Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/05/22 ore

'Kubrick. Una storia porno' su Youtube


  • Florence Ursino

“Ricorda, siamo Artisti. Qualsiasi cosa diremo tu ricorda che siamo Artisti. Artisti che ti possono pagare un sacco di soldi. Artisti, soldi....” e la conclusione è una bella web-serie in chiave pornografica. Tre puntate per una stagione pilota prodotta da Magnolia Fiction e messa in onda su Youtube, 40 minuti in totale per parlare di ambizioni, progetti, dell'estenuante quotidiana rincorsa dell'esule dio Lavoro e del suo debole compagno di viaggio, il Sogno.

 

Il tutto in chiave 'hard': questa è 'Kubrick, una storia Porno', una fiction, spiega il regista Ludovico Bessegato, “in cui il racconto del backstage di una serie televisiva, in questo caso il web, è pretesto per raccontare altre storie”. Pochi gli ingredienti di questa ricetta afrodisiaca diffusa sulla Rete: tre ambiziosi cineasti in erba e squattrinati, un produttore desideroso di debellare il virus che sta lentamente uccidendo l'industria del porno, l'amatoriale, e 7mila euro per 5 minuti di materiale a luci rosse.

 

D'altronde, ricordano a chi nutre qualche pudica perplessità i tre protagonisti della serie, anche Kubrick aveva in progetto 'Blue Movie'...Ma “il vero argomento – racconta ancora Bessegato (che è anche responsabile editoriale di Magnolia Fiction) – è la crescita umana e professionale di tre ragazzi nati nel decennio sbagliato: la pornografia diventa uno strumento come un altro per raccontare una generazione di artisti che ha difficoltà a esprimersi”.

 

Uno strumento 'usato bene', senza falsi pudori, senza ipocriti doppi sensi, senza bigotte autocensure né gratuite volgarità, offerto liberamente ai naviganti così, occhio ammiccante e piacevole nudità.

 

Vogliamo dimostrare che un prodotto così, molto diverso dalle fiction che passa la tv, ha un pubblico” ha precisato 'La Buoncostume' (gli autori della serie, Carlo Bassetti, Simone Laudiero, Fabrizio Luisi e Pier Mauro Tamburini) e di sicuro, stanco della solita minestra riscaldata da mamma televisione, il popolo della ragnatela non si lascerà sfuggire questo piccante bocconcino.


Aggiungi commento