Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/02/24 ore

La dimensione ideologica dello stallo tra Russia e Stati Uniti


  • Anna Mahjar-Barducci

Anna Mahjar-Barducci* è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project e da oltre venti anni è nella redazione di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale. Il lavoro che segue descrive un quadro della Russia di Putin che nel nostro Paese è pressoché sconosciuto. Insomma cosa Putin e i russi dichiarano circa le loro intenzioni e quali sono le loro analisi. Materiali utili e necessari, che forniscono una informazione diretta e favoriscono un metodo empirico per giudicare negativamente o positivamente le questioni che l’agenda mondiale descrive…   

 

 

********************** 

 

 

di Anna Mahjar-Barducci*

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

 

Temi

 

Introduzione

"La fine della storia non si è concretizzata"

Il mondo di oggi è "multipolare" e non "unipolare"

Sovranità nazionale

L'Occidente ha "tradito" la Russia

"Da Lisbona a Vladivostok"

"La cosiddetta idea liberale... è sopravvissuta al suo scopo"

L'identità dell'Occidente contro l'identità della Russia

L'identità eurasiatica della Russia

Non più L'Unione Sovietica

Tradizione

Putin sull'afflusso di migranti in Occidente

Putin sulla religione

Putin sulla famiglia e il "patriarcato"

Putin sulla teoria queer e l'identità di genere

Putin su Greta Thunberg

Il Manifesto di Putin contro il liberalismo progressista

Conclusione

 

 

*************** 

 

 

Introduzione

 

Ci sono voluti più di 20 anni prima che il presidente russo Vladimir Putin definisse la nuova ideologia russa.[1] Tuttavia, lo sviluppo di questa ideologia è in corso sin dal primo giorno della nomina di Putin a Presidente della Federazione Russa, e probabilmente non è ancora sistematizzato e finalizzato. La Costituzione russa vieta l'instaurazione di un'ideologia di stato, ma molti intellettuali russi – e lo stesso Putin – hanno spinto per il ritorno di un'ideologia e di una “nuova idea russa”. Nella formazione della nuova ideologia russa, ci sono alcuni discorsi di Putin che possono essere considerati pietre miliari.

 

Si può affermare con certezza che il processo di formazione di questa nuova ideologia è iniziato con il discorso storico di Putin a Monaco del 2007, in cui ha sfidato l'ordine mondiale unipolare guidato dagli Stati Uniti. Putin ha detto: "Cos'è un mondo unipolare? Tuttavia si potrebbe abbellire questo termine, alla fine si riferisce a un tipo di situazione, ovvero un centro di autorità, un centro di forza, un centro decisionale… È un mondo in cui c'è un padrone, un sovrano. E alla fine, questo è pernicioso non solo per tutti coloro che sono all'interno di questo sistema, ma anche per il sovrano stesso perché si autodistrugge dall'interno... Ritengo che il modello unipolare non sia solo inaccettabile ma anche impossibile nel mondo di oggi... Ciò che è ancora più importante è che il modello stesso è viziato perché alla sua base ci sono e non possono esserci fondamenti morali per la civiltà moderna».[2 ]

 

Il discorso del 2007 è stato il primo manifesto politico di Putin che ha determinato, e che continua a definire, lo schema generale della politica russa, che mira a porre fine all'ordine mondiale unipolare dell'Occidente. Vale la pena analizzare quattro principali leit motive della nuova ideologia russa che è derivata dal discorso di Monaco di Putin:

 

"La fine della storia non si è concretizzata”

 

1. ”La fine della storia", in cui il politologo americano Francis Fukuyama aveva predetto che la democrazia liberale prevarrà come ordine permanente, non si è concretizzata. Nel suo discorso del 2007 Putin ha dichiarato: "Il mondo unipolare che era stato proposto dopo la Guerra Fredda neanche si è svolto". Da quel momento in poi, questa frase è diventata il mantra del governo russo, ed è stata adottata anche da studiosi cinesi. [3] Seguendo la linea di Putin, anche il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato più di una volta che Fukuyama si sbagliava. Durante un Forum per la pace di Parigi del 2019, Lavrov ha dichiarato: "Quindi chiedo un dibattito durante il quale sarà riconosciuto che la 'fine della storia', che è stata proclamata con trionfo dopo la fine dell'Unione Sovietica, non ha avuto luogo, la storia è viva e vegeta e l'eterno dominio dell'Occidente predetto da Francis Fukuyama non si è concretizzato".[4] Prima dell'apertura della 74a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, Lavrov ha pubblicato un articolo intitolato "Il mondo a un bivio e Un sistema di relazioni internazionali per il futuro". Nell'articolo, Lavrov ha spiegato che quando l'Unione Sovietica si è disintegrata e il muro di Berlino è caduto, l'Occidente non ha cercato un'agenda unificante con la Russia. "Invece, tutto ciò che potevamo sentire erano affermazioni trionfanti che era arrivata la 'fine della storia' e che d'ora in poi ci sarebbe stato un solo centro decisionale globale", ha scritto Lavrov.

 

Lavrov ha sottolineato che gli sforzi dell'Occidente per stabilire un modello unipolare sono falliti poiché stanno emergendo altri centri di potere. "La trasformazione dell'ordine mondiale è diventata irreversibile. Nuovi attori importanti che esercitano una base economica sostenibile cercano di aumentare la loro influenza sugli sviluppi regionali e globali; hanno pieno diritto di rivendicare un ruolo maggiore nel processo decisionale. La stragrande maggioranza dei i membri della comunità internazionale rifiutano le arroganti politiche neocoloniali che vengono impiegate ancora una volta per autorizzare alcuni paesi a imporre la loro volontà ad altri", ha affermato Lavrov.[5]

 

Il famoso accademico russo Sergey Karaganov, noto come il "Russian Kissinger", ha anche affermato che poiché la "fine della storia" non ha avuto luogo, la competizione con l'Occidente non è finita, perché la Russia rappresenta un nuovo modello di capitalismo semidemocratico autoritario, che può essere più attraente del sistema liberale, soprattutto per gli ex paesi del Terzo Mondo.[6]

 


 

Il mondo di oggi è "multipolare" e non "unipolare"

 

2. Il mondo di oggi è multipolare e non unipolare. Nel suo discorso del 2007, Putin ha dichiarato: "Il PIL combinato misurato a parità di potere d'acquisto di paesi come India e Cina è già maggiore di quello degli Stati Uniti. E un calcolo simile con il PIL dei paesi BRIC - Brasile, Russia, India e Cina – supera il PIL cumulato dell'UE. E secondo gli esperti, questo divario non potrà che aumentare in futuro. Non c'è motivo di dubitare che il potenziale economico dei nuovi centri di crescita economica mondiale si trasformerà inevitabilmente in influenzerà e rafforzerà la multipolarità".

 

Vale la pena notare che il 29 ottobre 2019 è stato inaugurato a Mosca un monumento allo statista russo Yevgeny Primakov, in coincidenza con il 90° anniversario della sua nascita. Durante la cerimonia, Putin ha sottolineato la promozione da parte di Primakov dell'idea di multipolarità, cara al Cremlino. Putin ha detto: “Yevgeny Primakov sapeva che il mondo è più complicato di qualsiasi cliché o stereotipo. Aveva una visione strategica e ha lavorato duramente per promuovere l'idea di multipolarità. In effetti, è stato Yevgeny Primakov a formulare chiaramente i principi chiave della moderna sviluppo del mondo. Vediamo che il multipolarismo non è più una tendenza, ma una realtà oggi.”[7]

 

Rispondendo a una domanda sul contributo essenziale di Primakov alla politica estera russa, Lavrov ha anche sottolineato che il concetto di mondo multipolare, così come promosso da Primakov, è diventato una realtà oggettiva che sta prendendo forma proprio davanti ai nostri occhi:

"Siamo stati spesso accusati di recente di voltare le spalle all'Occidente e verso l'Oriente. Yevgeny Primakov è stato nominato ministro degli Esteri dopo che ci eravamo allontanati da tutti, escluso l'Occidente, nella prima metà degli anni '90. Inoltre, consideravamo l'Occidente come firmatari che gli chiedevano di darci un posto nel mondo che fosse presentato come il trionfo della democrazia liberale e la fine della storia.

 

"Secondo Francis Fukuyama, la fine della storia significava che il mondo occidentale, o l'Occidente collettivo, non ha e non può avere rivali. Yevgeny Primakov è entrato in carica in un momento in cui le nostre relazioni con quasi tutti gli altri paesi erano fredde. Ha dovuto agire in condizioni vincolate segnate esclusivamente dall'inerzia filo-occidentale. Da visionario, sapeva che una politica può essere sostenibile solo se tiene conto delle realtà moderne. Ha previsto le realtà di un mondo multipolare con nuovi centri di crescita economica, potere e, di conseguenza, influenza politica. Questi centri sono apparsi. Un mondo multipolare è diventato una realtà oggettiva che sta prendendo forma proprio davanti ai nostri stessi occhi…”[8]

 

Nei suoi scritti, il filosofo antiliberale russo Alexander Dugin ha ulteriormente spiegato come sarebbe un mondo multipolare. Ha affermato che un mondo multipolare ha "priorità completamente diverse", "altri sistemi di valori" e "altre strutture di governo politico".[9] Dugin ha anche suggerito che il sistema unipolare ha iniziato a erodersi con gli attacchi dell'11 settembre da parte dei terroristi islamici al World Trade Center e con l'ascesa al potere di Putin alla presidenza della Russia: "Poi sembrava che il momento unipolare non fosse più un ordine mondiale unipolare, che qualcosa fosse 'storto' con l'unipolarità. 'Normalmente' non avrebbe dovuto esserci un tale cosa come l'attacco terroristico dell'11 settembre, perché non c'era stato che potesse attaccare gli Stati Uniti, nessuna civiltà, nessun sistema politico... La Russia in quel momento era in una situazione molto bassa con Eltsin, ed era sull'orlo del crollo dopo l'Unione Sovietica. Ma Putin ha cominciato a riaffermare la Russia come un paese sovrano. Questa è stata una sorta di sfida al sistema unipolare."[10]

 

Parallelamente agli attacchi terroristici dell'11 settembre e all'ascesa al potere di Putin, Dugin ha sottolineato che un altro elemento ha iniziato a erodere l'unipolarità: l'ascesa della Cina come attore globale, che sfida ulteriormente il sistema unipolare. In effetti, secondo Dugin, viviamo alla fine dell'unipolarità.

 

Secondo Dugin, il sistema che dovrebbe sostituire l'unipolarità è la multipolarità, che può essere meglio definita descrivendo ciò a cui si oppone: "La multipolarità è contro l'unipolarità... La multipolarità è contro l'egemonia su tre livelli: in primo luogo strategico, cioè contro l'americano dominio militare del mondo con basi militari americane ovunque nel mondo... La multipolarità è contro l'egemonia ideologica come globalizzazione, liberalismo e diritti umani..."[11]

 

Sovranità nazionale

 

3. La sovranità nazionale come valore fondamentale della politica russa. Nel discorso di Putin del 2007, ha collegato il concetto di sovranità nazionale al concetto di multipolarità. Putin ha spiegato che affinché uno stato sia veramente sovrano, il sistema unipolare deve scomparire. Putin ha dichiarato: "[Un] mondo in cui c'è un padrone, un sovrano ... è pernicioso non solo per tutti coloro che sono all'interno di questo sistema, ma anche per il sovrano stesso perché si distrugge dall'interno. E questo certamente non ha nulla in comune con democrazia. Perché, come sapete, la democrazia è il potere della maggioranza alla luce degli interessi e delle opinioni della minoranza. 

 

Per inciso, alla Russia – a noi – viene costantemente insegnata la democrazia. Ma per qualche ragione chi ci insegna non vuole imparare da solo... Uno stato e, naturalmente, in primis gli Stati Uniti, ha oltrepassato in ogni modo i suoi confini nazionali. Questo è visibile nelle politiche economiche, in quelle strettamente politiche, culturali ed educative che impone alle altre nazioni. Ebbene, a chi piace questo? Chi è felice di questo?"

 

Pochi mesi dopo il suo discorso a Monaco, Putin ha parlato in un incontro con i membri del Valdai International Discussion Club. In quell'occasione Putin ha ulteriormente precisato: "Francamente, non sono così tanti i Paesi al mondo oggi che hanno la fortuna di dirsi sovrani. Potete contarli sulle dita: Cina, India, Russia e pochi altri. Tutti gli altri paesi dipendono in larga misura l'uno dall'altro o dai leader di blocco. Questa non è una situazione molto piacevole, ma è mia profonda convinzione che questa sia la realtà oggi.

 

"So che, purtroppo, in alcuni paesi dell'est europeo, non solo il candidato alla carica di ministro della Difesa, ma anche i candidati a cariche meno importanti vengono discussi con l'ambasciatore degli Stati Uniti. È un bene? Non credo sia molto bene per tutti i paesi interessati perché prima o poi provocherà lo stesso rifiuto che una volta ha suscitato in questi paesi la dominazione sovietica. Capisci? Può sembrare benvenuto oggi, ma domani potrebbe portare a problemi. Anche la vecchia Europa è obbligata ad accettare gli interessi politici della NATO tengono conto nelle sue politiche. Sapete come funziona il processo decisionale. Probabilmente non c'è bisogno di spiegare. La sovranità è quindi qualcosa di molto prezioso oggi, qualcosa di esclusivo, si potrebbe anche dire. La Russia non può esistere senza difendere la sua sovranità La Russia o sarà indipendente e sovrana o molto probabilmente non esisterà affatto."[12]

 

Karaganov ha descritto la "sovranità" come la libertà dalle regole degli Stati Uniti e ha affermato che la Russia sarà il paese che libererà il mondo dal giogo dell'Occidente nello stesso modo in cui ha combattuto contro la Germania nazista nella seconda guerra mondiale: "La sovranità, soprattutto, per noi stessi e il mondo. Ciò significa proteggere e rafforzare il proprio Paese per garantire una vita comoda, sicura e libera ai suoi cittadini. Ciò significa libertà di scelta per se stessi e per il mondo. A proposito, storicamente ci siamo assicurati la libertà scelta da molti paesi per aver privato Napoleone, Hitler e ora gli Stati Uniti della possibilità di dominare."[13]

 

Vale la pena notare che il sostegno di Putin alla sovranità nazionale ha attirato molti scettici dell'UE. Nel 2014 Matteo Salvini, leader del partito italiano Lega Nord (un partito che considera l'Unione Europea una minaccia alla sovranità italiana) ha persino posato per fotografie con una maglietta con la faccia di Putin nella Piazza Rossa di Mosca. Inoltre, prima delle elezioni presidenziali francesi del 2017, Putin ha incontrato la candidata presidenziale del Fronte nazionale scettico dell'UE di estrema destra Marine Le Pen. In quell'occasione Le Pen disse: "[Putin] rappresenta una nazione sovrana... Penso che rappresenti anche una nuova visione".[14]

 

Il concetto di "sovranità" può essere riassunto principalmente nelle parole di Dugin: "Sovrano è colui sul quale non c'è nessun altro e niente affatto".[15] Quindi, "sovranità" significa la possibilità che uno Stato sia libero di scegliere la propria forma di sistema politico, governo, regole e persino la propria definizione di diritti umani. In effetti, la Russia sfida l'idea che all'Occidente dovrebbe essere consentito di affermare un sistema di valori uniforme e universale. In questo senso, la Russia promuove l'idea che i paesi sovrani dovrebbero essere liberi di adottare diversi sistemi politici, diversi dalla democrazia liberale che è vista come un sistema che è stato imposto dall'Occidente al mondo.[16]

 

Vale la pena notare che il discorso di Monaco del 2007 è stato pronunciato durante l'amministrazione Bush, caratterizzata da un forte interventismo e sostegno alle rivoluzioni colorate. Il discorso di Putin può quindi essere letto come una risposta diretta alla dottrina Bush, il fulcro del flusso che era stato l'"esportazione della democrazia", anche attraverso interventi militari.

 

L'Occidente ha "tradito" la Russia

 

4. L'Occidente, e più specificamente la NATO, ha tradito la Russia. Nel suo discorso del 2007, Putin ha affermato: "Penso sia ovvio che l'espansione della NATO non ha alcun rapporto con la modernizzazione dell'Alleanza stessa o con la garanzia della sicurezza in Europa. Al contrario, rappresenta una seria provocazione che riduce il livello di fiducia reciproca. E abbiamo il diritto di chiederci: contro chi è destinata questa espansione? E che fine hanno fatto le assicurazioni fatte dai nostri partner occidentali dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia? Dove sono oggi quelle dichiarazioni? Nessuno le ricorda nemmeno. Ma io mi permetterò di ricordare a questa udienza quanto è stato detto. Vorrei citare il discorso del Segretario generale della NATO Wörner a Bruxelles il 17 maggio 1990. Egli disse in quel momento che: "il fatto che siamo pronti a non porre un L'esercito della NATO al di fuori del territorio tedesco offre all'Unione Sovietica una solida garanzia di sicurezza.' Dove sono queste garanzie?"

 

Questa accusa contro la NATO è stata pronunciata più volte da Putin e da altri alti funzionari e diplomatici russi. Come citato in precedenza, durante la commemorazione di Primakov nel 2019, lo stesso Lavrov ha spiegato che non è la Russia ad allontanarsi dall'Occidente, ma è l'Occidente ad allontanare la Russia.[17] In un trattato storico intitolato "La politica estera della Russia: sfondo storico", pubblicato il 3 marzo 2016 sulla rivista di affari esteri russa Russia in Global Affairs, Lavrov ha anche scritto: "Dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, la Russia si è risentita degli Stati Uniti - non solo per il crollo dell'Unione Sovietica, ma anche per l'espansione della NATO verso est, avvenuta nonostante le garanzie del segretario generale della NATO Manfred Wörner alla Russia che non ci sarebbe stata tale espansione.”[18]

 

Funzionari russi infatti sottolineano spesso che, nel 1990, il segretario generale della Nato Manfred Wörner ha promesso a Bruxelles: "Questo sarà vero anche per una Germania unita nella Nato. Il fatto stesso che siamo pronti a non schierare truppe Nato oltre il territorio di la Repubblica Federale offre all'Unione Sovietica solide garanzie di sicurezza. Inoltre, potremmo concepire un periodo di transizione durante il quale un numero ridotto di forze sovietiche potrebbe rimanere di stanza nell'attuale RDT. Ciò andrà incontro alle preoccupazioni sovietiche di non cambiare l'intera Est- Equilibrio strategico dell'Occidente. I politici sovietici hanno torto nell'affermare che l'adesione della Germania alla NATO porterà all'instabilità. È vero il contrario. L'Europa, compresa l'Unione Sovietica, otterrebbe stabilità. Otterrebbe anche un vero partner in Occidente pronto a cooperare. "[19]

 

Pertanto, l'espansione verso est della NATO è percepita dalla Russia come una provocazione militare e come un modo per impedire alla Russia di riprendere il suo ruolo storico di attore globale. In un'intervista del 2016 al quotidiano tedesco Bild, Putin ha affermato che i membri della NATO avrebbero dovuto "seguire i propri interessi" e non accettare gli stati dell'Europa centrale nell'alleanza militare. Putin ha sostenuto che la posizione corretta per ricucire le relazioni tra Occidente e Russia sarebbe stata quella di seguire la proposta del politico del Partito socialdemocratico tedesco Egon Bahr di ridefinire una zona nell'Europa centrale in cui le forze della NATO non sarebbero state autorizzate ad entrare.

 

Nell'intervista alla Bild, Putin ha inoltre affermato: "La NATO e gli Stati Uniti volevano una vittoria completa sull'Unione Sovietica. Volevano sedersi sul trono in Europa da soli. Ma ora sono seduti lì, e stiamo parlando di tutte queste crisi che noi altrimenti non l'avrebbe fatto".[20] Lo statista russo Mikhail Gorbaciov, l'ultimo leader sovietico, ha pubblicato nel 2016 un articolo sul quotidiano bisettimanale indipendente russo Novaya Gazeta, facendo affermazioni simili: "Tutto è iniziato quando 'la vittoria dell'Occidente' in è stata proclamata la Guerra Fredda. La nostra comune vittoria nella Guerra Fredda è stata dichiarata un trionfo di una sola parte [cioè l'Occidente], che ora pensa che "tutto è permesso". Questa è la radice da cui sono scaturiti i disordini globali di oggi».[21]

 

Vale la pena notare che nel dicembre 2021, facendo eco alla proposta di Bahr, la Russia ha pubblicato un progetto di trattato tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti sulle garanzie di sicurezza e un accordo sulle misure per "garantire la sicurezza" della Russia e degli Stati membri della NATO.

 

Il famoso analista politico ed economista russo Vladislav Inozemtsev ha spiegato: "I due documenti, noti anche come "l'ultimatum di Putin", hanno rivelato l'approccio radicalmente nuovo della Russia nei confronti dell'Occidente e del resto del mondo. Nella bozza, Mosca ha apertamente sostenuto che diversi paesi che passato un po' di tempo a far parte dell'Unione Sovietica o dell'Impero russo non può essere considerato completamente sovrano... e quindi non ha il diritto di aderire ad altre alleanze militari tranne quelle di cui la Russia stessa fa parte.

 

Il Cremlino ha anche apertamente insistito sul fatto che l'Occidente astenersi dal creare basi o installazioni militari nelle nazioni post-sovietiche e persino ritirare tutte le forze straniere (cioè americane) dalle nazioni che hanno aderito alla NATO nel o dopo il 1997". Inozemtsev ha poi aggiunto: "Questa mossa ha reso la Russia lo sfidante più profondo dell'ordine mondiale esistente, dal momento che anche la Cina (che gli Stati Uniti considerano il suo principale contendente strategico) non ha mai articolato il suo obiettivo formale di soggiogare i paesi vicini alla volontà di Pechino (la Cina infatti sta cercando di raggiungere questo compito utilizzando leve economiche, ma non ne fa il centro della sua politica estera).”[22]

 

"Da Lisbona a Vladivostok”

 

L'ideologia russa sembra plasmarsi attraverso un continuo confronto ideologico con l'Occidente, e più specificamente con le diverse amministrazioni statunitensi. Se sotto l'amministrazione Bush Putin si è concentrato sulla sfida del concetto di "esportazione della democrazia", nuovi temi sono emersi sotto l'amministrazione Obama (che ha anche cercato di "ristabilire" i rapporti con la Russia).[23]

 

Eppure, l'amministrazione Obama è stata principalmente caratterizzata da una forte opposizione al Cremlino e da forti tensioni tra Nato e Russia che fanno eco a quanto sta accadendo oggi con la crisi in Ucraina.

 

Infatti, durante la riunione del Consiglio NATO-Russia del luglio 2016, la NATO ha accusato la Russia di condurre attività militari "provocatorie" alla periferia del territorio della NATO e di destabilizzare la sicurezza europea attraverso azioni aggressive come l'annessione della Crimea ed esercitazioni rapide su larga scala . La Russia in cambio ha accusato la NATO di azioni "conflittuali" vicino al confine russo, poiché l'Alleanza ha iniziato a considerare lo spiegamento di battaglioni NATO in Polonia e nei paesi baltici, e una brigata in Romania. Mosca era anche preoccupata per il sistema di difesa missilistica USA/NATO schierato nell'Europa orientale. La NATO sosteneva che fosse diretta contro l'Iran e non contro la Russia, ma Mosca la considerava una minaccia diretta al suo arsenale nucleare.[24]

 

È anche durante l'amministrazione Obama che la Russia ha ulteriormente rafforzato il concetto di un progetto di integrazione per l'Eurasia, "da Lisbona a Vladivostok", come un modo per contrastare la NATO. Il concetto, che riprendeva l'idea del presidente francese Gen. Charles de Gaulle di un'Europa che si estende "dall'Atlantico agli Urali", è stato lanciato da Putin nel 2011, durante il suo mandato come primo ministro russo, in un articolo intitolato "Un nuovo progetto di integrazione Per l'Eurasia: il futuro in divenire". Nell'articolo, Putin ha spiegato che la Russia propone di "costituire una comunità armonizzata di economie che si estenda da Lisbona a Vladivostok".[25]

 

Nel suo articolo fondamentale del 2016 menzionato sopra, il ministro degli Esteri russo Lavrov ha osservato che il concetto di "casa comune europea"[26] per la Russia e l'Europa, sostenuto da de Gaulle (che non ha mai messo in dubbio che la Russia appartenesse all'Europa), era l'unico modo per costruire un'Europa forte e sicura (e non la costruzione della NATO). In un discorso del 23 novembre 1959 a Strasburgo, De Gaulle affermò infatti: "Sì, è l'Europa, dall'Atlantico agli Urali, è l'Europa, è l'intera Europa che deciderà le sorti del mondo".[ 27]

 

Tuttavia, secondo il Cremlino, le relazioni tra Europa e Russia sono ostacolate perché gli Stati Uniti stanno costruendo barriere attraverso l'espansione della NATO. Già nel 2014, durante una visita a Parigi, il portavoce della Duma russa Sergei Naryshkin aveva affermato che l'idea di de Gaulle di un'Europa dall'"Atlantico agli Urali" era importante per la sicurezza dell'Europa e che non aveva "alternative": "Ricordiamo il generale de Gaulle come l'autore dell'idea di un'Europa unita che si estende dall'Atlantico agli Urali, lui, come nessun altro, intuì il nucleo dei processi globali che stavano avvenendo in Europa in quel momento.Il suo scenario di fornire un futuro sicuro per L'Europa è rilevante ai nostri giorni e non ha alternative. Coloro che stanno cercando di infrangere questa tendenza rimanendo a migliaia di chilometri dall'Europa [cioè gli Stati Uniti] stanno commettendo un grave errore storico".[28]

 

"La cosiddetta idea liberale... è sopravvissuta al suo scopo"

 

L'elezione di Donald Trump nel 2016 ha segnato una nuova fase nell'ideologia del Cremlino, che cerca continuamente di plasmarsi seguendo le tendenze dei tempi. In effetti, l'ascesa del trumpismo è stata vista come il rifiuto popolare dell'interventismo, del globalismo e del liberalismo progressista, contro cui il Cremlino si è opposto dall'ascesa al potere di Putin. Il filosofo anti-liberale russo Dugin spiegò all'epoca: "La gente ha rifiutato il globalismo di Clinton e ha accettato Trump senza nemmeno sapere cosa rappresentasse specificamente.

 

Non ha detto nulla in particolare, semplicemente 'Io non sono il liberalismo, non il globalismo', e il la gente diceva 'che sia presidente, dicci di più'.[29] Il Cremlino ha poi pensato che fosse il momento giusto per rafforzare le sue posizioni anti-liberali, sfruttando il fatto che il divario politico e ideologico all'interno degli Stati Uniti è cresciuto e più polarizzato dopo l'elezione di Trump. In effetti, più il campo progressista liberale prendeva piede in Occidente, più il Cremlino definiva un'ideologia antiliberale per contrastarla e diventare un'alternativa allo stesso Trump, definito da Dugin un "imprevedibile eccentrico novizio e un outsider nella politica americana con una posizione traballante sotto la minaccia dell’impeachment."[30]

 

Quindi, il 27 giugno 2019, Putin ha rilasciato una storica intervista al Financial Times che ha ulteriormente plasmato la nuova ideologia conservatrice della Russia. Nell'intervista, Putin ha sottolineato: "La cosiddetta idea liberale... è sopravvissuta al suo scopo". Ha poi aggiunto: "L'idea liberale è diventata obsoleta. È entrata in conflitto con gli interessi della stragrande maggioranza della popolazione". E poi ha sottolineato: "Neanche l'idea liberale si può distruggere, ha il diritto di esistere e in alcune cose dovrebbe anche essere sostenuta. Ma non si deve pensare che abbia il diritto di essere il dominatore assoluto. Questo è il punto ."[31] Da quel momento in poi, la nuova ideologia conservatrice della Russia iniziò a diventare più chiaramente definita e dettagliata.

 

L'identità dell'Occidente contro l'identità della Russia

 

Il 19 agosto 2019, pochi mesi dopo l'intervista al Financial Times, Putin ha fatto visita al presidente francese Emmanuel Macron nel sud della Francia. Alla conferenza stampa congiunta, Putin sembrava aver modificato alcune posizioni dell'ideologia in corso della Russia nei confronti delle sue relazioni con l'Occidente, incolpandola della perdita di identità dell'Europa.

 

All'incontro, Macron ha citato con orgoglio de Gaulle: "Sto pensando a tutto ciò che è accaduto negli ultimi decenni, a ciò che è riuscito a separarci. So che la Russia è un paese europeo nel profondo del suo cuore. E crediamo in un'Europa che si estende da Lisbona a Vladivostok".

 

Tuttavia, se Macron si aspettava una reazione entusiasta da Putin, probabilmente sarebbe rimasto deluso. Commentando la dichiarazione di Macron, Putin ha dichiarato: "Riguardo alle prospettive di creazione di un'Europa comune che si estende da Lisbona a Vladivostok... credo che, se ci pensiamo oggi, e se fissiamo tali obiettivi, che sono molto importanti per l'Europa, nel contesto strategico a lungo termine (se vuole conservarsi come centro di civiltà), e anche per la Russia, e se lavoreremo insieme su questo, prima o poi ci avvicineremo al raggiungimento di questo obiettivo. scegliere una via in una forma o nell'altra (non importa come) e andare lentamente nella giusta direzione, in linea con le condizioni odierne…”[32]

 

In quel discorso, Putin ha sottolineato che sarebbe ancora interessato a creare "un'Europa comune che si estende da Lisbona a Vladivostok" solo a una condizione: che l'Europa "si conservi come centro di civiltà”.

 

Per comprendere il significato della citazione di Putin, vale la pena notare che il filosofo antiliberale russo Dugin, intervistato da The Economist nel 2017, ha sottolineato l'importanza dell'identità nella società russa e la differenza tra l'identità russa ed europea di oggi.

 

Dugin ha detto: "Prima di tutto, per capire qual è la differenza tra identità russa ed europea, dobbiamo capire cosa sia l'identità europea, perché non è così facile da capire. Ci sono due ragioni. Innanzitutto , ora, l'identità europea consiste, per quanto ne so, nella distruzione definitiva, quindi il concetto di identità è giudicato dall'agenda liberale o progressista come qualcosa che dovremmo superare.

 

"L'identità europea liberale consiste nel negare qualsiasi identità, come una sorta di trasgressione. Essere europei oggi significa non essere europei, ma essere dalla parte degli immigrati, dei musulmani e di tutti tranne che degli europei. Quando o se ti affermi come Un inglese radicato nella cultura inglese o un francese, 'Français de souche', è quasi o sembra che tu non sia solo un conservatore, ma un nazista. Sei qualcosa di completamente etichettato come estremista, marginale. Oggi, l'identità europea è negazione, negazione di qualsiasi tipo di identità. Ovviamente non è sempre stato così, ma questa è l'agenda liberale".

 

Dugin ha poi aggiunto: "Precisamente la differenza con l'identità russa è che neghiamo questa negazione. Con l'identità russa, non abbiamo vergogna di essere russi. Non abbiamo alcun senso di colpa per essere russi. Non abbiamo rimorsi per essere russi. Questa è la differenza , perché proprio essere tedesco significa vergognarsi di ciò che ha fatto la Germania. Essere britannici oggi significa provare rimorso per tutto ciò che l'impero britannico ha fatto in passato. Essere americani significa vergognarsi della parte meridionale della storia, della tratta degli schiavi.

