Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/18 ore

A prova di Codice rocco



Spesso la normalità, l'ovvio, o ciò che dovrebbe essere tale, diventa rivoluzionario. Per esempio, dovrebbe in teoria essere scontato che gli autori di un programma di approfondimento politico si scelgano liberamente tempi, modi e criteri delle cosiddette ospitate in tv, senza lasciarsi dettare le regole dai responsabili della comunicazione dei partiti. Invece, da qualche tempo a questa parte è in uso esattamente l'andazzo contrario.

 

Per questo ha fatto notizia lo scatto d'orgoglio della conduttrice di Omnibus su La7, Gaia Tortora, che ha scelto (era ora) di fare volentieri a meno dei rappresentanti della nuova maggioranza di governo, in particolar modo quelli di sponda grillina, rifiutandosi di rispettare il cosiddetto “Codice rocco”, da Rocco Casalino.

 

I “soggetti del cambiamento” lo avevano di fatto imposto, chiedendo e ottenendo i servigi della “libera” stampa di regime in questi lunghi anni di campagna elettorale, con interviste singole senza contradditorio o confronto con le parti avverse, da studio col bravo presentatore, o dalle piazze con tifo al seguito. Il tutto a beneficio della propaganda, con buona pace della dignità e della reputazione di una professione a giusta ragione impopolare in Italia.

 

Sarà interessante ora seguire l'evoluzione della storia che vede protagonisti i campioni del giornalismo nostrano alle prese con i nuovi frequentatori della stanza dei bottoni. E' probabile che l'intemerata di Gaia Tortora resti un caso isolato e non abbia il seguito auspicato.

 

Ce li vedete, infatti, tanto per citarne alcuni, Giovanni Floris – campione del genere -, il tribuno Massimo Giletti o il narciso maratoneta Mentana rinunciare per principio a un tête-à-tête con Luigi laqualunque Di Maio? Lecito dubitare. (A.M.)

 

 


Commenti   

 
0 #2 ilSocialista 2018-06-07 21:33
ovviamente il pollaio da schizzare gli ascolti, e stimola spot e consumi; la parolaccia e l'inconcludenza diventa moneta sonante e volano dell'economai e in effetti non sai mai dove comincia il politico e dove finisce il pubblicitario e dove gode la produzione; anche lo sterco acquista dignità e diventa oro; nessun antico alchimista avrebbe potuto sperare tanto, qualli poveracci erano rimasti al piombo.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2018-06-07 21:28
una volta c'era tribuna politica ed era molto meglio; poi sono venuti i pollai e lo scopo è quello di insultarsi senza alcun approfondimento tematico e politico; la politica si è sputtanata da sola, e questo è stato funzionale al nuovo mondo in cui il cittadino non serviva più, doveva restare solo il consumatore; insulti politici impotenti fra uno spot e l'altro
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna