Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/06/24 ore

Porto di speranza a Gaza: l'inizio della fine della guerra?



di Yigal Carmon*

(da MEMRI - Middle East Media Research Institute)

 

L’iniziativa americana di costruire un porto temporaneo al largo della costa della Striscia di Gaza non è altro che un miracolo. Ha un peso molto maggiore della fornitura assolutamente necessaria di cibo e aiuti umanitari alla popolazione di Gaza.

 

Ha implicazioni militari, politiche e strategiche di vasta portata e una potenziale tabella di marcia verso una fine pacifica della guerra, con una vittoria su Hamas e i suoi sponsor, Qatar e Iran.

 

In effetti è un miracolo che l’amministrazione statunitense, che così spesso si è svenduta politicamente al suo cosiddetto alleato non NATO (Qatar), sia andata avanti con una mossa così coraggiosa e umanistica coinvolgendo invece gli Emirati Arabi Uniti in cerca di pace e antiterrorismo invece del Qatar.

 

Ciò significa una potenziale inversione della politica americana e una vittoria del blocco formato da Israele, Autorità Palestinese, Giordania, Arabia Saudita ed Emirati (con il nascente Egitto) sul blocco formato da Qatar, Iran, Hezbollah, Houthi, Russia e Cina.

 

Basta vedere chi è contrario a questa mossa umanitaria. Il Qatar, dopo aver versato lacrime di coccodrillo per mesi a causa della fame a Gaza, si oppone con tutte le sue forze a questo progetto di portare enormi quantità di cibo per la popolazione e descrive il progetto come una bara.

 

Inoltre, il Qatar sembra indirettamente minacciare gli Stati Uniti attraverso il mezzo mediatico folle e selvaggio Rai Al-Yawm – il cui noto editore Abd Al-Bari Atwan si dice sia sul libro paga del Qatar e promuova la sua agenda pro-terrorismo – di lanciare missili  contro navi e soldati americani. Questo per quanto riguarda l'alleato non NATO.[2]

 

L’amministrazione dovrebbe avvertire il Qatar che qualsiasi missile che colpisca il progetto umanitario del porto sarà considerato un attacco del Qatar contro i soldati americani.

 

Chi altro è contrario a questo progetto umanitario? Naturalmente: l’Iran, alleato del Qatar.

 

Non c'è bisogno di alcuna spiegazione qui. Tutto ciò che impedisce alle mani strangolatrici di Hamas e del Qatar di afferrare la popolazione di Gaza è per definizione qualcosa a cui l’Iran si opporrà con tutti i suoi delegati (l’Iran ufficiale si è espresso senza perdere un colpo contro il Porto della Speranza su vari media ufficiali descrivendolo come un complotto contro Hamas (vedi tre esempi).[3]

 

L’Egitto ha paura di esporre la sua posizione antiamericana, ma è chiaramente contrario a questa mossa americana perché la chiusura del valico di Rafah per aiutare i camion gli costerà enormi quantità di denaro che ottiene dalla corruzione attraverso la sua losca organizzazione nel Sinai (vedi MEMRI Daily Brief No 571, Il commerciante militare che può detenere una chiave per la Gaza post-Hamas, 16 febbraio 2024).

 

Una vittoria su Hamas e la partecipazione degli Emirati Arabi Uniti e successivamente della Giordania apriranno l’orizzonte per una soluzione tra Israele e palestinesi basata sulla sconfitta di Hamas, che cerca apertamente di distruggere non gli insediamenti ma Israele stesso, come hanno fatto il 7 ottobre. , e continuano a cantare il loro slogan "Dal fiume al mare, la Palestina sarà libera". Sia gli Emirati che la Giordania si impegneranno nella distribuzione del cibo alla popolazione.

 

L'iniziativa portuale taglierà il controllo Hamas-Qatar sui rifornimenti che finora passavano attraverso il valico di Rafah, e da lì venivano rubati da Hamas e poi venduti alla popolazione a prezzi gonfiati. Qualsiasi indebolimento del Qatar renderà Hamas più collaborativo nel trasformare gli ostaggi in una risorsa commerciale nei negoziati, il che non è il caso in questo momento, poiché il loro obiettivo principale è il cessate il fuoco e il ritiro israeliano.

 

Il Porto della Speranza consentirà a Israele di effettuare l’operazione militare assolutamente necessaria a Rafah, che sia il presidente Biden che il primo ministro Netanyahu considerano per loro una linea rossa (per ragioni diverse). Israele potrà portarlo a termine con perdite civili minime poiché la popolazione si sposterà nuovamente dove c’è un flusso sicuro e costante di cibo grazie agli Stati Uniti e agli Emirati.

 

Questa continua fornitura di aiuti umanitari a Gaza potrebbe diventare l’inizio della fine di questa terribile guerra se l’amministrazione non darà ascolto ai tentativi del Qatar e dell’Iran di farla deragliare.

 

La cosa peggiore che accadrebbe sarebbe se l’America coinvolgesse il Qatar nel progetto portuale. Il Qatar, non potendo fermare l’amministrazione, cercherà di sabotare il progetto dall’interno.

 

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, che è prigioniero e collaboratore del Qatar, potrebbe tentare di coinvolgere il Qatar. Secondo quanto riportato dai media,[4] Sara Netanyahu, con una mossa patetica e inutile volta a degradare Israele, ha inviato una lettera d'onore a la matriarca della famiglia criminale Aal Thani, Sheikha Moza, e le ha chiesto aiuto per il rilascio degli ostaggi, tutto questo probabilmente con il consenso del primo ministro.

 

Si spera che la lobby del Qatar nell’amministrazione Biden – che presenta la sua opposizione all’iniziativa portuale come una difesa degli interessi americani – non riesca in questo complotto, perché il porto serve gli interessi dell’America.

 

Se la lobby del Qatar al Congresso riuscisse a bloccare questo progetto strategico-umanitario, Israele non si troverebbe ad affrontare altra opzione se non la continuazione della guerra, che la maggior parte degli israeliani sostiene per prevenire altri o più attacchi del 7 ottobre,[5] qualcosa di cui il presidente Biden non ha bisogno mentre novembre si avvicina.

 

*Yigal Carmon è presidente del MEMRI.

 

Da sinistra a destra: il leader supremo iraniano Ali Khamenei, il leader di Hamas Ismail Haniyeh, l'emiro del Qatar Tamim bin Hamad Al Thani, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente degli Emirati Arabi Uniti Mohamed bin Zayed Al-Nahyan

 

 

[1] Alaraby.co.uk/caricature/%D9%85%D9%8A%D9%86%D8%A7%D8%A1-%D8%A7%D9%84%D9%85%D8%B3%D8 %A7%D8%B9%D8%AF%D8%A7%D8%AA, 11 marzo 2024.

[2] Raialyoum.com/%D9%87%D9%84-%D8%B3%D8%AA%D8%B3%D8%AA%D9%88%D8%B1%D8%AF-%D8%AD% D9%85%D8%A7%D8%B3-%D8%AE%D8%A8%D8%B1%D8%A7%D8%A1-%D9%85%D9%86-%D8%A7%D9%84 %D9%8A%D9%85%D9%86-%D9%84%D9%84%D8%AA%D8%B9%D8%A7%D8%B7, 9 marzo 2024.

[3] Un importante commentatore governativo la descrive come una manovra per mandare fuori i leader di Hamas, come fu fatto nel 1982 con la leadership dell’OLP dal Libano a Tunisi.

Ilna.ir/%D8%A8%D8%AE%D8%B4-%D8%A8%DB%8C%D9%86-%D8%A7%D9%84%D9%85%D9%84%D9%84 -8/1458283-%D8%AA%D8%A8%D8%B9%DB%8C%D8%AF-%D8%B1%D9%87%D8%A8%D8%B1%D8%A7%D9%86 -%D8%AD%D9%85%D8%A7%D8%B3-%D9%BE%D8%B4%D8%AA-%D9%BE%D8%B1%D8%AF%D9%87-%D8 %A7%DB%8C%D8%AC%D8%A7%D8%AF-%D8%A8%D9%86%D8%AF%D8%B1-%D9%85%D9%88%D9%82%D8 %AA-%D8%BA%D8%B2%D9%87, accesso 11 marzo 2024.

Ilna.ir/Section-world-8/1458443-seeks-exile-of-hamas-leaders-by-creation-temporary-port-in-gaza-expert, 11 marzo 2024.

Tehrantimes.com/news/496010/Biden-struggles-to-shake-off-Dictator-Genocide-Joe-epithet, 10 marzo 2024.

Sobh-eqtesad.ir/%D9%87%D9%85%D9%87-%D8%A7%D9%87%D8%AF%D8%A7%D9%81-%D8%A8%D8%A7%DB %8C%D8%AF%D9%86-%D8%A7%D8%B2-%D8%B1%D8%A7%D9%87%DA%A9%D8%A7%D8%B1-%D8%B3% D8%A7%D8%AE%D8%AA-%D8%A8%D9%86%D8%AF%D8%B1-%D8%A8%D8%B1%D8%A7/%D8%AE%D8%A8 %D8%B1-%D9%88%DB%8C%DA%98%D9%87, 11 marzo 2024.

[4] Jpost.com/israel-hamas-war/article-791356, 11 marzo 2024.

[5] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 10923, Ghazi Hamad, funzionario di Hamas: ripeteremo l'attacco del 7 ottobre, ancora e ancora, finché Israele non sarà annientato; Siamo vittime – Tutto ciò che facciamo è giustificato, 1 novembre 2023. L’iniziativa americana di costruire un porto temporaneo al largo della costa della Striscia di Gaza non è altro che un miracolo. Ha un peso molto maggiore della fornitura assolutamente necessaria di cibo e aiuti umanitari alla popolazione di Gaza.

 

(da MEMRI - Middle East Media Research Institute)

 


Aggiungi commento