Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

13/08/20 ore

Emergenza Carceri, anche il ministro Riccardi chiede "clemenza"



Un decesso ogni due giorni, un suicidio ogni cinque: sono 140 i detenuti morti negli istituti di pena italiani da inizio anno, in 50 hanno preferito la morte a questa lenta, ma indefessa, strage di Stato. E' un'urgenza, quella della riforma della giustizia che, come ha recentemente ribadito, dopo mesi di silenzio, il Capo dello Stato (anche se non nelle forme auspicate di un messaggio alle Camere), non può più essere rimandata, ritardata, elusa e a sillabare a gran voce le parole 'amnistia', 'indulto', pare non siano più solo e unicamente i Radicali di Torre Argentina.

 

Ho sempre seguito con molto interesse e con amicizia le iniziative di Marco Pannella, specialmente sui temi come la pena di morte e le carceri – ha dichiarato ai microfoni di RTL 102.5 il titolare del Ministero della Cooperazione e dell'Integrazione, Andrea Riccardi – Il mondo carcerario italiano è in condizioni di disumanità, servono provvedimenti di clemenza”.

 

Per il ministro, nonché fondatore di quella Comunità di Sant'Egidio che tanto si è prodigata insieme ai radicali e a Nessuno tocchi Caino nella battaglia all'Onu per la moratoria  sulla pena di morte, è inevitabilmente necessario assumere il coraggio di mettere in pratica soluzioni precise per risolvere una situazione diventata ormai “insopportabile”: “Mi chiedo perché – spiega – dobbiamo sempre lasciare al presidente della Repubblica la responsabilità di dover fare questi interventi, e non siamo noi stessi a proporli, su questi temi c'è una responsabilità dei partiti”.

 

E anche gli avvocati, durante il congresso di Trieste, hanno deciso di denunciare l'inerzia di Governo e Parlamento, dichiarandosi pronti a scioperare: “Nelle carceri, a causa dell’impressionante sovraffollamento, 21.285 detenuti in più rispetto ai 45.688 posti disponibili, non solo non si garantisce il principio costituzionale del fine rieducativo della pena, ma nemmeno il diritto alla salute, visto che non sono assicurate le più elementari norme igieniche e sanitarie”. (red.)


Commenti   

 
0 #2 maxi 2012-10-22 17:42
finalmente ...speriamo che passino hai fatti invece di parlare per poi non fare nulla i poveri cristi ladri di galline soffrono gia a sufficenza .,,,non dategli false speranze...se ne avete parlato ...allora ridate la dignita a questa gente.
Citazione
 
 
+1 #1 andreaaaa 2012-10-02 20:15
finalmente un ministro intelligente
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna