Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/02/21 ore

Liberale, liberista, libertario: Berdini e Radio Radicale



L’intervista che l’ex assessore all’Urbanistica di Roma, Paolo Berdini, ha rilasciato a Massimiliano Coccia è emblematica per certi versi di come Radio Radicale vada sempre più uniformandosi allo stile informativo prevalente, senza nemmeno preoccuparsi di difendere le ragioni storiche, culturali e politiche dell’essere radicali.

 

Al termine dei venti minuti di colloquio, durante i quali Berdini ha avuto modo di testimoniare il suo sconcerto circa la distanza fra il dire e il fare della politica grillina, l’ex assessore esprime grande stima e riconoscimento per Colomban, l’assessore alle Partecipate in procinto di abbandonare anch’egli la giunta capitolina.

 

Nel farlo dice: “pur non condividendo molte delle sue idee liberiste…” , quasi che si sorprenda che una persona degna e valida possa essere liberista. Nonostante il marchio negativo del “liberismo”, si può essere dotati di qualità insomma.

 

Ecco, ad essere indicativo è il fatto che l’interlocutore di Berdini non ha alcuna reazione di fronte a ciò. Dopo anni che Pannella usava la triade di aggettivi “liberale, liberista e libertario”, come un unicum che definiva la politica radicale, si lascia passare come se nulla fosse il vizio mentale, cresciuto e nutrito dentro la sinistra italiana di matrice marxista, che storce ancora il naso di fronte alla cultura liberale e al liberismo (di enaudiana memoria s’intende…).

 

Si rinuncia così alla battaglia per chiarire in modo definitivo i guasti di oltre mezzo secolo di consociativismo e Radio Radicale finisce per farsi megafono dell’anti-pannellismo. Bel paradosso. (L.O.R.)

 

 


Aggiungi commento