Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/12/17 ore

Luigi Di Maio, ex cathedra


  • Antonio Marulo

È il giorno di Luigi Di Maio ad Harvard. Roba da non credere. Eppure è così.

 

Il merito è nostro, degli italiani che hanno creato il fenomeno che tutti vogliono studiare, compresi quelli della prestigiosa università, che per l’occasione invitano l’oste grillino a dare un saggio sulla bontà del suo vino.

 

Ignari, probabilmente nel Massachusetts se la berranno, la lezione sulla “democrazia diretta in Italia”. Del resto, dopo la sbornia di Trump gli americani hanno poco da insegnare.

 

Dal canto suo, Di Maio non nasconde l’emozione. “Ricevere il loro invito – scrive su Facebook – è stato un onore”. Per noi un po’ meno.