Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/06/19 ore

Partito democratico: almeno un'idea condivisa cercasi


  • Antonio Marulo

Di Pietro o Casini, questo è il problema.

Ma anche solo l’ultimo bel dilemma in ordine di tempo che arrovella in questi giorni le teste d’uovo del Pd. La questione è di quelle non proprio esaltanti che riguardano le strategie e le future alleanze elettorali.

 

In proposito, Antonio Di Pietro, ringalluzzito nel frattempo dall’ennesima discesa in campo di Silvio Berlusconi, che potrà forse dargli nuova linfa vitale, teme di non ricevere il trattamento da signore donatogli da Veltroni alle ultime elezioni, grazie al quale ottenne un esercito di deputati con il minimo sforzo.

 

Infatti, delusi anche da come sono andate le cose nella Legislatura e dalla cattiva riuscita fatta dalla classe dirigente certosinamente selezionata dal leader di Italia dei valori (vedi De Gregorio e Scilipoti), i vertici del Pd non sembrano essere disposti questa volta a imbarcare una mina vagante.

 

Tuttavia, all’interno del partito c’è chi la pensa in modo diverso. Il rottamatore della prima ora Pippo Civati, per esempio, già  in conflitto con i vertici e “precluso” per le sue posizioni troppo gayfriendly, preferisce invece un’alleanza ancien regime stile foto di Vasto e non vede per nulla bene – pena l’uscita dal Pd - l’ipotesi di un accordo con Pierferdinando Casini, fresco di polemica sulle nozze incivili e contro natura fra gay.

 

Ma contrariamente a quanto si possa pensare, non è la discriminante frocia a rendere Casini davvero indigesto al gruppo guidato da Civati, bensì il cosiddetto fattore B. Come Casini per le nozze gay, Civati ne fa una questione di civiltà, perché "non si va al governo nazionale con Casini che ha governato assieme a Berlusconi … se no la gente non capisce più niente. Meglio Vendola e Di Pietro".

 

Ma proprio su Di Pietro e sulle posizioni in punta di antiberlusconismo, l’altro rottamatore storico, Renzi, pare avere idee ancora differenti e, se vogliamo, “rivoluzionarie”. Il sindaco di Firenze - non proprio un campione di simpatia - oltre a voler rottamare Di Pietro, scrive alla “società civile" del giornale Repubblica per ribadire il suo basta con l’antiberlusconismo e un certo modo fallimentare di fare opposizione a Berlusconi, sottolineando fra l’altro di non stare “a sinistra, insomma, perché parlo male di Berlusconi. Sto a sinistra perché voglio parlar bene dell'Italia". Olè!


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-07-30 09:19
SOLO LA CONOSCENZA DELLA VERITA' CI PUò RENDERE LIBERI E SCONFIGGERE QUESTI DEMONI BURATTINAI E LORO SERVI PAPPONI-BURATTI NI!
questa sinistra cialtrona e maramalda, dopo essere stata foraggiata e serva dal KGB fino alla caduta del muro di Berlino, la vergogna storica dell'europa, ora è diventata serva delle cupole mafio-sioniste- massoniche BCE- FMI- NWO, rappresentate nell'attuale governo da loro sicari finanziari.
governo golpista liberticida, impostoci in salsa bulgara, in c..o al 'popolo sovrano' BUE;
e non poteva essere altrimenti da parte di un vetero stalinista, che dalle colonne dell'unità, elogiava i cingoli dei carri bolscevici usati come trita carne come l'altrettanto sventurato popolo d'Ungheria!
riscattiamoci di tutto questo oppressivo pattume partitokratico e così la nostra dignità di uomini liberi e la sovranità monetaria: SOVRANITA' CHE APPARTIENE AI POPOLI NON A QUESTI TURPI DEMONI BURATTINAI E AI LORO LERCI SERVI PAPPONI-BURATTI NI!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna