Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/17 ore

Assemblea degli iscritti al Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito a Teramo il 25 e 26 giugno 2016



Assemblea degli iscritti al Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito a Teramo il 25 e 26 giugno 2016. Il direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale e già segretario del Partito Radicale Giuseppe Rippa – da iscritto - non è potuto intervenire nonostante lo avesse richiesto.

 

La presidenza ha argomentato che sono stati tagliati molti altri interventi a causa della inderogabile fine lavori alle 13,30 per la necessità di lasciare la sala dell’Assemblea e garantire altri incontri già programmati. Inoltre sarebbe stato seguito l’ordine di iscrizione a parlare.

 

La cosa è sembrata strana, anche perché nonostante l’inderogabile misura dei 10 minuti a iscritto, molti hanno superato quel tempo senza interventi della presidenza e il giornalista Giovanni Negri – già segretario del PR - ha parlato per 22 minuti togliendo tempo agli altri. Tra l’altro lo stesso non era stato certo tenero ne generoso negli ultimi anni e negli ultimi mesi con Pannella e i radicali. (* vedi nota)

 

Non è dato di sapere se, dopo la scelta dei promotori dell’incontro di dare regole agli interventi, definendo chi aveva addirittura 25 minuti - probabilmente perché giudicati “essenziali” al dibattito - si sia ritenuto utile privilegiare taluni interventi non assicurando una equa ripartizione dei tempi per  consentire a tutti di intervenire una volta definito l’elenco completo delle richieste.

 

Quaderni Radicali e Agenzia Radicale non hanno potuto fare altro che prendere atto di queste scelte, comunque di difficile comprensione, e si riservano di valutare le proprie opzioni future.

 

“Ritengo meritorio l’impegno di quanti stanno tentando di riorganizzare il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, ma devo con sincerità dire che le modalità con cui si sta operando non possono essere ritenute rassicuranti. In mancanza di una legittimazione come poteva essere quella di Marco Pannella, il nostro lavoro di radicali, che operano nell’Associazione Amici di Quaderni Radicali,che realizza la quarantennale rivista Quaderni Radicali e quotidianamente Agenzia Radicale, non sembra trovare convincenti spazi di azione e di prospettiva. Questo ci spinge a mantenere ferma la nostra volontà di essere radicali, ma ci porta a verificare la possibilità di trovare luoghi e opportunità diversi per portare avanti il nostro impegno militante”.

 

*****

 

(*) "Pannella e la Bonino - dice Negri - vengono trattati come Buddha dalla stampa italiana ma sono proprietari unici, anche finanziari, del partito da 45 anni, più del doppio di Mussolini. Altro che casta, sono come i mandarini cinesi". "Pannella è come Bourghiba - attacca ancora Negri - il grande leader tunisino che a un certo punto negli ultimi anni ha perso colpi, esattamente quello che succede a Marco. Bourghiba era invecchiato e i suoi lo portarono a una villa al mare, era diventato imbarazzante, i suoi discorsi poco comprensibili, tutti abbiamo una condanna all'Alzheimer…” … “Purtroppo - dice ancora Negri - quella radicale non è classe dirigente ma digerente, nel senso che ingoia tutto. Anche se prendono lo 0,3 dei voti che è il prefisso di Lodi non si apre nessuna discussione. Nessuno si ribella. E voi della Zanzara avete fatto circonvenzione di Bourghiba”.

(dagospia.com da radio24 - 10 aprile 2013)

 

 

… “Ogni tanto, attacchi Marco Pannella che fu tuo idolo. Il Pr non ti ispira più?

«Voglio bene a quella storia. Ma quando è finita, bisogna riconoscerlo. Non tenerla in vita con artifici per attirare l’attenzione su di sé».

Che senso ha il Pr oggi? «Nessuno».

I militanti si offenderanno.

«Nel Pr non ci sono più militanti. Solo gente con un rapporto di dipendenza con la Radio o il partito».

Che pensi di Marco oggi?

«Lui è l’Okavango, il fiume più bello del mondo, con il delta pieno di fenicotteri e la fauna più meravigliosa. Ma sbocca nel deserto anziché in mare. È sterile e non creativo. Dietro di sé non lascia niente»…”-

(Giancarlo Perna Libero - 29 Aug 2015)

 

____________________________________________________________ 

 

- Prima giornata Assemblea iscritti PRNTT – 25 giugno 2016 (Radio Radicale.it)

Seconda giornata Assemblea iscritti PRNTT – 26 giugno 2016 (Radio Radicale.it)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna