Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/03/17 ore

Nagorno-Karabakh, l’Azerbaigian vuole un tribunale penale internazionale per Khojaly



La regione contesa è il Nagorno-Karabakh, le parti contendenti sono l’Armenia e l’Azerbaigian, l’evento simbolo di un tragico conflitto è quello della notte tra il 25 e il 26 febbraio 1992, quando le forze militari armene attaccarono la città di Khojaly, seminando distruzione del territorio e la morte di 613 persone, tra cui 106 donne, 83 bambini e 70 anziani.

 

L’Azerbaigian parla di Khojaly come della ,"Sebrenica del Caucaso" su cui si attende ancora che venga fatta giustizia. In proposito e nelle more di un conflitto cosiddetto “sopito” in una “pace armata”, l’Armenia – che intanto occupa gran parte del territorio della regione sotto l’egida protettiva della Russia – non la pensa allo stesso modo, come Agenzia Radicale ebbe già occasione di evidenziare in un botta e risposta fra ambasciate in Italia.

 

Tuttavia, non vi è dubbio che ci fu massacro di civili, per il quale l’Azerbaigian – stato che sta conoscendo un grande sviluppo economico, grazie alla posizione strategica di crocevia caucasico di fonti energetiche - auspica prima di tutto l’ammissione di colpa di parte armena e una richiesta di perdono, mentre lavora diplomaticamente per ottenere l’istituzione di un tribunale penale internazionale per quello che viene considerato un vero e proprio genocidio.

 

Nel corso di una conferenza stampa, il Consigliere dell`Ambasciata dell`Azerbaigian in Italia e giurista, Vüqar Haciyev, lo ha ribadito, sottolineando come con “l’invasione di Khojaly si sono verificate uccisioni di bambini, donne sole o in attesa di un figlio, violenze e torture…”: tragici eventi che rientrerebbero pienamente nei casi che “l’Articolo II della Convenzione per la prevenzione e la repressione del delitto di genocidio, adottata il 9 dicembre 1948, considera genocidio”. Da allora nessuno ha pagato: “chi ha compiuto il massacro di Khojaly – ha affermato Haciyev - rimane ancora impunito; e l’impunità crea nuovi crimini”. (red.)

 

 


Commenti   

 
0 #4 Carina 2016-03-02 16:16
Ciao
Leggi la mia testimonianza che anche si potrebbe aiutare anche

Prestito Testimonianza

Sono la signore Carina Baur io sono alla ricerca di prestito di denaro da molti mesi. Ma fortunatamente ho visto prove fatte da molte persone sul sig.

Pierluigi, così la ho contattata per ottenere il mio prestito dell'importo di 70.000€ per regolare i miei debiti e realizzare il mio progetto. C è con il

signore. Pierluigi che la vita, il mio sorrida nuovamente è signore de cuore semplice e molto comprensivo. Ecco sono posta elettronica :

Citazione
 
 
0 #3 redazione 2015-03-14 13:12
Chi legge Agenzia Radicale e questo articolo in particolare con più attenzione può accorgersi del link ipertestuale che rimanda a una precedente pubblicazione, sempre di AR, che riporta la posizione Armena in proposito.
Citazione
 
 
0 #2 Giavurro 2015-03-12 22:30
[Non è onesto descrivere la tragedia di Khojaly raccontando i fatti come vengono confezionati da Baku mentre si tace sulla versione armena ben diversa.
E' l'allora presidente azero Mutabov che accusa i suoi militari di essersi fatti scudo della popolazione civile in fuga da Kojaly, coinvolgendo gente inerme in uno scontro a fuoco con gli armeni .Ancora una volta Caino si trasforma in Abele, il carnefice in vittima e i Radicali sono prnti, per ignoranza ed insipienza, ad appoggiare una causa ingiusta e pretestuosa
Citazione
 
 
0 #1 Armen 2015-03-12 13:20
chi paga suona il tamburo
e in occidente
siamo pronti a svendere quel poco di dignità che ci resta.
Aliev ci propina storie grottesche di massacri " ad usum delfini" e per soli trenta denari c'è chi firma sotto dettatura le menzogne azere facendo da grancassa a un vergognoso bugiardo.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna