Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/07/24 ore

Mosca aumenta la sua presenza nella regione del Sahel – A danno della Francia: il caso del Burkina Faso



Anna Mahjar-Barducci* è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project e da oltre venti anni collabora a Quaderni Radicali e Agenzia Radicale. Nell’articolo, che riproponiamo in italiano, ricostruisce, come quello sull’azione della Russia in Mali, la sua sempre più penetrante influenza anche in quel Paese, e testimonia la penetrazione russa in Africa, a cui si aggiunge quella cinese e sul loro comune interesse verso il continente dimenticato (soprattutto e scelleratamente dll’Europa!!!). Come già scritto sulla questione del Mali, in Italia  queste notizie mancano del tutto, come sono mancate altre importanti informazioni sulle mosse di Putin che Federico Rampini sul Corriere della Sera, parlando del suo ultimo libro, dice sono state per almeno 15 anni lanciate come sfida all’Occidente, rilevando una debolezza per cui  la tragica vicenda ucraina ci ha colto di sorpresa… “Procediamo alla demonizzazione dei nostri valori” - sottolinea l’editorialista del Corsera. Eppure proprio da Anna Mahjar-Barducci, sul sito del Memri, le questioni (riproposte da Agenzia Radicale in italiano) sono state descritte, almeno nella sua impostazione politico-culturale, prima che l’attacco si realizzasse. Ovviamente questi approfondimenti - lo sottolineiamo ancora una volta - sono stati totalmente ignorati dal nostro sistema informativo, che oggi si nutre di interpretazioni affidate a think-tank, analisti, riviste geopolitiche, quasi mai in grado di raccontare, meno che mai in anticipo, lo stato delle cose… (G.R.)

 

 

***************************** 

 

 

   di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri)

 

La Russia sta cercando di aumentare la sua influenza nella regione del Sahel, cercando di sfruttare il sentimento anti-francese che si sta sviluppando nell'area.[1] Dopo aver consolidato le sue relazioni con il governo del Mali, la Russia sta ora corteggiando il nuovo potere in Burkina Faso. A seguito del recente colpo di stato del 24 gennaio 2022, diversi sostenitori del tenente colonnello Paul Henri Sandaogo Damiba, presidente ad interim del Paese, hanno già chiesto di rafforzare la cooperazione con la Russia e di rompere la partnership del Paese con la Francia.[2]

 

Dimostrazione che chiede un partenariato con la Russia

 

Il 27 marzo 2022 la coalizione "Faso Lagam Taaba Zaka", che riunisce più di 100 organizzazioni della società civile, ha manifestato nella capitale Ouagadougou, chiedendo al nuovo governo di sviluppare la cooperazione militare e strategica Burkina Faso-Russia, con il presunto obiettivo principale di contrastare i movimenti jihadisti attivi nella regione. Durante la manifestazione, il segretario generale della coalizione Somaila Nana ha affermato che le autorità devono diversificare i loro partner in questa lotta al terrorismo alleandosi con paesi come Russia, Cina e Corea del Nord. 

 

"Critichiamo la presenza di basi militari di forze straniere [cioè la Francia], che non meritano più la nostra fiducia. Chiediamo la cancellazione degli accordi di difesa coloniale", ha affermato.

I promotori della manifestazione hanno mostrato manifesti con foto del presidente ad interim del Burkina Faso Damiba e del presidente russo Vladimir Putin, sottolineando il loro sostegno anche alla giunta militare maliana e al suo leader il colonnello Assimi Goita, un ufficiale militare che presta servizio come presidente ad interim dal maggio Colpo del 2021.

 

Durante l'evento, la coalizione ha sottolineato che l'operazione anti-insurrezionale Barkhane, guidata dalla Francia, che copre cinque paesi del Sahel, vale a dire Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger, dovrebbe essere terminata.[3]

 

Vale la pena notare che la manifestazione "Faso Lagam Taaba Zaka" era stata precedentemente programmata per svolgersi in Place De La Nation ("Piazza della Nazione"), nel centro di Ouagadougou, tuttavia la coalizione non ha potuto ottenere l'autorizzazione necessaria e ha invece tenuto l'evento nel Conseil Burkinabè des Chargeurs ("Consiglio degli spedizionieri del Burkinabe”).[4]

 

Il 10 aprile 2022, durante una conferenza a Ouagadougou sulla sicurezza in Burkina Faso, "Faso Lagam Taaba Zaka" ha dichiarato che non è possibile vincere una guerra con qualcuno che non ha mai vinto una guerra. "La Francia non ha mai vinto una guerra, si è sempre concessa vittorie. La Francia non ha mai vinto una guerra, l'abbiamo cacciata ovunque". Il movimento ha poi affermato: "Diciamo con [ufficiale militare del Burkinabe, rivoluzionario marxista e presidente panafricano del Burkina Faso] Thomas Sankara che 'solo rompere con i falsi amici e riorientare la nostra politica estera verso altri orizzonti può garantirci partner affidabili e sinceri con cui affrontare le sfide del momento per raggiungere una reale indipendenza". Ha quindi concluso che il Burkina Faso ha bisogno di un nuovo partenariato con la Russia, la Cina o Cuba.[5]

 

 

Gli interessi della Russia in Burkina Faso

 

Il media russo Gazeta.ru ha intervistato diversi esperti russi sulle relazioni Russia-Burkina Faso. Natalia Piskunova, scienziata politica africana e professoressa associata all'Università statale di Mosca, ha affermato che esiste già una "presenza abbastanza ampia" di aziende russe in Mali, Nigeria e Guinea, e ora Mosca sta aumentando la sua presenza in Burkina Faso. Piskunova ha aggiunto che il Burkina Faso non è il paese più ricco in termini di risorse, ma è importante per la sua posizione geografica, che collega il Mali al Niger e ad altri paesi africani.[6]

 

L'esperta russa ha anche menzionato l'importanza del Burkina Faso nello sviluppo dell'Autostrada Trans-Sahariana, un progetto che era stato suggerito nel 1962, con alcuni tratti costruiti negli anni '70, ma che solo ora le aziende cinesi sembrano interessate a farla rivivere e investendo in esso.[7]

 

Piskunova ha dichiarato: "Il Burkina Faso è importante proprio come Stato di transito per l'attuazione del grande progetto di trasporto dell'Autostrada Trans-Sahariana, che consentirà il rapido trasferimento di merci attraverso l'intero continente africano dalla costa orientale a quella occidentale. Un tale passo sarebbe una logica continuazione della politica di Mosca nell'Africa occidentale, dove negli ultimi due o tre anni c'è stato un accumulo sistematico della presenza politica, economica e militare della Russia. Ciò rientra nel quadro della politica generale della "svolta verso est" della Russia, che include l'Africa."[ 8]

 

Conclusione

 

Sottolineando che la Russia è un attore relativamente sconosciuto per le nuove leadership in Africa (che potrebbero aver avuto rapporti con l'Unione Sovietica, ma non con la Russia di oggi), Piskunova ha affermato che la Russia soprattutto non ha record "negativi" nella regione. Per questi motivi Mosca è percepita come la migliore alternativa a Parigi. "In Burkina Faso la ricerca di un'alternativa alla presenza e all'influenza della Francia va avanti da molto tempo, quindi per loro un giocatore senza un passato coloniale e con grandi risorse è naturalmente attraente”.

 

L'ex ambasciatore russo in Yemen, Libia e Tunisia, Veniamin Popov, ha affermato che i vantaggi della cooperazione con la Russia sono stati "sempre più compresi" ultimamente nella regione. "È da Mosca che arrivano aiuto, solidarietà e sostegno reale. Poiché, a differenza degli Stati Uniti o della Francia, la Russia non interferisce negli affari interni degli Stati africani. La Russia offre assistenza e non pone condizioni; questo è molto importante per gli africani. Di conseguenza, sempre più Stati africani si rivolgono a Mosca chiedendo assistenza in un'area o nell'altra, questo processo sta prendendo slancio", ha sottolineato l'ex diplomatico.[9]

 

Secondo il media russo Gazeta.ru, la vera domanda sul Burkina Faso è quanto saranno stabili le nuove autorità per concludere accordi con la Russia. Nel frattempo, il 2 marzo 2022, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha approvato una risoluzione che condanna l'invasione russa dell'Ucraina e il Burkina Faso è stato tra i paesi africani il cui voto non è stato registrato, insieme a Camerun, Etiopia, Eswatini, Guinea, Guinea Bissau, Marocco e Togo.[10]

 

Ad aprile, il primo ministro del Burkinabe Albert Ouedraogo ha sottolineato che il Burkina Faso ha bisogno di diversificare le sue alleanze. "Per quanto riguarda la cooperazione militare con altri Stati, l'opzione ora è diversificare i partenariati, al fine di ottimizzare i punti di forza specifici di ciascun partner. In ogni caso, questi partenariati saranno basati sul rispetto della nostra indipendenza e sincerità territoriale", ha sottolineato.

 

*Anna Mahjar-Barducci è direttrice del MEMRI Russian Media Studies Project.

 

 

 

[1] Cfr. MEMRI Inquiry and Analysis Series n. 1632, A Brief Review Of Russia's Influence Over Mali – To France's Detriment, 14 aprile 2022.

[2] Vale la pena notare che, secondo il giornalista nigeriano Philip Obaji Jr., poco prima del colpo di stato, Paul-Henri Sandaogo Damiba, promosso un mese prima a sovrintendere alla sicurezza nella capitale Ouagadougou, ha tentato due volte di persuadere il Burkinabe Il presidente Roch Kabore coinvolgerà il gruppo Wagner nel paese. Tuttavia, Obaji ha scritto sul Daily Beast che Kabore ha rifiutato l'idea. Thedailybeast.com/burkina-faso-president-ousted-after-refusing-to-pay-wagner-mercenaries, 25 gennaio 2022.

[3] Globinfos.net/cooperation_militaire_franco_burkinabe-la-coalition-faso-lagam-taba-zaaka-nen-veut-plus/?fbclid=IwAR0W7PGYHsESeARm-XSJXG4zZ7C3paTSqvEDRYTaUnGTwXD2hNh9ZUJUfgM, 27 marzo 2022.

[4] Facebook.com/RealiteTv/photos/a.2060223827543291/3202659366633059/, 28 marzo 2022.

[5] Lefaso.net/spip.php?article112554, 10 aprile 2022.

[6] Gazeta.ru/politics/2022/01/28/14473555.shtml?aggiornato, 28 gennaio 2022.

[7] Asiatimes.com/2019/11/trans-saharan-highway-project-on-track/, 13 novembre 2019.

[8] Vale anche la pena notare che il minatore d'oro russo Nordgold ha recentemente annunciato che doveva chiudere la miniera del Burkina Faso, adducendo motivi di sicurezza nel paese. Sowetanlive.co.za/business/2022-04-12-russias-nordgold-shuts-burkina-faso-mine-due-to-security-threats/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR0mtilOBXLbYjdA5C4Nw8C5GFs-1_FNgYeRYOslBNuqxwfTHfAQUxJCx16#April937box16,937boxv016,937boxv0 12, 2022.

[9] Gazeta.ru/politics/2022/01/28/14473555.shtml?aggiornato, 28 gennaio 2022.

[10] Cfr. il messaggio speciale MEMRI n. 9850, Reazioni del continente africano all'invasione russa dell'Ucraina - Parte I - Capo della diplomazia pubblica del Sudafrica: "Così come la Russia non tollererà i missili di posizionamento della NATO vicino al suo territorio, gli Stati Uniti non tollereranno mai la Russia Distribuzione di missili nelle sue vicinanze", 24 marzo 2022; Messaggio speciale MEMRI n. 9854, Reazioni del continente africano all'invasione russa dell'Ucraina - Parte II - Ex ministro nigeriano: "Incolpo Zelensky e i suoi alleati e amici occidentali per questa tragedia in corso", 25 marzo 2022; Messaggio speciale MEMRI n. 9856, Reazioni del continente africano all'invasione russa dell'Ucraina - Parte III - Media dello Zimbabwe: "Solo gli Zelensky politicamente ingenui di questo mondo si aspetterebbero un sostegno sincero e genuino dagli Stati Uniti", 28 marzo 2022.

 

 


Aggiungi commento