Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/05/17 ore

35 miliardi al pubblico impiego, il Governo si affida agli Avvocati



Negli ultimi tempi la Corte Costituzionale è diventata, col suo fare maldestro, una mina vagante piazzata sotto i conti dello Stato. La sentenza che ha infatti intimato di restituire il maltolto ai pensionati, per il blocco dell’adeguamenti annuali al costo della vita, ha creato un problema di non poco conto al Governo, che dovrà porvi in qualche modo rimedio, mentre all’orizzonte si profila un altro caso simile, ma dal peso specifico più consistente.

 

Il 23 giugno è infatti previsto il pronunciamento della Consulta in merito alla questione di legittimità costituzionale del blocco della contrattazione nel pubblico impiego. Se il metro di giudizio seguirà la falsa riga pensionistica, sul ministro Padaon cadrà così un’altra tegola che lo costringerà a sottostare al diktat esterno, condizionandone le scelte, già di per sé limitate, di politica economica.

 

Fiutato il pericolo incombente, l'Avvocatura dello Stato ha fatto quattro conti e in una nota, inviata a futura memoria sulle scrivanie dei supremi guardiani della Carta, ha sottolineato – come scrive l’Ansa - che “l'onere della contrattazione di livello nazionale, per il periodo 2010-2015, relativo a tutto il personale pubblico, non potrebbe essere inferiore a 35 miliardi", con "effetto strutturale di circa 13 miliardi" annui dal 2016.

 

La questione, a questo punto - come si ebbe già modo di sottolineare su queste pagine, è di opportunità, nei modi e nella tempistica di un pronunciamento, di per sé legittimo, perché incide sull’azione politica di un Esecutivo, già alle prese con difficoltà ataviche che rendono da sempre impossibile un’azione incisiva in tema di spesa pubblica o meno, più che di legittimità. A cui si aggiunge, visto il recentissimo precedente, un problema di coerenza. Ma su questo esempi ambigui nella storia dell’organo costituzionale non mancano. (A.M.)

 

 


Commenti   

 
0 #3 ilSocialista 2015-06-06 02:23
ovviamente dove domina l'irrazionale la giustizia e l'equità spariscono, ma questo da sempre è il prezzo della jungla dentro o fuori dalla Paupasia
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2015-06-06 02:18
a questo si aggiunge si somma la universalmente nota intricata e complessa normativa italiana che interventi di alte corti finiscono per complicare vieppiù.
A questo punto l'aborigeno si chiede come mai gli italiani abbiano una tale passione innata per l'eccessivo, l'orrido, lo squilibrato, l'irrazionale, l'incurvato, il disarmonico, il claudicante, il patologico ed un tale amore per le costruzioni enormi, aggrovigliate e casuyli peggio della jungla della Papuasia; il perchè è presto detto, il Barocco in italia non è mai veramente passato e l'illuminismo mai veramente esistito; l'irrazionale è un fondamento culturale irrinunciabile
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2015-06-06 02:09
Se chiedi ad un aborigeno della Papuasia quali sono le caratteristiche specifiche nazionali, etniche, religiose e razziali del welfare italiano ti risponderà subito che sono lo sbilanciamento verso i trattamenti di vecchiaia, la carenza clamorosa verso i giovani e le famiglie, la totale assenza di supporto alla povertà, la carenza di supporti attivi all'impiego, la dispersione particolaristic a minuta e corporativa, gli squilibri quantitativi assurdi ed unici al mondo , per cui possiamo avere trattamenti massimi che sono centinaia di volte il minimo, e per finire un trattamento minimo di invalidità che spesso è usato impropriamente come sussidio-pezza a colori su tutto il contesto;
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna