza ingovernabile… come del resto ampiamente comprovato dall’esito del referendum costituzionale del dicembre del 2016, che rappresenta la premessa della condizione politica attuale. Una condizione nella quale predomina soprattutto una gran confusione, una mancanza di analisi politica, capace di cogliere i problemi (o, meglio, il problema) di fondo di questo nostro tempo. Nel referendum di poco più di due anni fa, quanti mai saranno stati i “no” di concittadini che poi si lamentano per l’ingovernabilità?

 

Su questa Agenzia come su “Quaderni Radicali” parliamo spesso di assenza di cultura liberale. Può sembrare un riferimento a una cultura della quale non si parla più, i cui principali esponenti sono scomparsi da tempo, mentre il partito il cui nome era mutuato da quella cultura già da tempo si era ridotto a scarsa consistenza ed era poi scomparso nella crisi degli anni novanta. Ma le considerazioni innanzi formulate testimoniano proprio la mancanza di cultura liberale, che sa, ad esempio, che il governo è un potere vero, e non un mero esecutivo delle leggi del parlamento… Gli ordinamenti liberali allora circondano questo potere di limiti, di modalità di esercizio, di procedimenti e regole per la scelta dei governanti…Ma se poi i poteri governativi non restano saldamente nelle mani del governo, essi finiscono altrove, in mani incontrollate, che spesso sono quelle di personaggi corrotti…

 

Parlare di governabilità significa avere ben presenti queste considerazioni da… liberali e parlare poi dei problemi concreti sul tappeto, dei quali nella scorsa campagna elettorale non c’è stato neppure un cenno.

 

 


Commenti   

 
0 #3 ilSocialista 2018-03-14 00:21
quando i sistemi economico-socia li tendono a creare aree geografiche o classi che hanno comportamenti, aspettative, interessi troppo divaricati e dissimili e che tendono naturalmente alla segmentazione e all'incomunicab ilità sostanziale, non ci può esistere Stato o Democrazia che non avverta seri problemi.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2018-03-14 00:15
comunque al di sopra delle nostre tradizioni storiche, che, come è noto in tutte le parti del mondo, sono molto particolaristic he e al di sopra delle forme costituzionali che possono avere delle pecche, c'è un aspetto sostanziale più moderno legato proprio al capitalismo nelle forme che vediamo oggi; ovvero che questo tipo di capitalismo sta "tirando l'elastico sociale" sempre di più in modi che fanno tendere e scricchiolare tutto l'apparato; lo vedi in America, molto più divisa e incarognita di un tempo, lo vedi in parte persina in Germania e nei paesi scandinavi che pure fanno della coesione sociale il valore fondante in assoluto; lo vedi naturalmente da noi, in cui le divaricazioni sociali e territoriali tendono a diventare fratture nmette insanabili;
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2018-03-14 00:04
amico mio, il liberalismo in sè è un principio teorico che ha un suo sicuro fondamento logico e che non ha tempo; ovviamente lo si può declinare praticamente in modi differenti anche non poco; e così è stato nelle differenti fasi storiche; l'attuale declinazione liberale imperante è quella monetarista-lib erista-finaziar ia-globalizzant e che di limiti ne ha parecchi ed ha una vocazione intrinsecamente assolutista, ademocratica ed oligarchica;
per quanto riguarda la governabilità bè devi tenere conto del retroterra storico-cultura le italico; già nel '400 il povero Dino Compagni fiorentino si metteva le mani nei capelli, lui che tra i pochi avevano una ottica sistemica in mezzo alle "maladette parti" familiari che si sbranavano reciprocamente con somma delizia impedendo di fare alcunchè.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Archivio notizie di Agenzia Radicale

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/components/com_content/models/articles.php on line 508 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/modules/mod_lancioarnew/helper.php on line 68
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/modules/mod_lancioarnew/tmpl/default.php on line 16
videoag.jpg
qrtv.jpg
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/components/com_content/models/articles.php on line 508 Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/modules/mod_lancioarnew/helper.php on line 68
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/html/modules/mod_lancioarnew/tmpl/default.php on line 16