Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/19 ore

Pena di morte, i media USA orientati verso il no



il recente “Rapporto di fine anno” del Death Penalty Information Center è stato ripreso da molte testate Usa e internazionali. Come segnala il sito del DPIC, il Rapporto, un classico del movimento abolizionista statunitense, è stato commentato dal Washington Post, dal Wall Street Journal, dal Los Angeles Times, la Associated Press, la Reuters, il New York Times, la CNN, e centinaia di altre testate locali.

 

Sono andati in onda servizi sulle principali reti nazionali NPR, MSNBC, e CBS Radio, e molti quotidiani hanno ripreso i dati principali del Rapporto in loro editoriali incentrati sul calo delle condanne a morte, il calo delle esecuzioni, la concentrazione geografica nel Sud degli stati che le compiono e degli stati che ancora applicano attivamente la pena di morte, e più in generale il cambiamento di mentalità che sta avvenendo nel paese.

 

Un editoriale del Virginian-Pilot ha detto che “le statistiche indicate dal Rapporto segnalano che la pena di morte è arrivata ad un punto di svolta”, e ne ha chiesto l’abolizione perché “molti studi ne hanno dimostrato l’inefficienza nel ridurre il tasso di criminalità, mentre il denaro che se ne risparmierebbe potrebbe venir usato per la prevenzione, e per riaprire i casi irrisolti”.

 

In Texas l’Amarillo Globe ha espresso riserve sugli alti costi della pena di morte, in Alabama l’Anniston Star ha definito “barbarica” la pena di morte, e il New York Times ha detto che “dovrebbe essere abolita”.

 

Ancora in Texas, un editoriale del Fort Worth Star-Telegram ha invitato i texani a rivedere la propria posizione tradizionalmente molto favorevole alla pena di morte “in un’epoca in cui buona parte del paese sta rivalutando tutti i temi della pena di morte, è opportuno che i texani riconsiderino se ci sia qualcosa di cui vantarsi nell’essere i numeri 1 nella pena di morte… la discussione sulla pena di morte, sui suoi aspetti legali, morali, fisici e pratici, dovrebbe continuare, specialmente in considerazione di quelli che sono gli evidenti limiti che continuano ad emergere dal sistema giudiziario". (fonte Nessuno tocchi Caino)


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna