Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

02/07/20 ore

Interviste a pagamento, Grillo alle prese con la grana Favia


  • Ermes Antonucci

Non è andata giù a Beppe Grillo il coinvolgimento di Giovanni Favia, consigliere regionale del M5S in Emilia Romagna, nella vicenda delle interviste a pagamento in tv. Favia ha ammesso l’utilizzo di fondi pubblici per farsi intervistare su alcune emittenti locali, e ciò ha provocato l’ira dell’ex comico genovese, che sul suo blog ha bacchettato il consigliere: “Pagare per andare in televisione per il Movimento 5 Stelle è come pagare per andare al proprio funerale, anche se è certamente lecito. I soldi pubblici e il M5S sono inconciliabili”.

 

Non sarà piaciuta a Grillo, probabilmente, la giustificazione del “così fan tutti”, sorprendente per un Movimento che ha come scopo proprio quello di distinguersi dalla massa indistinta e disonesta dei partiti. Oppure sarà stata la conclusione di Favia ad irritarlo (“Fino al giorno in cui in Italia non ci sarà un’informazione libera continueremo a pagare”), un po’ insolita per chi fino a ieri rifiutava qualsiasi dialogo con i giornalisti, figure pericolose in quanto pagate – sic! – da chissà chi.

 

Senza sottolineare che “quelle spese documentate sul sito del Movimento”, che Favia cita orgogliosamente, in realtà nessuno sa dove si trovino, e il consigliere sempre orgogliosamente evita di rispondere ai tanti cittadini che chiedono di pubblicare la pagina internet che ospiterebbe tali documenti.

 

Ma l’apoteosi si è raggiunta con la risposta di Favia al leader: “Avrei preferito che Grillo nel suo comunicato spiegasse meglio la questione. Capisco che si senta attaccato, ma non ho fatto un utilizzo illegale dei finanziamenti della regione”. Stupisce, infatti, che la difesa del consigliere si concentri sulla legalità o meno del proprio comportamento, nonostante il Movimento da sempre si ponga come principale obiettivo quello di valutare le diverse condotte non solo dal punto di vista meramente giudiziario, ma soprattutto morale.

 

L’altra considerazione che la vicenda permette di avanzare riguarda la natura padronale del Movimento. E’ Grillo l’unico in grado di valutare l’operato dei suoi rappresentanti, nessun’altro può farlo. Se emerge un caso, come questo delle interviste pagate, tutti i “movimentisti”, per comprendere quale lettura dare e quale strada intraprendere, devono aspettare che giunga un comunicato dall’alto.

 

Bisogna, insomma, necessariamente attendere che da una villa di Genova venga scritto un post su un blog, sul quale, poi, nessuno potrà avanzare alcun tipo di critica. Neanche se, per dispensare insegnamenti di democrazia, si decide di citare Benito Mussolini.


Commenti   

 
0 #5 piero 2012-08-18 14:27
Se questo movimento non desse fastidio,questo interessamento NON ci sarebbe,quindi. ...
Citazione
 
 
0 #4 Delio60 2012-08-18 13:30
Paura del M5Stelle ehhhhh?
Citazione
 
 
0 #3 beltranda 2012-08-18 12:41
linchiesta sulle interviste pagate con i nostri soldi andrebbe fatta in tutta l'italia, così si mantengono tv locali e siti giornalistici on line. quando finalmente qualcuno si deciderà?
Citazione
 
 
0 #2 Melo55 2012-08-18 12:32
Il mio commento alla notizia è stato tolto perché ha dato fastidio ?
Citazione
 
 
0 #1 Melo55 2012-08-18 12:28
E' vero il M5S sta dando fastidio soprattutto a chi è pagato dal "sistema" e pensa che non sarà più remunerato per le minch.... che dice.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna