Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/05/24 ore

Omicidio Navalny. Chi accredita Putin? Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa



“Un pugno al cuore dopo essere stato esposto per molto tempo a condizioni di congelamento: così, secondo una fonte citata dal Times, sarebbe stato ucciso Alexei Navalny, dopo che nei giorni scorsi la vedova Yulia Navalnaya aveva invece accusato direttamente il presidente Vladimir Putin di averlo fatto avvelenare con l'agente nervino Novichok…” - così l’Agenzia Ansa riporta le dichiarazioni di Vladimir Osechkin, fondatore del gruppo per i diritti umani Gulagu.net, che ne ha parlato al quotidiano britannico, avanzando anche questa ipotesi sulle cause della morte del dissidente russo.

 

In effetti - scrive Francesco Sisci su Formiche, testata quotidiana online -  la questione di per sé è, nella migliore delle ipotesi, di lana caprina. Se mandi una persona in prigione oltre il circolo polare artico a 50 sotto zero certamente schiatta. È un miracolo se non succede…”. E ancora “ …In altre parole, ammesso e non concesso che si debba arrivare a un compromesso con Mosca sull’Ucraina ciò non significa che si debba farlo rinunciando ai nostri principi – che i dissidenti non vanno ammazzati e chi ammazza i dissidenti appartiene a un altro circolo ricreativo… Se non si fa questo distinguo passa il messaggio che anche nel mondo libero, e anche in Italia in questo caso, c’è chi vorrebbe ammazzare i dissidenti come ha fatto Putin. I nostrani dubbiosi pelosi di Putin possono pensarlo oppure sono spaventati dalla ferocia di Putin e quindi si preparano a piegarsi. Questo più di ogni altra cosa è pericolosa, la complicità attiva o passiva alle barbarie…”.

 

Sulla morte dell’oppositore russo, sulle sue cause, sul suo omicidio, sulle implicazioni che in Europa, in America, in Italia si possono avere, discutono nell’audiovideo di Agenzia Radicale Video che segue, proprio Francesco Sisci, sinologo, giornalista e analista politico, con Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale.

 

- Omicidio Navalny. Chi accredita Putin? Conversazione con Francesco Sisci di Giuseppe Rippa

(Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento