Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/11/22 ore

Steinbrück (Spd): “La Germania non deve umiliare i Paesi del Sud”



di Paolo Lepri

 

Peer Steinbrück, l'uomo che fra un anno sfiderà Angela Merkel, è noto anche per il suo tagliente sarcasmo. E non vuole smentire la sua fama. Accetta volentieri le congratulazioni per la sua nomina a candidato cancelliere della Spd, ma aggiunge subito: «C'è anche chi mi fa le condoglianze». Siamo al Willy-Brandt Haus, il quartier generale e la casa della cultura dei socialdemocratici tedeschi, dove lavora in una stanza luminosa, all'ultimo piano, che guarda verso gli spazi sterminati del quartiere di Kreuzberg.

 


Questa al Corriere è la prima intervista che l'ex ministro delle Finanze nel governo di grande coalizione, 65 anni, concede a un giornale straniero dopo la sua investitura. Dal 2005 al 2009 ha collaborato con la sua avversaria. Ma più che al passato, Steinbrück vuole guardare al futuro e a come costruire, con tutto il rigore che lo contraddistingue, un'alternativa alla coalizione nero-gialla (cristiano-democratici, cristiano-sociali e liberali) che guida la Germania.

 

Le critiche sui lauti compensi percepiti negli ultimi anni per discorsi e interventi non sembrano averlo demoralizzato. Anzi. Nei giorni scorsi ha detto che aver indicato dettagliatamente tutte le somme ricevute è stato «un esempio» che tutti dovranno seguire. Oggi arriva in Italia per incontrare il presidente del Consiglio Mario Monti e il segretario del Partito democratico Pier Luigi Bersani. In camicia bianca senza giacca, cravatta rossa, fa capire di non aver tempo per molti altri preamboli….

 

prosegui la lettura integrale su corriere.it


Aggiungi commento