Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/02/24 ore

Iran: 40 giorni senza Jina - La rivoluzione continua nel suo nome



di Himdad Mustafa*

(da MEMRI)

 

“Jîna giyan, to namirî, nawit ebête remiz” (“Jina, anima mia. Non morirai. Il tuo nome diventerà un simbolo”), queste sono le parole curde incise sulla lapide di Mahsa Jina Amini dalla sua famiglia,[1] pochi giorni prima è diventata il simbolo nazionale della rivoluzione contro la Repubblica islamica dell'Iran.

 

Minacce alla famiglia di Jina Amini

 

Il 17 settembre, poche ore dopo il funerale di Amini nella sua città natale Saqqez, migliaia di curdi si sono riversati nelle strade del Kurdistan orientale (Kurdistan iraniano), da dove le proteste si sono diffuse in tutto il paese, con persone che bruciavano immagini del leader supremo iraniano Ali Khamenei e cantavano “Morte al dittatore”.[2]

 

Nel suo rapporto pubblicato il 7 ottobre, l'Organizzazione forense iraniana ha negato che Jina Amini fosse morta a causa di colpi alla testa e agli arti mentre era sotto la custodia della polizia iraniana della moralità e ha collegato la sua morte a condizioni mediche preesistenti.[3]

 

La famiglia di Amini e il suo avvocato, tuttavia, hanno respinto il rapporto del medico legale e ritenuto la polizia responsabile della morte della figlia, affermando che Jina era in “perfetta salute”. Amjad Amini, il padre di Jina, ha aggiunto: “Ho visto con i miei occhi che il sangue le era uscito dalle orecchie e dalla nuca”.[4] Dall'inizio delle proteste, la famiglia di Jina ha ricevuto minacce di morte ed è stata avvertita di non finire coinvolta nelle manifestazioni.[5]

 

Il bilancio delle vittime aumenta

 

Mentre la rivoluzione anti-regime continua, l'Iran ha intensificato la sua violenta repressione contro i manifestanti. A quaranta giorni dalla tragica morte di Jina, almeno 252 persone, tra cui 35 bambini, sono state uccise e oltre 13.300 arrestate nelle proteste in corso contro il regime iraniano, ha affermato l’Agenzia di stampa degli attivisti per i diritti umani (HRANA), un sito di notizie gestito da un collettivo di difensori dei diritti umani iraniani.[6] Nella sola città di Zahedan, nel Belucistan, le forze di sicurezza iraniane hanno massacrato almeno 82 manifestanti beluci il 30 settembre 2022, ampiamente definito dagli iraniani "venerdì sanguinoso".[7]

 


La tomba di Jina Amini (Twitter)

 

La Repubblica islamica incolpa gli Stati Uniti, Israele e i curdi per i disordini

 

Nelle sue prime osservazioni sulla morte di Jina Amini, l'Ayatollah Ali Khamenei ha affermato che la sua morte "spezzò profondamente” il suo “cuore”. Parlando dei disordini seguiti alla sua morte, Khamenei ha dichiarato: “Affermo apertamente che i recenti disordini sono stati piani progettati dall'America, dal falso regime sionista e dai loro mercenari dentro e fuori l’Iran”.[8]

 

“Il 16 settembre, pochi minuti dopo la morte di Mahsa Amini nel Kasra Hospital di Teheran, due agenti della CIA sono entrati nella sua stanza e le hanno scattato le prime foto”, ha affermato in un'intervista televisiva il deputato iraniano Amirabadi Farahani, aggiungendo che “le proteste popolari del 2022 sono state tutte pianificate in anticipo”.[9]

 

Un altro funzionario incaricato di indagare sulla morte di Amini, parlando al canale di notizie iraniano SNN, ha ripetuto accuse simili secondo cui alcune settimane prima della morte di Jina Amini, tre agenti della CIA si erano incontrati con funzionari curdi nella regione del Kurdistan dell'Iraq, progettando di istigare disordini in Iran in particolare nella regione curda nell'Iran nordoccidentale. La morte sospetta di una donna curda a Teheran, ha affermato, faceva parte di questo scenario pre-pianificato.[10]

 

Il 40° giorno dopo l'omicidio di stato di Jina

 

La città natale di Amini, Saqqez, è stata teatro di proteste implacabili e di uno sciopero generale dal 17 settembre 2022. Vale la pena notare che l'ONG curda per i diritti umani con sede in Norvegia, Hengaw Organization for Human Rights, ha riferito che, un giorno prima del 40° giorno dopo l'omicidio di stato di Jina, la sua famiglia era stata sottoposta a molte pressioni dalle agenzie di sicurezza iraniane per rilasciare una dichiarazione in merito all'interruzione della cerimonia a 40 giorni dalla sua morte. Anche i suoi parenti e il fratello sono stati minacciati di arresto.[11]

 

Eppure, un gran numero di persone è venuta da tutto il Kurdistan orientale a Saqqez per essere lì per l'anniversario della sua morte. Tra loro c'erano famosi atleti, artisti e scrittori. A Saqqez gli hotel erano pieni e molti locali hanno aperto le loro case per ospitare i manifestanti. Le forze della Repubblica Islamica li incontrarono numerosi dentro e intorno alla città, poiché tutti gli ingressi alla città e le strade che portavano al cimitero di Aichi, che si trova a cinque chilometri dalla città di Saqqez, erano bloccati.[12]

 

Nonostante le minacce e il blocco delle forze di sicurezza, il 26 ottobre migliaia di persone sono riuscite a raggiungere il cimitero, anche attraverso canali d'acqua, e si sono radunate presso la tomba di Amini, cantando “Morte al dittatore”, “Jin, Jiyan, Azadi”. (uno slogan curdo che significa “Donna, Vita, Libertà” usato come grido di battaglia delle proteste iraniane) e “Il Kurdistan resisterà finché un curdo è vivo”.[13]

 

Conclusione

 

Il 40° giorno dopo l'omicidio di Jina da parte dello stato, è nostro dovere rendere giustizia alla sua memoria e a chi era. Jina è stata costretta a vivere come Mahsa durante la sua vita, poiché la Repubblica islamica dell'Iran non accetta la registrazione di nomi curdi nei documenti ufficiali, cancellando così la sua identità.

 

Dopo la sua morte, restituiamole il suo nome curdo, come risuona oggi in tutto il Kurdistan orientale, diventando il suono della rivoluzione contro la Repubblica islamica dell'Iran. In questo giorno, la madre di Jina ha scritto sul suo account sui social media: “Vorrei che tu fossi qui e vedessi che c'è un mondo che porta il tuo nome, chiamato Jina. Il tuo nome è diventato famoso”.[14]

 

*Himdad Mustafa è uno studioso curdo ed esperto di affari curdi

 

__________________________________________ 

 

 

[1] Jina Amini è meglio conosciuta come Mahsa Amini. Tuttavia, Mahsa è il nome che è stata costretta ad adottare, in quanto la Repubblica Islamica non accetta la registrazione di nomi curdi nei documenti ufficiali.

Vedi MEMRI Daily Brief n. 420, Restituiscile il suo nome curdo: Jina Amini, 10 ottobre 2022.

[2] Vedi MEMRI Daily Brief n. 421, Sanandaj guida la battaglia per la libertà – La "Leningrado" del Kurdistan orientale è assediata dalla Repubblica islamica dell'Iran, 14 ottobre 2022.

[3]Reuters.com/world/middle-east/iranian-state-coroner-says-mahsa-amini-did-not-die-blows-body-2022-10-07/, 7 ottobre 2022.

[4] Iranintl.com/en/202210086932, 8 ottobre 2022.

[5] BBC.com/news/world-middle-east-63200649, 10 ottobre 2022.

[6] Twitter.com/HRANA_English/status/1584851379268493314?t=_l-OELeL6p2xANduxJHo8w&s=19, 24 ottobre 2022.

[7] Iranintl.com/en/202210067855, 6 ottobre 2022.

[8] Reuters.com/world/middle-east/irans-khamenei-says-protests-riots-were-planned-state-media-2022-10-03/, 3 ottobre 2022.

[9] Twitter.com/IranIntl_En/status/1584846412486950915?t=Skwo_nOjxGBkji-odn8Plw&s=19, 25 ottobre 2022.

[10] Kurd News Wire, 9 ottobre 2022.

[11] Facebook.com/Hengaw.en, 26 ottobre 2022.

[12]Facebook.com/abawecani, 26 ottobre 2022.

[13] Facebook.com/Hengaw.en, 26 ottobre 2022.

[14] Voa Farsi, 26 ottobre 2022.

 

da MEMRI Middle East Media Research Institute

 

foto di copertina: Il 40° giorno dopo l'omicidio di stato di Jina (Fonte: Facebook)

 

 

- La rivolta in Iran è una rivolta guidata dalle minoranze etniche di H.M. (Agenzia Radicale)

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie