Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/18 ore

Di Maio, una caccia al “tesoro” ben poco seria



Eppure i soldi c'erano. O meglio, così avevano assicurato, mettendolo pure nero su bianco nel Blog delle stelle (già “sacro” di Grillo) a gennaio. Non solo: in giro per comizi lo andavano ripetendo come un mantra. E alla domanda “come farete a sostenere le promesse e il programma?”, Luigi Di Maio rispondeva: con 30 miliardi dai risparmi dalla spending review, 40 miliardi dal taglio delle detrazioni e deduzioni, 10-15 miliardi da più deficit.

 

Con queste cifre altro che reddito di cittadinanza. Ce ne sarebbe stato per tutti i gusti, forse anche per quelli di Salvini, allora antagonista nella pseudo-alleanza di centrodestra.

 

Evidentemente qualcosa è andata storta. A pochi giorni dalla presentazione della Manovra, al ministero dell'Economia stanno infatti facendo ancora i conti della serva. Non si trovano più i denari. Mancano persino i fondi per fare molto - ma molto - meno di quanto annunciato.

 

Ovvero, quel che resta delle tre priorità del "contratto": il reddito di cittadinanza, che non è più il reddito di cittadinanza; la Flat tax, piatta come il pianeta terra e la revisione delle legge Fornero, diventata una barzelletta tra le tante che il “Capitano” ha ripetuto due giorni fa da Floris su La7.

 

Con le casse semivuote non resta quindi che stabilire le priorità. Tria si mostra inamovibile e a quanto pare vorrebbe sacrificare maggiormente il sussidio ai disoccupati. Ma Di Maio non vuole sentire ragioni: pretende “che il ministro dell'Economia di un governo del cambiamento trovi i soldi per gli italiani che momentaneamente sono in grande difficoltà". Perché – ha rincarato - "Un governo serio, che ha fatto delle promesse, non può aspettare due o tre anni per mantenerle".

 

In realtà, ce ne vogliono almeno 5, come va dicendo ora il leader della Lega, cambiando le carte in tavola. A conferma – ma non ce n'era tanto bisogno - che tra quelle promesse elettorali, oltre che nel governo pentastellato, di serio c'è ben poco. (A.M.)

 

 


Commenti   

 
0 #2 ilSocialista 2018-09-20 20:10
pare che persino l'Economist, la Voce del Padrone stia dando qualche segnale di dubbio se non di resipiscenza come ci dice l'articolo di Polito,
https://www.corriere.it/opinioni/18_settembre_18/sinistra-che-ignora-deboli-06c5cb20-bb70-11e8-bdaa-50b21d428469.shtml
Questo è segnale sicuro che anche ai piani alti mondiali qualche timida consapevolezza della Stronzata si manifesta; però è difficile cha ai piani bassi si manifesti la stessa seria epistemologia stercoraria in chi il sistema spalleggia pur non traendone benefici.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2018-09-20 19:58
ma, sai credo che i 5 Stelle e la Lega Farage e la Lepen, AFD dobbiamo tenerceli cari perchè alla prossima crisi finanziaria dopo di loro in occidente ci sono questi che si stanno preparando e sono molto meno rassicuranti e farsi quattro risate alla buona sarà molto ma molto più difficile;
http://espresso.repubblica.it/attualita/2018/09/18/news/stati-nazisti-d-america-tra-svastiche-hitler-e-fanatici-sostenitori-della-necessita-di-sterminio-1.327072?ref=HEF_RULLO
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna