Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/03/19 ore

Gregorio De Falco, senatore incosciente per grazia grillina ricevuta


  • Antonio Marulo

E no: per una volta che hanno mantenuto le promesse non si può criticarli comunque. L'espulsioni dal Movimento 5 Stelle di Gregorio De Falco e altri tre parlamentari sono infatti in linea con ciò che ci si poteva e doveva attendere, sulla base delle regole messe pure nero su bianco e fatte firmare ai propri eletti. Anzi, ci si dovrebbe lamentare, per paradosso, del contrario: di tutte le volte che il dissenso interno non ha ottenuto uguale intransigenza.

 

Eppure quanto accaduto all'eroe per caso della tragedia della Costa Concordia ha dato a molti l'occasione per sottolineare la natura antidemocratica e stalinista dei grillini, per altro intuibile da un decennio. Lo stesso capitano della marina militare si è mostrato stranamente sorpreso per “l'assenza di cultura democratica” del Movimento che lo ha portato in Senato.

 

C'è da dire che anche il modo in cui avvenne la sua elezione fu contrario alle regole auree del sacro Blog, in difesa delle quali a parole ci si strappava le vesti. Ci fu una nomina dall'alto, in spregio alla retorica della democrazia dal basso e dell'uno vale uno.... Si parlò allora di “eccellenze” che andavano a nobilitare le liste elettorali infarcite di scappati di casa, direbbe qualcuno.

 

De Falco la bollerebbe oggi come decisione “verticistica”. Ma allora fece comodo al diretto beneficiario, che oggi ammette: “visto da fuori il M5s sembrava aperto al confronto”.

 

Sembrava a lui, eventualmente. E la cosa non depone certo a suo favore.

 

 


Commenti   

 
0 #3 A.M. 2019-01-04 09:08
Amico, come spesso ti capita i tuoi commenti sono un po' a casaccio.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2019-01-03 22:34
più che deputati sono dei lavoratori dipendenti assunti tramite un apposito casting; e i dipendenti come si possono assumere si possono licenziare senza per giunta manco i sindacati.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2019-01-03 22:24
amico come sempre non vedi oltre la cronaca più spiccia ti manca il senso dei tempi e della Storia mio vedi; un tempo i parlamentari erano bene o male espressione di un territorio; venivano eletti in diretta concorrenza con altri del loro stesso partito e si erano fatti il culo in migliaia di dibattiti, manifestaioni e contese; avevano dovuto stringere la mano a decine di migliaia di persone; poi è venuta cacciarli non era facile e avveniva in occasione di grandi eventi come le scissioni; poi sappiamo tutti come è andata; è sopravvenuta la politica-spetta colo centralizzata; oggi vengono catapultati dall'alto ed è logico che come vengono catapultati all'istante per qualche botta di culo o di notorietà che gli è capitata addossso, così gli possono dare un calcio nel culo come e quando vogliono; non sono i grillini ad essere stalisnisti, è tutto il sistema per come è configurato e come funziona che lo è.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna