Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

02/12/21 ore

Tortora, "memorie" Rai fra commemorazione di regime e ipocrisia dilagante


  • Giuseppe Rippa

Mai una fiction è stata tanto opera di finzione come quella che la Rai ha realizzato su Enzo Tortora. Per carità, ben venga una azione di “recupero” sul presentatore, uno che all’epoca dei fatti era tra i pilastri della Tv di Stato, che dalla stessa fu poi bistrattato, offeso, dimenticato e nella fase cruenta delle accuse nei suoi confronti (rivelatesi poi FALSE!) posto all’indice del disprezzo nazionale nella vomitevole saga accusatoria a cui tutti, la Rai in prima fila, avevano partecipato.


Ecco dunque questo “ricordo” (il commento sulla fiction è rinviato ad altra sede) che ci consente di richiamare alla memoria quella terribile vicenda. Ma, vivaddio, come è possibile che tutto sia ruotato intorno ad un miserevole spettacolo fatto di retorica e ipocrisia? Ora tutti sono dalla sua parte, ora tutti si “pentono” di essere stati omertosi, aggressivi o assenti.

 

Negli “approfondimenti” (si fa per dire) sono stati invitati la maggior parte di coloro che quella storiaccia l’hanno o descritta in modo riprovevole o quelli che non c’erano o si erano dati alla fuga. Eppure per uscire dall’inferno in cui era stato cacciato, Enzo Tortora poté contare solo su poche persone che lavorarono per costruire la verità, che si spinsero controcorrente alla omertà di Regime che si respirava allora.

 

Il piccolo nucleo di Quaderni Radicali e di Agenzia Radicale  – e solo dopo - tutto il Partito Radicale, divennero un centro di iniziativa  costante e con fatica si creò il fronte della verità nell’opinione pubblica. Schieramento che fu costruito con un lavoro  umile, certosino, che con Agenzia Radicale (allora ciclostilata e distribuita a mano) fu messo in piedi giorno dopo giorno, provocando dubbi perfino delle anime belle del giornalismo italiano, che furono alla fine trascinati a manifestare perplessità su una inchiesta assurda e traballante. Poi la sua scarcerazione, dopo il coraggio di consegnarsi, da deputato europeo, al carcere fino a che non fu fatta luce e non emerse la sua COMPLETA estraneità!

 

Ora siamo alle commemorazioni (di Regime come al solito). È giusto che la Rai, che è oggi quella di allora se non peggio, realizzi le sue “memorie” con Bruno Vespa, Alba Parietti, Mara Venier e chi più ne ha più ne metta….


A 25 anni dall'arresto di Enzo Tortora di Luigi O. Rintallo

(da Quaderni Radicali 102 - speciale novembre 2008)


Aggiungi commento