 

"Non abbiamo rimorsi, quindi veniamo immediatamente giudicati per avere un'identità - questo è un crimine rispetto all'agenda liberale. Non è sempre stato così. Prima, l'Occidente incolpava l'Oriente o i cattolici incolpavano gli ortodossi per diversi motivi. Il le stesse tensioni geopolitiche esistevano prima, ma erano formulate in altri termini. Oggi è chiaro che difendiamo la nostra identità di valore».[33]

 

La Russia quindi non è più interessata a un'Europa che sta perdendo la propria identità occidentale ed europea e si interroga su dove stanno andando i valori e l'identità tradizionali dell'Europa.

Come ha spiegato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov pochi giorni dopo la dichiarazione di Putin alla conferenza stampa congiunta con Macron: "Il futuro della Russia come parte dell'Europa dipende in gran parte dalla volontà dell'Europa di preservare l'identità di civiltà di quest'area".[34]

 

L'identità eurasiatica della Russia

 

Va notato che la Russia sente di dover difendere la propria identità. Questa identità è radicata nella sua storia "eurasiatica", poiché la Russia è ed è stata un ponte naturale tra l'Europa e l'Asia. Il concetto di identità eurasiatica russa, radicato nei movimenti intellettuali del 1910-20, è stato ulteriormente sviluppato politicamente da Putin, che ha sponsorizzato la creazione nel 2015 dell'Unione economica eurasiatica (EAEU). L'EAEU è un'organizzazione internazionale per l'integrazione economica regionale degli stati post-sovietici situati nell'Europa orientale, nell'Asia occidentale e nell'Asia centrale e costituisce un passo verso la creazione di una "Grande Eurasia", il percorso russo per l'integrazione dell’Eurasia.

 

Eppure, molti studiosi russi e non russi hanno notato che per costruire una vera "Grande Eurasia", la Russia ha bisogno della Cina e dell'Ucraina dalla sua parte.

 

In un'intervista del 2021, l'accademico russo Sergey Karaganov ha sottolineato l'importanza della Cina per una Grande Eurasia: "[Una Grande Eurasia] sarà sicuramente costruita in un modo o nell'altro, a meno che la Cina non scelga la strada della politica imperialista... In questo caso, ci vorrà tempo per costruire una Grande Eurasia più o meno unificata. Ma il movimento continuerà". Tuttavia, le relazioni tra Russia e Cina non sono così idilliache, poiché Mosca non accetta di essere subordinata a Pechino, che è la principale potenza economica contraria alla Russia. Inoltre, in un articolo del 2019, lo storico militare Ilya Polonsky ha scritto sul periodico russo Military Review che mentre la politica statunitense nella regione Asia-Pacifico sta effettivamente spingendo Cina e Russia verso la creazione di un'alleanza militare a tutti gli effetti, la Russia non dovrebbe dimenticare i propri interessi, dal momento che gli interessi di Mosca in Asia centrale e in Estremo Oriente sono antitetici e contrastanti con quelli della Cina.[35]

 

Un altro elemento importante dell'identità eurasiatica della Russia è l'Ucraina. In un articolo sul concetto di "Near Abroad" (un termine usato per descrivere lo spazio post-sovietico in contrasto con il "lontano estero", che comprende nazioni che erano attori indipendenti durante l'era sovietica), Inozemtsev ha citato Zbigniew Brzezinski, il consigliere per la sicurezza nazionale di Jimmy Carter, che una volta osservò che "senza l'Ucraina, la Russia cessa di essere un impero eurasiatico".[36] Questa citazione riassume perfettamente il significato dell'importanza dell'Ucraina per la Russia e la sua identità eurasiatica. Inoltre, la citazione spiega anche l'avversione della Russia per l'espansione della NATO verso est, percepita anche come un ostacolo all'identità russa.

 

In questo senso, lo studioso canadese Michael Millerman, il principale traduttore dell'opera del filosofo Dugin dal russo all'inglese, ha spiegato che secondo Dugin, che è il fondatore del Movimento Eurasiatico Internazionale, il percorso eurasiatico per la Russia è basato su "un impero di civiltà" su "storia, cultura, lingua russa, un destino comune [e] una struttura etica e religiosa simile" che unisce il "grande spazio eurasiatico". Millerman ha poi spiegato che prima della guerra russo-georgia del 2008, il progetto imperiale eurasiatico della Russia era virtuale, ma, dopo la Georgia, la strada era aperta per stabilire un "impero di civiltà per davvero" eurasiatico. Nel 2008, infatti, Dugin ha visitato l'Ossezia del Sud e ha fatto la seguente previsione: "Le nostre truppe occuperanno la capitale georgiana Tbilisi, l'intero Paese, e forse anche l'Ucraina e la penisola di Crimea, che comunque storicamente fa parte della Russia".[ 37]

 

Tuttavia, sembra che negli anni la Russia abbia dovuto rivalutare il suo progetto eurasiatico. Nel 2016 Lavrov scrisse di un partenariato eurasiatico che si estendeva da Lisbona a Vladivostok, ma Mosca dovette presto abbandonare l'idea, soprattutto a causa delle posizioni politiche e militari dei membri della NATO in conflitto con il Cremlino. Inoltre, sembra anche non fattibile l'idea di una Grande Eurasia con la Cina al suo interno, in quanto i due paesi hanno interessi divergenti (come in Kazakistan, ad esempio) ed è anche possibile che Mosca e Pechino si scontrino in futuro . 

 

Karaganov ha scritto: "Può accadere che la Cina abbia le vertigini per il successo e voglia ampliare la cerchia di... stati vassalli. Ma se ciò accade, dovrà affrontare un gruppo di stati che opporranno resistenza. Questi includono non solo il Stati Uniti, che ora stanno lottando per contenere l'ascesa [della Cina], ma anche India, Iran, Turchia e Russia”.[38]

 

In un articolo del 2018, Vladislav Surkov, un tempo influente consigliere del Cremlino, ha scritto un articolo intitolato "La solitudine del mezzosangue", spiegando come la Russia abbia cercato senza successo nel corso della storia di trovare alleati in Occidente e in Oriente, entrambi appartiene a: "Per farla breve, la Russia ha trascorso quattro secoli spostandosi a est e poi altri quattro secoli a ovest. I tentativi di mettere radici sono falliti in entrambi i casi... La nostra identità culturale e geopolitica ricorda un'identità instabile di colui che nasce in un ambiente misto-famiglia di razza. È parente di tutti e non autoctono allo stesso tempo ovunque vada. È a casa tra estranei e uno sconosciuto in casa. Capisce tutti e non viene compreso da nessuno. Un mezzosangue, una croce- razza, un ragazzo dall'aspetto strano.

 

"La Russia è una nazione mezzosangue occidentale-orientale. Con la sua statualità a doppia testa, mentalità ibrida, territorio intercontinentale e storia bipolare, è carismatica, talentuosa, bella e solitaria. Proprio come dovrebbe essere un mezzosangue".

 

Surkov ha quindi concluso che l'unica scelta della Russia è quella di essere un proprio alleato: "La meravigliosa frase pronunciata dall'imperatore Alessandro III - 'La Russia ha solo due alleati: il suo esercito e la sua marina' - è forse la descrizione migliore della solitudine geopolitica che dovrebbe durare a lungo stato accettato come il nostro destino Naturalmente, l'elenco degli alleati può essere ampliato a piacere per includere: operai e insegnanti, petrolio e gas, la classe creativa e i robot di Internet dalla mentalità patriottica, il generale Frost e l'arcangelo Michele... Il significato sarà rimaniamo gli stessi: siamo i nostri stessi alleati…”[39]

 

Per questo motivo, per la Russia, è fondamentale mantenere la sua influenza sui paesi post-sovietici, che culturalmente e storicamente hanno fatto parte dell'"impero di civiltà" e dell'identità russa. Quindi, l'espansione verso est della NATO non è solo una minaccia per gli interessi della Russia, ma per la sopravvivenza dell'identità stessa della Russia.

 

Niente più URSS

 

L'obiettivo della Russia di mantenere la propria influenza nello spazio post-sovietico non significa una rinascita dell'Unione Sovietica. Putin lo ha chiarito più di una volta. Nel suo articolo del 2011 "A New Integration Project For Eurasia: The Future In The Making", Putin ha scritto: "Niente di tutto ciò comporta alcun tipo di rinascita dell'Unione Sovietica. Sarebbe ingenuo cercare di far rivivere o emulare qualcosa che è stato consegnato alla storia». Ha riconosciuto, tuttavia, che la Russia ha ricevuto "una grande eredità" dall'Unione Sovietica. "Abbiamo ereditato un'infrastruttura, impianti di produzione specializzati e uno spazio linguistico, scientifico e culturale comune. È nel nostro interesse comune utilizzare questa risorsa per il nostro sviluppo", ha scritto. Nell'articolo, Putin ha poi sottolineato che l'integrazione eurasiatica dovrebbe essere basata "su nuovi valori" e "un nuovo fondamento politico ed economico", suggerendo che questi nuovi valori dovrebbero opporsi all'egemonia occidentale ed essere diversi da quelli dell'Unione Sovietica.[ 40]

 

Tuttavia, secondo Putin, il crollo dell'Unione Sovietica è stata una "tragedia umanitaria", poiché il popolo russo è diventato dopo il 1991 la "nazione più divisa del mondo".[41] Come risultato del crollo dell'Unione Sovietica, la Russia ha perso un'importante parte del territorio, della popolazione e dell'influenza globale. Il Cremlino pensa di poter ricostruire parte di quell'influenza se riuscirà a resistere con fermezza all'Occidente, che è visto come il principale ostacolo per le ambizioni politiche della Russia. Tuttavia, con la sua economia in contrazione, la Russia sa che può affrontare l'Occidente solo sul campo ideologico.

 

Per fare ciò, il Cremlino ha dovuto elaborare, come direbbe Dugin, una "quarta teoria politica". Dugin ha classificato tre teorie politiche in ordine di apparizione che hanno caratterizzato il 20° secolo: liberalismo (la prima teoria), comunismo (la seconda teoria) e fascismo (la terza teoria). Il fascismo è emerso più tardi delle altre grandi teorie politiche ed è scomparso prima di loro. Il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991 segnò la vittoria del liberalismo sul comunismo. Così, alla fine del 20° secolo, il liberalismo rimase l'unica teoria in piedi.[42] Tuttavia, come ha detto Putin, "l'idea liberale inizia a distruggersi"[43] e si può plasmare una nuova ideologia. "Il modello liberale non ha il diritto di rivendicare il dominio e di credere che sia l'unico modello corretto al mondo", ha affermato Putin al Forum della settimana dell'energia russa del 2019.[44]

 

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica e la disastrosa epoca filo-occidentale di Eltsin, la Russia di Putin ha iniziato a cercare la propria identità, cercando le proprie radici eurasiatiche e guardando al proprio passato e alle tradizioni che erano state cancellate sotto il comunismo. Quindi, come ha osservato Dugin, uno dei primi passi verso una "quarta teoria politica" è la "riabilitazione della tradizione".

 

Tradizione

 

Come ha scritto lo studioso canadese Millerman: "[La Russia] si pone come difensore della moralità tradizionale contro l'opposizione postmoderna dell'Occidente ai valori cristiani. E declama gli eccessi della correttezza politica occidentale in aree come la politica di genere, concludendo che il liberalismo è "obsoleto". ' Questo orientamento ideologico riflette una posizione conservatrice e tradizionalista, distinta dall'individualismo liberale postmoderno e progressista."[45]

 

Infatti, secondo Putin, "tradizione" è il rispetto della "tradizionale cultura spirituale" russa, [46] che ha al centro la nazione, la religione e la famiglia tradizionale, e che si oppone a valori progressisti come l'apertura delle frontiere, l'immigrazione senza restrizioni , globalismo,[47] teoria queer, teoria del genere,[48] teoria critica della razza, politica dell'identità, cultura dell'annullamento e così via.

 

Dugin ha spiegato: "Dopo il fallito tentativo di integrazione nella comunità globale negli anni '90, grazie al fallimento delle riforme liberali, la società russa è diventata ancora più convinta della misura in cui il globalismo e gli atteggiamenti e principi individualisti sono estranei ai russi. Questo è ciò che determina il sostegno generale al corso conservatore e sovrano di Putin».[49]

 

Dal 2019 al 2020, anno delle elezioni presidenziali americane, Putin ha ulteriormente rafforzato le posizioni politiche della Russia basate sulla "tradizione", cercando di capitalizzare la dicotomia tra trumpismo conservatore e liberalismo progressista e l'ascesa di movimenti progressisti come Black Lives Matter che miravano alla rottura della tradizione (come il concetto di "famiglia nucleare"[50]). In questo lasso di tempo, Putin ha toccato tutti i temi che hanno animato il dibattito ideologico in Occidente, pur affermando l'impegno della Russia nei confronti della tradizione e delle visioni conservatrici, con l'obiettivo di assumere la guida del conservatorismo non solo in Russia, ma in Occidente e in il mondo.

 

Di seguito una panoramica della posizione di Putin che ha espresso tra il 2019 e il 2020 sull'agenda progressista liberale.

 

 

Putin sull'afflusso di migranti in Occidente

 

"Quando il problema della migrazione è venuto a galla, molte persone hanno ammesso che la politica del multiculturalismo non è efficace"

 

Nella famosa intervista al Financial Times del 2019, Putin ha affrontato il tema dell'immigrazione e della sovranità, sfidando le visioni progressiste su frontiere aperte e multiculturalismo:

"Quando il problema migratorio è arrivato al culmine, molte persone hanno ammesso che la politica del multiculturalismo non è efficace e che vanno presi in considerazione gli interessi del nucleo della popolazione... Si può criticare Trump per la sua intenzione di costruire un muro tra il Messico e gli Stati Uniti potrebbe andare troppo oltre. Sì, forse è così. Non sto discutendo su questo punto. Ma doveva fare qualcosa per l'enorme afflusso di migranti e narcotici.

 

"Nessuno sta facendo niente. Dicono che questo è male e anche quello è male. Dimmi, cosa è bene, allora? Cosa si dovrebbe fare? Nessuno ha proposto nulla. Non voglio dire che bisogna costruire un muro o alzare le tariffe del 5 per cento all'anno nelle relazioni economiche con il Messico. Non è quello che sto dicendo, ma qualcosa deve essere fatto. Sta almeno cercando una soluzione.

"A cosa sto guidando? Coloro che sono preoccupati per questo, americani comuni, guardano questo e dicono: 'Buon per lui, almeno sta facendo qualcosa, suggerendo idee e cercando una soluzione.'

"Per quanto riguarda l'idea liberale, i suoi fautori non stanno facendo nulla. Dicono che va tutto bene, che tutto è come dovrebbe essere. Ma è vero? Sono seduti nei loro comodi uffici, mentre quelli che affrontano il problema ogni giorno in Texas o in Florida non sono contenti, presto avranno problemi anche loro, qualcuno ci pensa?

 

"Lo stesso sta accadendo in Europa. Ne ho discusso con molti dei miei colleghi, ma nessuno ha la risposta. Dicono che non possono perseguire una politica intransigente per vari motivi. Perché esattamente? Solo perché. Abbiamo la legge, dicono. Bene. , allora cambia la legge!

"Anche in questo campo abbiamo un bel po' di problemi. Abbiamo frontiere aperte con le ex repubbliche sovietiche, ma la loro gente almeno parla russo. Capisci cosa intendo? E inoltre, in Russia abbiamo preso provvedimenti per snellire la situazione in questo ambito. Ora stiamo lavorando nei paesi da cui provengono i migranti, insegnando russo nelle loro scuole, e stiamo lavorando anche con loro qui. Abbiamo inasprito la legislazione per dimostrare che i migranti devono rispettare le leggi, usi e costumi del paese.

 

"In altre parole, anche in Russia la situazione non è semplice, ma abbiamo iniziato a lavorare per migliorarla. Mentre l'idea liberale presuppone che non si debba fare nulla. I migranti possono uccidere, depredare e violentare impunemente perché i loro diritti di migranti devono essere tutelati. Quali sono questi diritti? Ogni delitto deve avere la sua punizione».[51]

 

"La crisi migratoria è il risultato di questo modello liberale"

 

A pochi giorni dalla pubblicazione dell'intervista, mentre era al vertice del G20 di Osaka, Putin ha criticato il multiculturalismo come ostacolo all'integrazione. Putin ha detto: "Ma guarda la migrazione... Vedi, come si può immaginare che in alcuni paesi europei ai genitori venga detto che 'le ragazze non dovrebbero indossare la gonna a scuola per motivi di sicurezza.' Che cos'è? Ascolta, le persone vivono nel proprio paese nella loro stessa cultura. Cos'è? Come si è arrivati così lontano?" [52]

 

Pochi mesi dopo, al Forum della settimana dell'energia russa dell'ottobre 2019, Putin ha aggiunto: "Prendi alcuni paesi europei. Perché parlano continuamente della crisi migratoria? La crisi migratoria è il risultato di questo modello liberale. Semplicemente prendono tutto troppo lontano. Sarebbe meglio investire nelle economie in via di sviluppo, in modo da abbreviare la crescita della povertà. Sosteniamo questo processo nell'Organizzazione mondiale del commercio. Smettiamo di sovvenzionare l'agricoltura in Occidente e apriamo i nostri mercati all'agricoltura prodotti dai paesi in via di sviluppo. Investiamo in loro i fondi necessari, dando alle persone l'opportunità di lavorare e vivere nei loro paesi d'origine, guadagnandosi da vivere per le loro famiglie. Non vuoi farlo? Allora avrai i migranti. Il modello liberale non consente di fermare l'afflusso di migranti e il risultato è il malcontento tra la gente e una crescita di opinioni estreme e movimenti di estrema destra».[53]

 

Putin sulla religione

 

"I circoli liberali stanno iniziando a utilizzare alcuni elementi e problemi della Chiesa cattolica come strumento per distruggere la Chiesa stessa"

 

Nell'intervista al Financial Times, parlando del declino della religione e dei valori tradizionali in Occidente, Putin ha sottolineato:

«A volte ho la sensazione che questi circoli liberali stiano cominciando a usare alcuni elementi e problemi della Chiesa cattolica come strumento per distruggere la Chiesa stessa. Questo è ciò che ritengo scorretto e pericoloso.

 

"Va bene, abbiamo dimenticato che tutti noi viviamo in un mondo basato sui valori biblici? Anche gli atei e tutti gli altri vivono in questo mondo. Non dobbiamo pensarci ogni giorno, andare in chiesa e pregare, dimostrando così che siamo devoti cristiani o musulmani o ebrei. Tuttavia, nel profondo, devono esserci alcune regole umane fondamentali e valori morali. In questo senso, i valori tradizionali sono più stabili e più importanti per milioni di persone di questa idea liberale, che, secondo me, sta davvero cessando di esistere».[54]

 

Putin sulla famiglia e il "patriarcato"

 

"La comunità del padre... sta intraprendendo azioni concrete per contribuire a risolvere problemi urgenti nella sfera della famiglia"

 

Vale la pena notare che, andando contro le critiche del campo progressista al "patriarcato", nel 2019 la Russia ha creato il Consiglio dei Padri. In apertura del primo Forum dei Padri russi, Putin ha dichiarato: "Il governo dà la priorità al sostegno delle famiglie e al miglioramento della situazione demografica... A questo proposito, vorrei elogiare le attività su larga scala e sfaccettate dell'ufficio del Commissario presidenziale per i diritti dei bambini, che ha creato il Consiglio dei padri in Russia. Oggi, il padre la comunità amplia le sue forme di lavoro e i suoi metodi, partecipa attivamente alla realizzazione di progetti e programmi sociali, e si attiva concretamente per contribuire a risolvere problemi urgenti nell'ambito della famiglia e della tutela dei minori».[55]

 

Putin sulla teoria queer e l'identità di genere

 

'Le cose ci sembrano eccessive. Affermano ora che i bambini possono giocare cinque o sei ruoli di genere

 

Nell'intervista al Financial Times, Putin ha anche discusso della posizione della Russia sulla teoria queer e l'identità di genere: "Non sto cercando di insultare nessuno, perché siamo stati condannati per la nostra presunta omofobia così com'è. Ma non abbiamo problemi con le persone LGBT. Dio non voglia, che vivano come desiderano. Ma alcune cose ci sembrano eccessive. Ora affermano che i bambini possono interpretare cinque o sei ruoli di genere. Non posso nemmeno dire esattamente di che genere si tratti, non ne ho idea. Lascia che tutti siano felici, non abbiamo problemi con questo. Ma questo non deve oscurare la cultura , tradizioni e valori familiari tradizionali di milioni di persone che costituiscono il nucleo della popolazione».[56]

 

"Lascia che una persona cresca, diventi adulta e poi decidi chi è”

Al vertice del G20 del 2019 a Osaka, Putin ha aggiunto: "Abbiamo una legge per cui tutti ci prendono a calci, una legge che vieta la propaganda omosessuale tra i minori. Ma ascolta, lascia che una persona cresca, diventi adulta e poi decida chi è. Lascia in pace i bambini. Ci sono così tante invenzioni al giorno d'oggi. Ho anche detto nell'intervista [Financial Times] che hanno inventato cinque o sei generi, trasformatori, trans…

"Vedi, io non capisco nemmeno cosa sia…

 

"Il problema è che questa parte della società sta imponendo in modo aggressivo il proprio punto di vista alla maggioranza. Dobbiamo essere più leali gli uni con gli altri, più aperti e trasparenti. Non ho detto niente di insolito. Dobbiamo rispettare tutti, è vero, ma non dobbiamo imporre il nostro punto di vista agli altri. Nel frattempo, i rappresentanti della cosiddetta idea liberale stanno semplicemente forzando le loro idee sugli altri. Essi dettano la necessità della cosiddetta educazione sessuale. I genitori sono contrari e sono contrari. praticamente imprigionato per questo».[57]

 

Putin su Greta Thunberg

 

"Non condivido l'entusiasmo generale per l'azione di Greta Thunberg”

 

Nel 2019 Putin ha anche discusso le sue opinioni su Greta Thunberg, che ha lanciato gli scioperi dei Fridays for Future sui cambiamenti climatici ed è diventata presto una delle figure principali celebrate dal campo progressista: "Potrei deluderti, ma non condivido l'entusiasmo generale per l'azione di Greta Thunberg. Sai, è una buona cosa quando i giovani e gli adolescenti si concentrano sui gravi problemi di oggi, comprese le questioni ambientali, e hanno sicuramente bisogno di essere sostenuti. Ma quando altri usano bambini e adolescenti per i propri scopi, è una pratica che merita di essere condannata. È particolarmente sbagliato cercare di fare soldi in questo modo. Non sto dicendo che sia così, ma sicuramente dovrebbe essere monitorato.

 

"Sembra che nessuno abbia spiegato a Greta che il mondo moderno è complesso, diversificato e in rapido sviluppo, e le persone in Africa o in molti paesi asiatici vogliono vivere allo stesso livello di prosperità della Svezia. Ma come si può raggiungere questo obiettivo? Facendogli usare l'energia solare perché l'Africa riceve così tanto sole?Qualcuno le ha spiegato quanto costerebbe?

 

"Un collega parlava solo di petrolio. Probabilmente tutti sanno che il petrolio è la fonte numero uno nel bilancio energetico globale e manterrà i suoi vantaggi in quanto tale nei prossimi 25 anni. Questo è ciò che dicono gli esperti internazionali. È vero, il suo ruolo diminuirà gradualmente; vero, l'energia rinnovabile crescerà più velocemente. Questo è tutto vero, e dobbiamo lottare per questo. Ma questa tecnologia è alla portata delle economie emergenti e dei paesi in via di sviluppo in questo momento? A malapena, ma la gente vuole vivere lì proprio come in Svezia , e questo non può essere fermato Spiega loro che devono ancora vivere in povertà per altri 20-30 anni e che i loro figli vivranno in povertà - spiega loro questo.

 

"Queste cose richiedono un approccio professionale. Certo le emozioni sono inevitabili, ma comunque, se vogliamo essere efficaci, dobbiamo essere professionali. Sono sicuro che Greta è una ragazza gentile e molto sincera, ma tocca agli adulti cercare di evitare di condurre adolescenti e bambini in situazioni estreme, spetta agli adulti proteggerli da emozioni inutili che possono distruggere una personalità, questo volevo dire.

 

"Nel complesso, ovviamente, dovremmo assolutamente sostenere queste idee sullo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile, solo dobbiamo fare affidamento sulla realtà... Ancora una volta, utilizzare bambini e adolescenti per raggiungere obiettivi anche così nobili, esercitando una pressione emotiva così forte - lo ritengo sbagliato.”[58]

 


 

Il Manifesto di Putin contro il liberalismo progressista

 

Nel 2021, il democratico Joe Biden è diventato il presidente degli Stati Uniti. Una volta che Trump non sarà più presidente, Putin potrebbe rivendicare la posizione di leader indiscusso dell'ideologia conservatrice contro il liberalismo progressista, con l'obiettivo di sfidare l'ordine unipolare.

Lo stesso Dugin ha sottolineato: "Il rifiuto del liberalismo e della globalizzazione è diventato particolarmente acuto negli ultimi anni, poiché il liberalismo stesso ha rivelato i suoi tratti profondamente ripugnanti alla coscienza russa. Ciò giustificava una certa simpatia tra i russi per Trump e un parallelo profondo disgusto per i suoi oppositori liberali .

 

"Da parte di Biden, l'atteggiamento nei confronti della Russia è abbastanza simmetrico. Lui e le élite globaliste in generale vedono la Russia come il principale avversario della civiltà, rifiutandosi ostinatamente di accettare il vettore del progressismo liberale e difendendo ferocemente la sua sovranità politica e la sua identità."[59 ]

 

Quindi, con l'obiettivo di diventare il principale concorrente ideologico dell'America, Putin ha colto l'occasione al Valdai Forum dell'ottobre 2021 per presentare il suo manifesto più completo sulla nuova ideologia "conservatrice" della Russia, in cui non solo ha dichiarato che la "fine della storia" non si concretizzò, ma paragonò il liberalismo progressista al comunismo, descrivendoli come entrambe ideologie fallite. Al contrario, Putin ha promosso quello che ha definito un "sano conservatorismo". Citando uno dei suoi filosofi preferiti Nikolai Berdyayev, che fu espulso dall'Unione Sovietica nel 1922, Putin disse: "Il conservatorismo non è qualcosa che impedisce il movimento verso l'alto, in avanti, ma qualcosa che ti impedisce di ricadere nel caos". Ha poi aggiunto: "Se trattiamo il conservatorismo in questo modo, esso fornisce una base efficace per ulteriori progressi”.[60]

 

Nel suo discorso-manifesto al Forum Valdai, Putin ha criticato la cultura dell'annullamento, la teoria del genere e la teoria critica della razza, che sono al centro del liberalismo progressista, e ha descritto queste teorie come un déjà vu dei tempi del bolscevismo:

 

"Dove sono i fondamenti umanitari del pensiero politico occidentale? ... Quali sono i limiti etici generali nel mondo in cui il potenziale della scienza e delle macchine sta diventando quasi illimitato? ... Alcune persone in Occidente credono che un'eliminazione aggressiva di intere pagine dalle proprie storia, 'discriminazione inversa' contro la maggioranza nell'interesse di una minoranza, e la richiesta di rinunciare alle nozioni tradizionali di madre, padre, famiglia e persino di genere, ritengono che tutte queste siano le tappe del cammino verso il rinnovamento sociale .

 

"Senti, vorrei sottolineare ancora una volta che loro hanno il diritto di fare questo, noi ne stiamo fuori. Ma vorremmo chiedere loro di tenersi fuori anche dai nostri affari. Abbiamo un punto di vista diverso, a almeno la stragrande maggioranza della società russa – sarebbe più corretto dire così – ha un'opinione diversa su questo argomento: crediamo che dobbiamo fare affidamento sui nostri valori spirituali, sulla nostra tradizione storica e sulla cultura della nostra nazione multietnica .

 

"I fautori del cosiddetto 'progresso sociale' credono che stiano introducendo l'umanità in una sorta di nuova e migliore coscienza. Dio santo, issate le bandiere, come diciamo, andate avanti. L'unica cosa che voglio dire ora è che le loro prescrizioni non sono affatto nuove. Può sorprendere alcune persone, ma la Russia c'è già stata. Dopo la rivoluzione del 1917, i bolscevichi, basandosi sui dogmi di Marx ed Engels, hanno anche affermato che avrebbero cambiato modi e costumi, non solo politici ed economici, ma la nozione stessa di moralità umana e le basi di una società sana.

 

La distruzione di valori secolari, di religione e di relazioni tra le persone, fino al totale rifiuto di famiglia (avevamo anche quello), incoraggiamento a informare sui propri cari: tutto questo era proclamato progresso e, tra l'altro, era ampiamente sostenuto in tutto il mondo allora ed era abbastanza di moda, come oggi. erano assolutamente intolleranti all'op inioni diverse dalle loro [Qui, Putin sembra fare una citazione indiretta dal libro di Fëdor Dostoevskij "L'idiota": "Ho scoperto da molte osservazioni che i nostri liberali sono incapaci di permettere a chiunque di avere le proprie convinzioni e di rispondere immediatamente all'avversario con abusi o qualcosa di peggio"].

 

"Questo, credo, dovrebbe richiamare alla mente parte di ciò a cui stiamo assistendo ora. Guardando ciò che sta accadendo in un certo numero di paesi occidentali, siamo stupiti nel vedere le pratiche domestiche - che, fortunatamente, abbiamo lasciato, spero - nel lontano passato La lotta per l'uguaglianza e contro la discriminazione si è trasformata in dogmatismo aggressivo al limite dell'assurdo, quando le opere dei grandi autori del passato – come Shakespeare – non vengono più insegnate nelle scuole o nelle università, perché si crede alle loro idee essere arretrati. I classici sono dichiarati arretrati e ignorano l'importanza del genere o della razza. A Hollywood, vengono distribuiti promemoria sulla corretta narrazione e su quanti personaggi di che colore o genere dovrebbero essere in un film. Questo è anche peggio dell'agitprop dipartimento del Comitato Centrale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica.

 

"Contrastare gli atti di razzismo è una causa necessaria e nobile, ma la nuova 'cultura dell'annullamento' l'ha trasformata in 'discriminazione inversa', ovvero razzismo inverso. L'enfasi ossessiva sulla razza divide ulteriormente le persone, quando i veri combattenti per la civiltà diritti sognavano proprio di cancellare le differenze e di rifiutarsi di dividere le persone per colore della pelle. Ho chiesto espressamente ai miei colleghi di trovare la seguente citazione di Martin Luther King: "Ho un sogno che i miei quattro bambini un giorno vivranno in una nazione dove vivranno non essere giudicato dal colore della loro pelle, ma dal loro carattere.' Questo è il vero valore. Tuttavia, lì le cose stanno andando diversamente. A proposito, la maggioranza assoluta dei russi non pensa che il colore della pelle di una persona o il suo genere sia una questione importante. Ognuno di noi è un essere umano Questo è ciò che conta.

 

"In un certo numero di paesi occidentali, il dibattito sui diritti di uomini e donne si è trasformato in una perfetta fantasmagoria. Guarda, fai attenzione ad andare dove un tempo i bolscevichi avevano pianificato di andare: non solo comunalizzare i polli, ma anche comunalizzare le donne. Un altro passo e tu sarà là."Putin ha poi aggiunto:

 

"I fanatici di questi nuovi approcci arrivano addirittura a voler abolire del tutto questi concetti. Chiunque osi menzionare che uomini e donne esistono davvero, il che è un fatto biologico, rischia di essere ostracizzato. 'Genitore numero uno' e 'genitore numero due ," "genitore alla nascita" invece di "madre" e "latte umano" in sostituzione di "latte materno" perché potrebbe turbare le persone che non sono sicure del proprio genere. Ripeto, non è una novità; negli anni '20, il così- chiamati Kulturtraegers sovietici hanno anche inventato qualche neolingua credendo che stessero creando una nuova coscienza e cambiando i valori in questo modo e, come ho già detto, hanno combinato un tale pasticcio che a volte fa ancora rabbrividire.

 

"Per non parlare di alcune cose veramente mostruose quando ai bambini viene insegnato fin dalla tenera età che un ragazzo può facilmente diventare una ragazza e viceversa. Cioè, gli insegnanti in realtà impongono loro una scelta che tutti presumibilmente abbiamo. Lo fanno mentre chiudono il genitori fuori dal processo e costringendo il bambino a prendere decisioni che possono sconvolgere la loro intera vita.Non si preoccupano nemmeno di consultare gli psicologi infantili: un bambino a questa età è anche in grado di prendere una decisione del genere? vanga, questo rasenta un crimine contro l'umanità, e viene fatto in nome e all'insegna del progresso.

 

"Beh, se a qualcuno piace questo, lo faccia fare. Ho già detto che, nel plasmare i nostri approcci, saremo guidati da un sano conservatorismo. È successo qualche anno fa, quando le passioni sulla scena internazionale non erano ancora in funzione alto come lo sono ora, anche se, ovviamente, possiamo dire che le nuvole si stavano addensando anche allora. Ora, quando il mondo sta attraversando un disgregazione strutturale, l'importanza del conservatorismo ragionevole come fondamento di un corso politico è salito alle stelle, precisamente a causa del moltiplicarsi dei rischi e dei pericoli e della fragilità della realtà che ci circonda».[61]

 

Alla conferenza stampa annuale di dicembre 2021, Putin ha concluso l'anno ribadendo il sostegno della Russia ai valori tradizionali e conservatori, sfidando ancora una volta l'Occidente e il suo liberalismo progressista: "Se qualcuno pensa che un uomo e una donna siano la stessa cosa, lascia che sia. Tuttavia, c'è ancora del buon senso nel mondo.

 

"Potrei sbagliarmi anche se è improbabile... Penso che negli Stati Uniti - e se sbaglio non siate infastiditi da me - un detenuto condannato per stupro si è dichiarato donna e ha chiesto di essere trasferito in un carcere femminile. Quindi, l'hanno fatto. E ha prontamente violentato la sua compagna di cella, ma dovrebbe esserci una parvenza di buon senso in ogni cosa.

 

"O prendi gli atleti. Un uomo si dichiara donna e gareggia, diciamo, nel sollevamento pesi o in qualche altro sport. Lo sport femminile cesserà di esistere completamente. Ci deve essere un po' di buon senso. Sostengo l'approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una madre è una madre e un padre è un padre. Spero che la nostra società abbia una protezione morale interiore dettata dalle fedi tradizionali della Federazione Russa".

 

Ha poi sottolineato: "Tutti i popoli della Federazione Russa - voglio sottolineare 'tutti' - hanno una certa protezione morale interiore contro l'oscurantismo [cioè il liberalismo progressista] ... Spero che i nostri popoli, le etnie russe abbiano un'immunità sufficientemente profonda e sistemi di protezione contro questo oscurantismo... E non va contrastato con istruzioni dirette, schiaffi o accuse, ma sostenendo i nostri valori tradizionali, che continuo a ripetere».[62]

 

Conclusione

 

Secondo Dugin, la Russia non è ancora riuscita a plasmare "un'ideologia completa e coerente" che potrebbe porre una seria sfida alle idee del liberalismo progressista. "Le élite liberali radicate ai vertici della società sono ancora forti e influenti in Russia, e le idee, le teorie e i metodi liberali dominano ancora l'economia, l'istruzione, la cultura e la scienza. Tutto ciò indebolisce il potenziale della Russia, disorienta la società e pone le basi per le crescenti contraddizioni interne", ha affermato Dugin. Tuttavia, Dugin ha ritenuto che la Russia rappresenti "il polo più importante - se non il principale! - del Grande Risveglio". Per Dugin, il "Grande Risveglio" significa aver "capito l'essenza di quella strategia fatale, sia assassina che suicida del" progresso "come la intendono le élite liberali globaliste". "E se lo comprendiamo, allora siamo in grado di spiegarlo agli altri. I risvegliati possono e devono risvegliare tutti gli altri", ha affermato Dugin.[63]

 

Il famoso accademico russo Alexander Lukin ha suggerito che la missione di Mosca è svegliare e allertare il mondo dai "pericoli" del liberalismo progressista, che definisce con il termine popolare "svegliato", perché negli anni '20 la Russia ha già vissuto un "periodo simile" con Bolscevismo. Quindi, la Russia comprende più di ogni altro paese la "natura distruttiva della nuova ideologia" e "la sua inaccettabilità". "Al di fuori del mondo occidentale, molti non hanno fretta di criticare la nuova ideologia, temendo di sembrare 'non progressisti' o di essere ostracizzati dai 'paesi sviluppati.' 

 

Tuttavia, una discussione critica sulla nuova ideologia è estremamente necessaria; una maggioranza silenziosa di persone in varie parti del mondo lo sta chiaramente aspettando, e se gli studiosi russi lo avviano, questo può rafforzare la loro posizione intellettuale nel mondo", ha affermato Lukin, che ha poi aggiunto: "Possiamo guardare alla società occidentale di oggi nello stesso modo in cui guardava alla Russia bolscevica un secolo fa: una bizzarra orda di selvaggi che, sotto lo slogan della giustizia universale, hanno rovinato il proprio paese e stabilito una brutale dittatura ideologica sui suoi resti».[64]

 

La Russia comprende profondamente l'Occidente (dopotutto la Russia è innegabilmente culturalmente parte dell'Occidente) e le sue debolezze. Per molto tempo, gli studiosi occidentali hanno ridotto il "putinismo" a "clientismo", "populismo" e "fascismo".[65] Tuttavia, l'Occidente non si è ancora reso conto che la Russia di Putin sta diventando il principale concorrente ideologico dell'Occidente. È riuscita ad agganciarsi a un grande dibattito in Occidente sui limiti e le contraddizioni del liberalismo progressista e ha preso le redini della leadership del pensiero conservatore. La Russia sta costruendo una nuova ideologia "conservatrice" approfittando degli Stati Uniti' polarizzazione politica e sua debolezza ideologica - Il ricercatore della Columbia Richard Hanania ha recentemente affermato che gli Stati Uniti "promuove ideali [per i quali] pochi sono disposti a combattere e per cui sono disposti a morire". politica di rimanere rilevante nella scena politica globale.

 

Vale la pena notare che la Cina non è ancora il concorrente ideologico dell'Occidente. La Cina sfida l'unipolarità dell'Occidente politicamente, economicamente e militarmente, ma non ancora ideologicamente. La Cina ha un'ideologia per il proprio popolo, il "socialismo con caratteristiche cinesi", ma non per il mondo. Inoltre, va notato – come ha detto Dugin – che non esiste ancora una teoria delle relazioni internazionali cinesi (IR), anche se ci sono "alcuni approcci fruttuosi".[67] Il filosofo cinese Zhao Tingyang ha forse sviluppato una teoria filosofica dell'internazionalizzazione relazioni che hanno avuto il maggior impatto tra gli studiosi cinesi.

 

Nei suoi libri, Zhao ha rivisitato l'antico concetto di Tianxia (Tutto sotto il cielo) in una moderna teoria del governo e dell'ordine mondiale. In un articolo del 2018 pubblicato sul Washington Post, Zhao ha scritto che "il concetto di tianxia definisce un mondo inclusivo con armonia per tutti".[68] I concetti di Zhao, tuttavia, sono stati meglio decifrati da Dugin: "La Cina è un impero , non solo nel senso tradizionale, ma anche nell'idea di unificare unità nazionali e politiche. Un impero non è uno stato politico, ma qualcosa di più: un sistema. Si può qui menzionare Tianxia (天下). È qualcosa che unisce di più di un soggetto politico e può espandere la sua influenza su uno spazio più ampio... 

 

La Cina è molto più di uno stato, ed è qui che il concetto di Zhao Tingyang è di fondamentale importanza: affermare la Cina come Tianxia. La crescita di questa Tianxia dovrebbe essere in armonia. Potresti diciamo: non iniziamo con il globale, ma iniziamo con la nostra regione, installiamo praticamente ora il progetto Belt and Road, installiamolo qui, mostriamo come funziona, e se l'umanità sarà sedotta da questo momento Tianxia, forse altri accetteranno esso.L'importante ce è iniziare con la Cina, nei limiti delle vostre possibili capacità, per introdurre questo concetto inclusivo basato su relazioni, giustizia, etica ed egemonia. La Cina dovrebbe essere riconosciuta come un polo in tutti i sensi. Lì hai già gli aspetti di base di una versione cinese della teoria del mondo multipolare."[69]

 

Tianxia quindi è un progetto a lungo termine che può o non può avere successo. La Russia, tuttavia, è pronta a sfidare l'Occidente in questo momento, e può farlo utilizzando concetti chiari e accattivanti che già esistono in Occidente e che da secoli fanno parte della Weltanschauung occidentale. Per questi motivi, la Russia sta diventando e forse è già l'attuale concorrente ideologico dell'Occidente.

 

*Anna Mahjar Barducci è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project.

 

 

_________________________________ 

  

 

[1] Cfr. Indagine e analisi MEMRI n. 1616, La nuova ideologia "conservatrice" russa per contrastare il liberalismo, di Anna Mahjar-Barducci, 11 gennaio 2022

[2] En.kremlin.ru/events/president/transcripts/24034, 10 febbraio 2007.

[3] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 9518, scienziato politico cinese Zheng Yongnian: "La tragedia afgana ha inflitto un altro colpo al fallito esperimento democratico occidentale della nostra generazione", 30 agosto 2021.

[4] Mid.ru, 12 novembre 2019

[5] Globalaffairs.ru, 20 settembre 2019.

[6] Eng.globalaffairs.ru/articles/a-new-epoch-of-confrontation, accesso il 30 novembre 2020.

[7] Cremlino.ru, 29 ottobre 2019; Mid.ru, 29 ottobre 2019.

[8] Cremlino.ru, 29 ottobre 2019; Mid.ru, 29 ottobre 2019.

[9] Geopolitica.ru/en/article/pensieri-durante-la-piaga-no-2-end-globalization

[10] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

[11] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony, 22 gennaio 2019.

[12] En.kremlin.ru/events/president/transcripts/24537, 14 settembre 2007.

[13] Vpk-news.ru/articles/64558, 8 novembre 2021.

[14] Rferl.org/a/russia-le-pen-visit-kremlin-ukraine-sanctions/28388456.html, 24 marzo 2007.

[15] Izborsk-club.ru/9335, 31 maggio 2016.

[16] Cfr. Dispaccio speciale MEMRI n. 8710, Filosofo russo anti-liberale Dugin: il nuovo ordine mondiale multipolare è su di noi, dove la Russia, la Cina e persino gli Stati Uniti possono sopravvivere sospendendo la democrazia, 22 aprile 2020; MEMRI Inquiry and Analysis No. 1480, Contemporary Russian Thinkers Series – Part I – Il famoso accademico russo Sergey Karaganov On Russia And Democracy, di Anna Mahjar Barducci, 29 ottobre 2019; Messaggio speciale MEMRI n. 8312, l'ex consigliere per la politica estera di Putin Karaganov: la nuova missione della Russia è difendere la pace globale; La democrazia è un sistema antimeritocratico, 10 ottobre 2019; Messaggio speciale MEMRI n. 7730, ex consigliere del Cremlino Karaganov: La nostra gente è antioccidentale; L'autoritarismo non ci viene imposto dall'alto, la storia ha plasmato il nostro codice genetico, 25 ottobre 2018; Messaggio speciale MEMRI n. 7699, ex consigliere del Cremlino Karaganov: Abbiamo esaurito la dispensa europea... La Russia è una potenza autoritaria per il suo "trucco genetico", 7 ottobre 2018.

[17] Mid.ru, 29 ottobre 2019.

[18] Cfr. MEMRI Inquiry and Analysis n. 1239, Understanding Russian Political Ideology And Vision: A Call For Eurasia, From Lisbon To Vladivostok, 23 marzo, di Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa, 23 marzo 2016.

[19] Nato.int/docu/speech/1990/s900517a_e.htm

[20] Bild.de/politik/ausland/wladimir-putin/russian-president-vladimir-putin-the-interview-44092656.bild.html, 11 gennaio 2016.

[21] Novayagazeta.ru, 29 febbraio 2016.

[22] Vedi MEMRI Daily Brief n. 355, Cosa aspettarsi da Russia-USA Relazioni nel 2022, di Vladislav Inozemtsev, 19 gennaio 2022

[23] Il 6 marzo 2009, a Ginevra, il Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha dato al ministro degli Esteri russo Lavrov un pulsante rosso con la parola inglese "reset".

[24] Russiancouncil.ru, 15 luglio 2016.

[25] Rusemb.org.uk/press/246, 4 ottobre 2011.

[26] Il concetto di una casa comune europea è stato sposato dall'ex presidente sovietico Mikhail Gorbachev, che ha cercato di dividere l'Europa e gli Stati Uniti quando è stata discussa la questione dello stazionamento dei missili statunitensi nell'Europa orientale. Tuttavia, l'approccio di Gorbaciov non ha convinto il primo ministro britannico Margaret Thatcher, il cancelliere tedesco Helmut Kohl e il presidente francese François Mitterrand. In un discorso del 6 luglio 1989 al Consiglio d'Europa a Strasburgo, in Francia, Gorbaciov dichiarò: "La filosofia del concetto di casa comune europea esclude la probabilità di uno scontro armato e la possibilità stessa dell'uso o della minaccia della forza , soprattutto la forza militare, da un'alleanza contro un'altra alleanza, all'interno di alleanze o ovunque essa sia." Ha aggiunto: "Per quanto riguarda il contenuto economico della casa comune europea, consideriamo una prospettiva realistica - anche se non vicina - l'emergere di un vasto spazio economico dall'Atlantico agli Urali [come da de Gaulle] dove le parti orientale e occidentale sarebbero fortemente interconnesse".

[27] Cfr. MEMRI Inquiry and Analysis n. 1239, Understanding Russian Political Ideology And Vision: A Call For Eurasia, From Lisbon To Vladivostok, 23 marzo, di Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa, 23 marzo 2016.

[28] Tass.com/russia/747633, 1 settembre 2014.

[29] Geopolitica.ru/en/article/4th-political-theory-and-post-liberalism, 17 gennaio 2017.

[30] Cfr. MEMRI Special Dispatch No. 6940, Anti-Liberal Russian Philosopher Dugin: 'Who Are You Mr. Trump?', 23 maggio 2017.

[31] Ft.com/content/878d2344-98f0-11e9-9573-ee5cbb98ed36, 27 giugno 2019.

[32] Cremlino.ru, 19 agosto 2019.

[33] Cfr. MEMRI Special Dispatch n. 7398, Russian Anti-Liberal Philosopher Dugin: Under Putin, la sovranità sta diventando più forte, ma l'identità russa è in uno stato malato, 25 marzo 2018.

[34] Cfr. MEMRI Special Dispatch No. 8263, Russia This Week – Focus On Bilateral Relations – 6 settembre 2019, 6 settembre 2019.

[35] Vedi MEMRI Special Dispatch No. 8245, Russia This Week – Focus On Defense – 27 agosto 2019, 27 agosto 2019.

[36] Cfr. Indagine e analisi MEMRI n. 1545, The 'Near Abroad' – A Key Explanatory Concept In Russian Foreign Policy, 7 gennaio 2021.

[37] Cfr. MEMRI Inquiry and Analysis No. 1616, Contemporary Russian Thinkers Series – Russian Anti-Liberal Philosopher Alexander Dugin Articulates Russia's Unofficial Ideology: Eurasianism, di Dr. Michael Millerman, 2 dicembre 2019.

[38] Vpk-news.ru/articles/64558, 9 novembre 2021.

[39] Eng.globalaffairs.ru/articles/the-loneliness-of-the-half-breed/, 28 maggio 2018.

[40] Rusemb.org.uk/press/246, 4 ottobre 2011.

[41] En.kremlin.ru, 22 ottobre 2015.

[42] Cfr. MEMRI Special Dispatch n. 6789, The Fourth Political Theory - Russian Anti-Liberal Philosopher Dugin: The Alternative To Liberalism Is 'Returning To The Middle Ages', 16 febbraio 2017

[43] En.kremlin.ru/events/president/news/60857, 29 giugno 2019.

[44] En.special.kremlin.ru/catalog/keywords/71/events/61704, 2 ottobre 2019.

[45] Cfr. MEMRI Inquiry and Analysis No. 1616, Contemporary Russian Thinkers Series – Russian Anti-Liberal Philosopher Alexander Dugin Articulates Russia's Unofficial Ideology: Eurasianism, di Dr. Michael Millerman, 2 dicembre 2019.

[46] En.kremlin.ru/events/president/news/67438, 23 dicembre 2021.

[47] Cfr. il messaggio speciale MEMRI n. 8341, giornalista russo Mardan: il globalismo è una minaccia molto più forte per la Russia che per l'Occidente, 31 ottobre 2019

[48] MEMRI TV Clip n. 7655, il conduttore televisivo russo Dmitry Kiselev critica Hollywood per aver promosso il "genere" come una nuova ideologia che sostiene la soppressione degli uomini, 27 novembre 2019.

[49] 4pt.su/en/content/manifesto-great-wakening-against-great-reset?fbclid=IwAR0S5_VjswS1DOvdHDfRRpUwbCus_CnJYox5eNgr5R9DLmjI7z98cC1rCnY

[50] Uca.edu/training/files/2020/09/black-Lives-Matter-Handout.pdf

[51] Ft.com/content/878d2344-98f0-11e9-9573-ee5cbb98ed36, 27 giugno 2019.

[52] En.kremlin.ru/events/president/news/60857, 19 giugno 2019.

[53] En.special.kremlin.ru/catalog/keywords/71/events/61704, 2 ottobre 2019.

[54] Ft.com/content/878d2344-98f0-11e9-9573-ee5cbb98ed36, 27 giugno 2019.

[55] En.kremlin.ru/events/president/news/59856, 19 febbraio 2019.

[56] Ft.com/content/878d2344-98f0-11e9-9573-ee5cbb98ed36, 27 giugno 2019.

[57] En.kremlin.ru/events/president/news/60857, 19 giugno 2019.

[58] En.special.kremlin.ru/catalog/keywords/71/events/61704, 2 ottobre 2019.

[59] 4pt.su/en/content/manifesto-great-wakening-against-great-reset?fbclid=IwAR0S5_VjswS1DOvdHDfRRpUwbCus_CnJYox5eNgr5R9DLmjI7z98cC1rCnY

[60] En.kremlin.ru/events/president/news/66975/print, 21 ottobre 2021.

[61] En.kremlin.ru/events/president/news/66975/print, 21 ottobre 2021.

[62] En.kremlin.ru/events/president/news/67438, 23 dicembre 2021.

[63] 4pt.su/en/content/manifesto-great-wakening-against-great-reset?fbclid=IwAR0S5_VjswS1DOvdHDfRRpUwbCus_CnJYox5eNgr5R9DLmjI7z98cC1rCnY

[64] Eng.globalaffairs.ru/articles/the-right-to-insanity/?fbclid=IwAR2kAHeJGSfU2cDLAHB46U2T67WYu73FM9ZPmmhHcFhyzx49Hjchv8extiU, 28 dicembre 2021.

[65] Cfr. MEMRI Inquiry and Analysis No. 1616, Contemporary Russian Thinkers Series – Russian Anti-Liberal Philosopher Alexander Dugin Articulates Russia's Unofficial Ideology: Eurasianism, di Dr. Michael Millerman, 2 dicembre 2019.

[66] Richardhanania.substack.com/p/russia-as-the-great-satan-in-the, 26 gennaio 2022.

[67] Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations/, 5 febbraio 2019.

[68] Washingtonpost.com/news/theworldpost/wp/2018/02/07/tianxia/, 7 febbraio 2018.

[69] Eurasianist-archive.com/2019/01/22/dugin-in-shanghai-multipolarity-unipolarity-and-hegemony/ 22 gennaio 2019; Eurasianist-archive.com/2019/02/05/dugin-in-shanghai-china-in-international-relations/, 5 febbraio 2019.

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

Disegni:

"Beat the Whites with the Red Wedge," a 1919 poster by Russian artist El Lissitzky. 

"Cautiously! Liberalism!" (Source: Twitter)

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie