Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/11/17 ore

Cannabis legale, Giorgio Meloni e il voto degli spacciatori



Ne sentiremo delle belle fino al voto, sempre a colpi di stupidario politico. Giorgia Meloni, probabilmente sotto stress in queste ore, anche per la mossa di Berlusconi pro-Marchini, ne ha dato un ulteriore saggio.

 

Il fronte è quello della droga, tema caro ai radicali, in particolare per quanto riguarda la legalizzazione della cannabis. Sul punto la candidata dei 5 Stelle, Virginia Raggi, in tour elettorale al Pigneto, si è detta favorevole alla marijuana legale. La cosa con i poteri di un sindaco c’entra poco, ma fa brodo, soprattutto in un quartiere assediato dallo spaccio a cielo aperto, e diventa occasione di scontro.

 

Infatti, a stretto giro è giunta la risposta “divertita” della leader di Fratelli d’Italia che, ribaltando incredibilmente il senso di una politica antiproibizionista, ha detto: “Adesso gli spacciatori sanno per chi votare”. Per Meloni, appunto! (A.M.)