Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/07/24 ore

Ecco una breve rassegna dell'influenza della Russia sul Mali - a scapito della Francia



Anna Mahjar-Barducci* è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project e da oltre venti anni collabora a Quaderni Radicali e Agenzia Radicale. Nell’articolo, che riproponiamo in italiano, ricostruisce l’azione della Russia in Mali, la sua sempre più penetrante influenza in quel Paese, che di fatto è divenuto una sua testa di ponte in Africa e all’ONU. In Italia  queste notizie mancano del tutto, come sono mancate altre importanti informazioni sulle mosse di Putin che Federico Rampini sul Corriere della Sera, parlando del suo ultimo libro, dice sono state per almeno 15 anni lanciate come sfida all’Occidente, rilevando una debolezza per cui  la tragica vicenda ucraina ci ha colto di sorpresa… “Procediamo alla demonizzazione dei nostri valori” - sottolinea l’editorialista del Corsera. Eppure proprio da Anna Mahjar-Barducci, sul sito del Memri, le questioni (riproposte da Agenzia Radicale in italiano) sono state descritte, almeno nella sua impostazione politico-culturale, prima che l’attacco si realizzasse. Ovviamente questi approfondimenti sono stati totalmente ignorati dal nostro sistema informativo, che oggi si nutre di interpretazioni affidate a think-tank, analisti, riviste geopolitiche, quasi mai in grado di raccontare, meno che mai in anticipo, lo stato delle cose… (G.R.)

 

 

***************************  

 

 

  di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri)

 

 

Introduzione

 

Il 2 marzo 2022, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha approvato una risoluzione che condanna l'invasione russa dell'Ucraina. Il Mali è stato tra i 17 paesi africani che si sono astenuti dal voto (28 paesi africani hanno votato a favore della risoluzione, nessun voto è stato registrato da otto paesi e uno ha votato contro la risoluzione). [1]

 

Ultimamente, il governo del Mali ha avuto buone e confortevoli relazioni con la Russia. Il Paese è ora guidato dal leader della giunta militare colonnello Assimi Goita, un ufficiale militare che presta servizio come presidente ad interim dal colpo di stato del maggio 2021, il secondo colpo di stato del genere in nove mesi, da lui guidato. 

 

Goita ha guidato anche il colpo di stato dell'agosto 2020, estromettendo il presidente Ibrahim Boubacar Keita (scomparso nel gennaio 2022) e sostituendolo con l'ufficiale militare Bah N'Daw. La giunta militare ha anche assunto posizioni chiave ministeriali. Parlando delle ragioni del secondo colpo di stato, Goita ha affermato che Bah Ndaw e il suo Primo Ministro Moctar Ouane erano stati rimossi dal potere, poiché avevano iniziato a nominare un nuovo gabinetto senza consultarlo. [2]

 

Nel settembre 2021, i media internazionali hanno riferito che gli appaltatori militari privati russi, il gruppo Wagner, stavano per iniziare ad operare in Mali a sostegno della giunta militare. [3] Nel gennaio 2022, il ministro della Difesa francese Jean-Yves Le Drian ha commentato: "[I mercenari Wagner sono] ex soldati russi, armati dalla Russia e accompagnati dalla logistica russa... Stanno già utilizzando le risorse del paese in cambio di proteggere la giunta. Stanno depredando il Mali”.

 

Ha poi aggiunto: "Wagner usa la debolezza di alcuni stati per impiantarsi... per rafforzare l'influenza della Russia in Africa”. [4] Tuttavia, le autorità maliane hanno negato il dispiegamento del Gruppo Wagner nel paese. [5] Commentando questo argomento, l'ambasciatore russo all'ONU Vassily Nebenzia ha detto: "L'isteria intorno all'azienda russa è un'altra manifestazione di doppi standard, perché è chiaro che il mercato di tali servizi è monopolizzato dai paesi occidentali”. [6]

 

Vale la pena notare che dal colpo di stato dell'agosto 2020 le relazioni tra Francia e Mali, ex colonia francese, si sono deteriorate, l'UE ha inserito nella lista nera Goita e la sua cerchia ristretta e la Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS) ha imposto sanzioni economiche e diplomatiche. Inoltre, nel febbraio 2022, la Francia ha annunciato che, insieme ai suoi alleati europei, stava ritirando le sue truppe dalle operazioni anti-jihadiste di Barkhane e Takuba in Mali a causa dell'interruzione delle sue relazioni con la giunta, sebbene avesse combattuto contro i jihadisti ribellione per quasi nove anni insieme alle autorità di Bamako. [7]

 

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sottolineato che il sospetto accordo tra la giunta maliana e il gruppo Wagner ha giocato un ruolo importante nella decisione di ritirare le truppe francesi. [8]

 

2021 Dimostrazioni pro-Russia in Mali

 

Nel settembre 2021, anche se il Mali ha negato il dispiegamento del Gruppo Wagner nel Paese, il collettivo maliano pro-golpe "Yerewolo" e il "Groupe des Patriotes du Mali" ("Gruppo patriota maliano") hanno manifestato a favore della "voce accordo" tra il Mali e il gruppo Wagner, mostrando il desiderio di porre fine alla "Françafrique [sfera di influenza della Francia in Africa]". 

 

Il portavoce del collettivo "Yerewolo" Adama Ben Diarra ha dichiarato: "Se Wagner è andato a liberare la Siria, se Wagner è andato a liberare la Repubblica Centrafricana, allora diamo il benvenuto a Wagner a Bamako per liberare il Mali. Per una guerra asimmetrica, proponiamo una soluzione asimmetrica , che si chiama Wagner. Questa è la verità e oggi è la fine dell'Africa francese». [9] «Rifiutiamo il diktat della comunità internazionale, in particolare quello della Francia e dell'Ecowas», ha affermato Pape Diallo, segretario alla comunicazione di Yerewolo. [10] 

 

Il sostegno della Russia al Mali

 

Secondo fonti dei media, dopo il colpo di stato dell'agosto 2020, gli ufficiali militari della giunta hanno incontrato l'ambasciatore russo Igor Gromyko al Comité National Pour Le Salut Du Peuple (CNSP), un'istituzione politico-militare creata dai soldati che hanno partecipato al colpo di stato. Gromyko ha detto all'epoca che lui e la nuova leadership maliana avevano discusso di "sicurezza". [11]

 

Nel dicembre 2021, Pyotr Ilichev, direttore del dipartimento per le organizzazioni internazionali del ministero degli Esteri russo, ha anche affermato: "Continueremo a difendere i legittimi interessi di Bamako alle Nazioni Unite e anche a fornire assistenza attiva ai nostri partner maliani nel campo militare e tecnico-militare sfere attraverso i canali statali”. [12]

 

Il 6 marzo 2022, quasi due settimane dopo che la Russia aveva invaso l'Ucraina il 24 febbraio, è stato riferito che il colonnello Sadio Camara, attualmente ministro della Difesa del Mali, e il generale Alou Boï Diarra, capo di stato maggiore dell'aviazione, sono volati a Mosca. [13] Secondo i resoconti dei media, l'obiettivo della visita era discutere l'ulteriore consegna di equipaggiamento militare aggiuntivo.

 

L'11 marzo 2022, il viceministro della difesa russo Alexander Fomin e Camara hanno discusso della cooperazione militare bilaterale. Durante l'incontro, Fomin ha sottolineato l'importanza dell'interazione Russia-Mali e ha riaffermato la disponibilità del ministero della Difesa russo per un ulteriore dialogo costruttivo. [14]

 

Alla fine di marzo, la Russia ha consegnato al Mali due elicotteri da combattimento, cinque camion, sistemi radar di ultima generazione e altre attrezzature militari. [15]

 

La Russia ha bloccato la richiesta del Consiglio di sicurezza dell'ONU di indagare sul massacro di Moura in Mali

 

L'8 aprile 2022, nel bel mezzo della guerra in Ucraina, la Russia – appoggiata dalla Cina – ha bloccato una richiesta del Consiglio di sicurezza dell'Onu per indagini indipendenti sul presunto massacro di Moura, nella regione di Mopti in Mali. Secondo il sito web delle Nazioni Unite, un esperto indipendente di diritti umani Alioune Tine ha avvertito che le forze armate maliane, accompagnate da "personale militare privato russo [cioè il gruppo Wagner]" avevano giustiziato "dozzine di civili" durante un'operazione militare il 27 marzo- 31, 2022, a Moura.

 


 

"In considerazione delle gravi accuse di crimini di massa, con dozzine di civili uccisi durante queste operazioni, invito le autorità maliane a condurre un'indagine approfondita, indipendente, imparziale ed efficace su tutte le presunte violazioni il prima possibile", ha affermato Tine. "I risultati devono essere resi pubblici e i presunti colpevoli devono essere assicurati alla giustizia. Le informazioni ricevute in questa fase sollevano seri interrogativi e preoccupazioni su potenziali gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e/o del diritto internazionale umanitario. Inoltre, alcune di queste violazioni possono costituiscono reati di competenza della Corte penale internazionale", ha aggiunto l’esperto.

 

D'altra parte, l'esercito maliano ha negato le violazioni dei diritti umani contro i civili e ha affermato che "più di 200 terroristi sono stati neutralizzati", a seguito di un'operazione militare "su larga scala”. [16] Inoltre, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova si è congratulata con le autorità maliane "per questa importante vittoria nella lotta contro la minaccia terroristica". Ha poi accusato la Francia di aver abbandonato il Mali: "Va notato che questo successo è stato ottenuto dall'esercito maliano sullo sfondo del continuo ritiro dal Mali delle truppe francesi". Zakharova ha anche negato le accuse secondo cui mercenari russi avrebbero preso parte alla missione, affermando che queste accuse fanno parte di una campagna di disinformazione legata all'Ucraina contro la Russia. [17]

 

Vale la pena notare che, nel gennaio 2022, Russia e Cina hanno impedito al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di sostenere nuove sanzioni contro il Mali per la decisione della giunta di posticipare le elezioni del febbraio 2022 fino al 2026. [18]

 

Vice rappresentante permanente Evstigneeva: la decisione della Francia di ritirare le sue truppe "viola gli accordi bilaterali"

 

Il 7 aprile 2022, commentando la situazione della sicurezza in Mali, il vice rappresentante permanente presso la missione russa presso le Nazioni Unite Anna Evstigneeva ha affermato durante il briefing dell'UNSC che la Francia ha violato gli accordi bilaterali con il Mali e che Parigi ha abbandonato il Mali con pretesti inverosimili. Ha poi aggiunto che la "campagna informativa" sulla presenza dei "cosiddetti mercenari russi" in Mali fa parte di un "gioco geopolitico senza scrupoli”.

 

Evstigneeva ha dichiarato: "Condividiamo la preoccupazione della leadership maliana in relazione all'escalation della situazione nelle regioni settentrionali del Paese, dove, a causa della riduzione della presenza militare francese, si sta creando un vuoto di sicurezza. Sentiamo da Bamako che, come nell'autunno dello scorso anno, la decisione sul ritiro completo di Barkhan è stata presa senza consultazioni con la parte maliana, che viola gli accordi bilaterali. Consideriamo tali azioni estremamente irresponsabili…

 

"Allo stesso tempo, vorrei ricordare ai nostri partner occidentali che il Mali e l'intero Sahel sono stati vittime del vostro intervento in Libia nel 2011. Da allora, la regione è diventata oggetto di penetrazione attiva del banditismo e del terrorismo. Che tuttavia voi deciso di aiutarli nel 2013 è degno di rispetto. Tuttavia, se guardi al risultato della tua assistenza, da allora fino al 2021 la situazione non è migliorata. Ora, non avendo ottenuto nulla, con un pretesto inverosimile, stanno abbandonando il Mali, paese generalmente riconosciuto come un Paese chiave in termini di stabilità e sicurezza nel Sahel.

 

"Con i maliani lasciati soli di fronte a gravi sfide transfrontaliere, le autorità di transizione del Paese sono costrette a cercare opportunità per proteggere la popolazione da sole, nonché attraverso l'interazione con partner e organizzazioni di altri paesi. Le autorità maliane hanno il diritto sovrano di decidere con chi lavorare.

 

"Accogliamo con favore l'intensificazione delle operazioni antiterrorismo delle forze armate maliane e i successi ottenuti, a seguito dei quali sono stati sbloccati numerosi insediamenti nel centro del Paese. Rendiamo omaggio all'esercito maliano ed esprimiamo la nostra condoglianze alle famiglie delle vittime, sia militari che civili e, naturalmente, alle forze di pace delle Nazioni Unite.Chiediamo di rispettare la memoria di tutte le vittime del terrorismo.

 

"Nel fare ciò, prendiamo atto dell'impegno dello Stato maggiore delle forze armate del Mali per il rispetto dei diritti umani, nonché del diritto umanitario internazionale, e gli sforzi di Bamako per indagare sugli episodi di presunte violazioni dei diritti umani. Consideriamo il campagna informativa sui cosiddetti mercenari russi nell'ambito di un gioco geopolitico senza scrupoli”.

 

Per quanto riguarda le relazioni Russia-Mali, Evstigneeva ha dichiarato: "Vorremmo notare che la cooperazione russo-Mali ha lunghe radici e tradizioni storiche. La Russia fornisce assistenza alle forze armate maliane sulla base di accordi bilaterali. Stiamo lavorando per migliorare la loro capacità di combattimento , formazione del personale militare e delle forze dell'ordine Attualmente in Russia vengono addestrati circa 200 militari e nove agenti di polizia del Mali.

 


 

"Siamo sicuri che le sanzioni regionali imposte al Paese, così come le restrizioni di alcuni Paesi occidentali, non contribuiscono alla stabilizzazione del Mali. Non fanno che aggravare una situazione già difficile, per non parlare del deterioramento della vita di comuni maliani. E non solo i maliani, ma anche la popolazione di altri paesi della regione. In queste condizioni, sarà ancora più difficile per Bamako e i suoi vicini far fronte alle minacce che incombono sul paese, la principale delle quali è il terrorismo.

 

"Oggi abbiamo sentito ancora una volta le accuse contro la Russia secondo cui stiamo provocando la carestia nel Sahel. Vi ricordo che qualche tempo fa tutto era colpa del clima, ora la Russia. Allo stesso tempo, il Mali è soggetto a sanzioni, i confini sono chiuse, le rotte commerciali sono bloccate. La popolazione dell'intera regione, privata del reddito di base, sta soffrendo. Ma guardate con quali slogan la gente comune esce alle manifestazioni di massa. A proposito, c'è anche la Russia, ma per niente in come vorrebbero i paesi occidentali. "A questo proposito, vorrei sottolineare ancora una volta che le conseguenze delle sanzioni anti-russe senza precedenti, che hanno portato all'interruzione di tutte le catene logistiche e finanziarie, nonché i legami nel mondo, mostrano la maggior parte dei paesi, compresi quelli in Africa, quanto sia importante lottare per la propria indipendenza politica e le proprie capacità finanziarie, superare l'eredità coloniale e abbandonare i restanti meccanismi ‘neocoloniali'”.

 

Ha poi concluso che la Russia continuerà a sostenere i maliani. "La versione originale del mio discorso diceva che ci aspettavamo che i tradizionali partner del Mali trovassero un'opportunità per abbandonare la logica della superiorità edificante e il 'linguaggio delle sanzioni' e, in un dialogo rispettoso con Bamako, trovare il modo di superare le differenze. Tuttavia, dopo la discussione che ha avuto luogo oggi, devo ammettere che un tale calcolo molto probabilmente non è giustificato e l'appello a una cooperazione equa, reciprocamente vantaggiosa e rispettosa da parte dei paesi occidentali non sarà più ascoltato", ha affermato Evstigneeva.[19]

 

Conclusione

 

La Russia sta ricostruendo la sua presenza in Africa. Di recente Mosca sta rafforzando la sua influenza anche nelle ex colonie francesi, come il Mali, a scapito degli interessi francesi nell'area. L'aumento dell'influenza russa in Mali sembra essere accompagnato da risentimenti anti-francesi. Il movimento anticolonialista, pro-golpe e filorusso "Groupe des Patriotes du Mali" ("Gruppo patriota maliano") ha scritto in un comunicato che la Francia è "un male necessario per i rinnegati, assimilati [persone] e per il corpo e lo spirito di certi popoli, che vogliono restare per sempre schiavi».[20]

 

Commentando l'Ucraina, il gruppo ha affermato che la stabilità globale è minacciata dai "neo-nazisti", riferendosi all'Occidente e all'Ucraina, che vogliono imporre la loro "supremazia" sul mondo.[21] La Russia, infatti, può contare sull'appoggio del Mali alle Nazioni Unite, ogni volta che si vota sull’Ucraina.

 

Secondo il gruppo, oggi il Mali ha ricominciato a ritrovare la "tranquillità", grazie "alla liberazione del territorio da parte delle FAMAS [le Forze armate maliane]", e al sostegno della Russia che è stato "dalle prime ore dell'indipendenza del Mali "dalla parte del paese. Il premier maliano Choguel Kokalla Maiga ha inoltre affermato: "Cosa c'è di così sorprendente nel fatto che vogliamo rafforzare la nostra collaborazione con la Russia? L'80% dei soldati maliani ha svolto il proprio addestramento in Russia, [e] una buona parte del nostro equipaggiamento militare arriva dalla Russia." Quindi, mentre la Francia vede la sua influenza in declino in Mali, la Russia sembra diventare più forte e più a suo agio nella regione.

 

*Anna Mahjar-Barducci è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project.

 

 


  

 

[1] Cfr. il messaggio speciale MEMRI n. 9850, Reazioni del continente africano all'invasione russa dell'Ucraina - Parte I - Capo della diplomazia pubblica del Sud Africa: "Così come la Russia non tollererà i missili di posizionamento della NATO vicino al suo territorio, gli Stati Uniti non tollereranno mai la Russia Distribuzione di missili nelle sue vicinanze", 24 marzo 2022; Messaggio speciale MEMRI n. 9854, Reazioni del continente africano all'invasione russa dell'Ucraina - Parte II - Ex ministro nigeriano: "Incolpo Zelensky e i suoi alleati e amici occidentali per questa tragedia in corso", 25 marzo 2022; Messaggio speciale MEMRI n. 9856, Reazioni del continente africano all'invasione russa dell'Ucraina - Parte III - Media dello Zimbabwe: "Solo gli Zelensky politicamente ingenui di questo mondo si aspetterebbero un sostegno sincero e genuino dagli Stati Uniti", 28 marzo 2022.

[2] Africanews.com/2021/06/07/mali-junta-leader-assimi-goita-to-take-oath-as-president, 7 giugno 2021.

[3] Reuters.com/world/africa/exclusive-deal-allowing-russian-mercenaries-into-mali-is-close-sources-2021-09-13, 13 settembre 2021.

[4] Aljazeera.com/news/2022/1/30/french-fm-accuses-russian-mercenaries-of-despoiling-mali, 30 gennaio 2022.

[5] France24.com/en/africa/20211225-mali-denies-deployment-of-russian-mercenaries-from-wagner-group, 25 dicembre 2021.

[6] France24.com/en/africa/20220112-un-security-council-falls-short-of-imposing-new-sanctions-on-mali-after-elections-delay, 12 gennaio 2022.

[7] Francetvinfo.fr/monde/terrorisme-djihadistes/operation-barkhane/direct-debut-du-sommet-entre-l-europe-et-l-afrique-debute-pour-redefinir-leurs-relations_4966326.html, febbraio 18, 2022.

[8] France24.com/en/live-news/20220217-macron-warns-of-predatory-russian-mercenaries-in-mali, 17 febbraio 2022.

[9] Africanews.com/2021/09/16/mali-youth-back-deployment-of-russian-fighters-as-france-issues-warning, 16 settembre 2021.

[10] Theafricareport.com/150126/russia-mali-who-is-spreading-moscows-soft-power-in-bamako, 25 novembre 2021.

[11] Theafricareport.com/150126/russia-mali-who-is-spreading-moscows-soft-power-in-bamako, 25 novembre 2021.

[12] France24.com/en/africa/20211227-russia-to-keep-forving-military-assistance-to-mali-nonostante-le-critiche-occidentali, 27 dicembre 2021.

[13] Jeuneafrique.com/1324996/politique/mali-russie-sadio-camara-et-alou-boi-diarra-en-mission-secrete-a-moscou, 8 marzo 2022.

[14] Interfax.com/newsroom/top-stories/76423, 11 marzo 2022.

[15] News.abamako.com/h/268386.html, 31 marzo 2022.

[16] Maliweb.net/armee/accusations-dexactions-a-moura-larmee-dement-les-accusations-2972435.html, 11 aprile 2022.

[17] Teghanareport.com/russia-denies-mercenaries-involved-in-mali-massacre, 9 aprile 2022.

[18] France24.com/en/africa/20220112-un-security-council-falls-short-of-imposing-new-sanctions-on-mali-after-elections-delay, 12 gennaio 2022.

[19] Russiaun.ru/ru/news/070322_e?fbclid=IwAR1rm94GqXn3-pmERShA7xDiZw81BtjnNyczm3cXJfxKMJEDxXtBpX8OWKo, 7 aprile 2022.

[20] Facebook.com/208343103410598/photos/a.215551212689787/824054658506103, 24 marzo 2022.

[21] Facebook.com/Groupe-Des-Patriotes-Du-Mali-208343103410598, 11 marzo 2022.

 

(da MEMRI)

 

 


Aggiungi commento