Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/09/20 ore

Mattarella, dal moriremo al siamo tutti democristiani


  • Antonio Marulo

Aspettando l’insediamento ufficiale al Quirinale, Sergio Mattarella si gode la proverbiale luna di miele del neopresidente. Il “palazzo” che lo ha eletto canta vittoria a prescindere, in un coro che accomuna tutti i condomini del cosiddetto arco costituzionale. 

 

Come accadeva nella prima repubblica grazie al sistema proporzionale che consentiva a tutti i partiti di dire, decimale più decimale meno, confrontando i consensi strumentalmente con questa o quell’altra consultazione, di essersi aggiudicati le elezioni, con Mattarella – e qui sta il vero capolavoro renziano –tutti – a sentirli – possono ritenersi in qualche modo soddisfatti e vincenti.

 

Tolti Renzi e la sua truppa, ovviamente, hanno così vinto quelli che non avrebbero mai puntato su un nome espressione del patto del Nazareno; hanno vinto quindi la sinistra estrema di Vendola e la cosiddetta minoranza bersaniana del Pd. Hanno vinto, manco a dirlo, gli eredi della sinistra dc,con una commossa Rosy Bindi in testa, più in generale gli ex democristiani riciclati a destra e a manca.

 

Hanno altresì vinto gli isolani trasversalmente collocati del cosiddetto “battaglione Sicilia”; e tra questi, Angelino Alfano, apparso raggiante per aver anche nel contempo – dice lui – rinsaldato i rapporti con Forza Italia per alleanze future. Ma hanno vinto pure i cosiddetti fittiani, che possono gridare a Berlusconi di aver sbagliato a fidarsi del fiorentino; e in fondo ha vinto anche l’ex Cavaliere, perché poteva andargli peggio, perché per un po’ il patto stipulato col premier avrà meno occhi distruttivi addosso.

 

Non possono lamentarsi nemmeno le cosiddette opposizioni dure e pure: i “Fratelli d’Italia”, felici di sventolare sterilmente il candidato di bandiera Vittorio Feltri come suggello della loro fermezza; la Lega di Salvini, che potrà proseguire la campagna elettorale permanente, speculando sulla frantumazione a destra; finanche il Movimento 5 stelle, che si attribuisce pateticamente il merito di aver evitato, con la sua azione di disturbo, che salisse sul Colle un impresentabile.

 

Fuori dal parlamento, gioiscono le vecchie glorie della Prima repubblica come Ciriaco Mita, redivivo ottantenne, in questi giorni alle prese con i taccuini dei giornalisti per fare un po’ di storia elogiativa della vecchia balena bianca. Ed è felice Francesco Rutelli, che si fa vivo talvolta per prendere le distanze dagli scandali giudiziari che lo sfiorano, talaltra per attribuirsi i meriti del miracolo “Margherita”, i cui petali nonostante tutto sono ancora ben saldi in tutti i posti che contano.

 

Intanto, i grandi media si mantengono per ora agiografici e prudenti, come è d’uopo in questi casi per una categoria molto attenta a dove spira il vento del potere. Questo almeno per qualche giorno ancora, perché, in fondo e in attesa di morirne, siamo tutti un po' democristiani.

 

 


Commenti   

 
0 #2 ilSocialista 2015-02-03 01:24
Soprattutto avevano un seguito popolare di massa vero, anche perchè la masse erano meno masse di ora, non erano la cacarella diarroica psicosomatica liquida di adesso. E si sa, quando la cacca è liquida, anche il disagio, la puzza e la putrefazione crescono sempre.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2015-02-03 01:23
Amico mio, al culmine del nefando trentennio pseudoglobalist a-monetarista del cazzo-di-cane a chi non è mai capitato di rimpiangere i vecchi notabili democristiani keynesiani?
A volte erano uomini di cultura sopraffina, come Moro che certo si capiva poco ma solo a sentirlo ti si ricreava lo spirito;
I più non agivano per gretti interessi personali e conducevano vite dignitose ed appartate; se avevano una amante era solo una e la tenevano nascosta, non la sputtanavano ai quattro venti come dei satrapi orientali da basso impero.
Tenevano un contegno decoroso, non si azzuffavano per nulla in televisione e non sbroccavano di parolacce insensate nella consapevolezza rabbiosa di non contare in realtà una mazza.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna