Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/04/24 ore

Roma Pride 2022, una cascata di colori per le vie della città



di Giulia Anzani

 

Colori, musica, bandiere, vestiti stravaganti, glitter, ali, cerchietti da unicorno. E ancora disegni, slogan, trucchi variopinti, urla di gioia, gente felice. Tutto questo e molto altro ancora, è stato il Roma Pride 2022.

 

Ma facciamo un passo indietro. Perché proprio a giugno?

 

27-28 giugno 1969. È l’una di notte passata, quando la polizia irrompe nel bar gay di Greenwich Village a New York, lo Stonewall Inn. Non è la prima volta: le incursioni delle forze dell’ordine in gay bar e night club sono la norma. Quella notte, però, qualcosa è cambiato. Stando ai resoconti, Sylvia Rivera, attivista transessuale, scaglia una bottiglia contro un agente, dopo essere stata pungolata da un manganello. Quello è stato probabilmente l’input che ha fatto scatenare la rivolta. 

 

Quella notte è ricordata come l’inizio del Movimento di liberazione gay. E da allora, da quelli che sono chiamati Moti di Stonewall Inn, giugno è il mese simbolo dell’orgoglio della comunità LGBTQIA+.

 

Nel giugno del 1994, è organizzato il primo Pride nazionale ufficiale dalCircolo di cultura omosessuale Mario Mieli e dall’Arcigay. Presero parte alla sfilata anche esponenti del Partito Radicale, e anche l’allora Sindaco di Roma Francesco Rutelli.

 

E così arriviamo ad oggi, giugno 2022. Le date dei Pride italiani sono tantissime e le partecipazioni sono sempre numerosissime. Dopo il blocco dato dall’emergenza sanitaria da covid-19, si è ricominciato a fare rumore per le strade del Bel Paese. 

 


 

L’11 giugno, è toccato a Roma: 21 carri, tra cui quello dell’Olanda e quello dell’Inghilterra, Elodie come madrina e 900.000 presenze registrate

 

Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. […] Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.(Antonio Gramsci)

 

Ed è per questo che tra quei 900.000 c’ero anche io. Felice. Felice di essere dalla parte giusta: quella che non vuole negare i diritti a nessuno per averne di propri. Felice di poter esprimere la mia personale diversità, la mia unicità, e di osservare senza pregiudizi quelle delle altre persone. E felice di non essere indifferente al mondo che mi circonda, di cercare sempre un punto di vista diverso, di andare oltre. Non è una cosa semplice, cercare di andare oltre la superficie, ma una volta che lo si prova, non si torna indietro. 

 

Ho ammirato e respirato tanta bellezza, camminando per le strade di Roma, incantevoli come non mai. Quelle sensazioni… non rendono bene scritte sul bianco del mio foglio virtuale.

 

Sono cose che bisogna vivere e sentire sulla propria pelle per capire.Non c’è niente che renda liberi come credere in qualcosa e battersi per essa. Una verità che ho imparato a capire crescendo la canta Gaber in un suo  pezzo: “libertà è partecipazione”.

 


 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie