Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/11/17 ore

Beppe Grillo ci mette la faccia


  • Antonio Marulo

Quindi il blog di Grillo non è di Grillo. Se ne parla in queste ore e vien da chiedersi dove sia la novità o la sorpresa. Non a caso si è sempre detto e accusato che dietro il buontempone ligure ci fosse la Casaleggio & Associati. Del resto, da chi è sempre stato abituato a farsi scrivere i testi, come ogni bravo cabarettista, non si poteva pretende tanta genialità anti-politica, per altro espressa di proprio pugno.

 

Adesso però la cosa è ufficiale, a scanso di ulteriori equivoci, grazie alla linea difensiva scelta per evitare danni alle tasche, a seguito di una querela per diffamazione intentata dal Partito democratico. Beppe Grillo si ritiene infatti responsabile solo per ciò che firma. Per il resto nulla sa e di nulla intende rispondere, perché – scrive in un post (almeno così sembra) - "il Blog beppegrillo.it è una comunità online di lettori, scrittori e attivisti a cui io ho dato vita e che ospita sia i miei interventi sia quelli di altre persone che gratuitamente offrono contributi. Il pezzo oggetto della querela del Pd era un post non firmato, perciò non direttamente riconducibile al sottoscritto…".

 

Da ciò si evince che il comico ci mette la faccia; chi quell’altra famigerata parte anatomica, invece, non si è ben capito.