Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/12/19 ore

POESÌ di Rino Mele. Gli elefanti leggeri



Il Botswana è grande quasi due volte l'Italia e ha solo due milioni d'abitanti, il nuovo presidente Mokgweesti Masisi teme la crescita del numero degli elefanti e riapre, dopo quattro anni, la caccia contro gli stessi interessi del turismo, li preferisce morti (v. "La Stampa" del 23 febbraio 2019). Infine gli ultimi due versi de Gli elefanti leggeri: ricordo una mattina tra il 1976 e il 77, un giorno di sole invernale, assistevo ad alcune riprese di Grand Hotel des Palmes nella campagna romana. Un film che Perlini (scriverò nel 1982 Il teatro di Memè Perlini) girò sulla morte di Raymond Roussel. Quel giorno assistevo alle riprese, prima andammo sui luoghi della morte straziata di Pasolini, poi lungo strade di campagna leggermente in salita, il copione prevedeva che un uccellino svolasse davanti al parabrezza di una vecchia berlina d'epoca. Era stato comprato un piccolo passero che si rifiutava di volare, spaventato dai rumori di quel set in movimento. Fu ripetuto più volte il tentativo. Poi, tra stupore e dolore, un operaio della troupe credette di risolvere il problema con la più assurda delle iniziative, aveva tra le mani il piccolo essere, fu un attimo, l'uccise e lo lanciò verso l'auto che saliva lentamente, simulando un impossibile volo. Il piccolo Icaro cadde miseramente.

 

 


 

 


       POESÌ di Rino Mele

 

 

Gli elefanti leggeri

Voleranno leggeri nella savana del Botswana

gli elefanti eludendo i bracconieri, fermi, come fossero morti,

che aspettano

il vento

porti lontano il loro odore guasto, e trasformano lo sguardo nel pugnale

che già entra

nella gola dell'animale. Diventeranno

gli elefanti

sempre più pochi,

mentre ad essi aprono la grande testa, tagliano la proboscide con coltelli

sporchi

di altro sangue

ed estraggono dalle radici le zanne.

Gli uomini li fanno a pezzi non capiscono che sono il padre

e la madre

che li hanno generati, antenati

nella maschera, della notte

che ora scuoiano. Non c'è altro modo

per risolvere i conflitti della logica e sciogliere i problemi e le pene

se non uccidere,

aprire la gola di chi ti sbarra il cammino,fare di quel corpo una fontana 

che tinge le mani.

Come tutti gli animali, gli elefanti non conoscono la morte, urtano

all’improvviso contro la vita,

diventano domestici, di casa nei cimiteri che l'uomo disegna nel suo

vuoto cuore.

Resterà (nelle acque più profonde degli oceani l'ombra delle balene)

nell'abisso 

dei cieli - in un libro

per bambini con le illustrazioni a tutta pagina - il ricordo

del volo

degli elefanti.

Di noi uomini, con le mani sporche di sangue, presi

dalla fatica di uccidere, inchiodare

mani, bruciare vittime, cancellare 

sorrisi spaventati,

non resterà niente, solo sul parabrezza

il rigo rosso di un uccellino

ucciso

per gettarlo, nella finzione reale di un film, contro il vetro di un’auto.

 

 

________________________________________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

 

 


 

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