Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/11/17 ore

Cannabis terapeutica, si acquista in Olanda ciò che si brucia in Italia



di Paolo Fantauzzi

(da L'Espresso)

 

L'ultimo caso risale ai giorni scorsi. Da Rovigo si sono mossi in sette: tre dipendenti della Asl, due del Consiglio per la ricerca in agricoltura (Cra) e altrettanti finanzieri. Destinazione: Padova. Scopo del viaggio:bruciare 36 chili di cannabis, frutto della ricerca medica effettuata proprio a Rovigo dal Cra, ente vigilato dal ministero e autorizzato dal dicastero della Salute alla coltivazione. Un trasporto speciale, quello verso l'inceneritore, che ha tenuto impegnato il personale per una mezza giornata buona, fra tragitto e procedure burocratiche varie, e che è costato qualche migliaio di euro.

 

La cannabis data alle fiamme era il risultato di un anno di prove, sperimentazioni e selezioni varie ma anche semplici potature delle piante madre che vengono periodicamente spuntate per evitare che diventino troppo grandi: radici, arbusti e residui di foglie con un principio attivo relativamente basso ma anche qualche chilo di infiorescenze con un livello di thc attorno al 20 per cento. Esattamente quanto ne contiene il Bedrocan, uno dei medicinali prodotti dalle serre farmaceutiche olandesi e che l'Italia importa in grandi quantità, circa 40 chili solo nel 2015. E che, dietro prescrizione, viene rivenduto ai pazienti affetti da patologie neurodegenerative a prezzi stratosferici: 35 euro al grammo.

 

Tanto per avere un'idea della spesa, a chi è affetto da sclerosi multipla ne possono essere prescritti fino a dieci grammi al giorno. Con conseguenze economiche facilmente immaginabili, per chi non vuole ricorrere a mezzi di procacciamento più economici. E col risultato paradossale, peraltro, che quando questi prodotti sono arrivati sul mercato le narcomafie hanno alzato il prezzo della marijuana, assai più basso, e si sono arricchite ancora di più.

 

Dalla cannabis prodotta a Rovigo a fini di ricerca e poi bruciata si sarebbe potuto recuperare il principio attivo e diluirlo a seconda delle necessità per produrre estratti, fosse anche solo a fini sperimentali. Tanto più che proprio il Cra ha appena dato allo stabilimento chimico-farmaceutico militare di Firenze (che inizierà a breve la distribuzione sul mercato di prodotti a base di canapa medica) 130 talee, ovvero piccoli rami radicati nel terreno per ricreare la parte mancante. E la parte mancante era esattamente quella incenerita...

 

- prosegui la lettura su L'Espresso

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna