Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/08/20 ore

Italia dei Valori, non regge più il pulpito di Antonio Di Pietro


  • Ermes Antonucci

Con il coinvolgimento del proprio segretario regionale, anche l’Idv di Di Pietro è finito nell’occhio del ciclone per quella che sarebbe da definire “la razzia istituzionalizzata” attuata nel consiglio della Regione Lazio.

 

Vincenzo Maruccio, capogruppo e coordinatore regionale Idv, è accusato di essersi messo in tasca circa 800mila euro di rimborsi ai gruppi consiliari, confermando l’evidenza – sapientemente ignorata – che la causa della degenerazione politica e degli scandali giudiziari non è rappresentata dai Fiorito di turno, ma da un intero sistema partitocratico che nel suo processo di alimentazione e riproduzione finisce col perdere il controllo di alcuni soggetti operativi, in fondo marginali.

 

Lascia comunque perplessi il modo in cui l’ex magistrato di Mani Pulite ha affrontato la vicenda. Prima ha avanzato un ultimatum di 3 ore a Maruccio per presentare le dimissioni, celebrando la propria condotta moralista ma liquidando qualsiasi forma di autocritica (“A tutti può capitare di trovarsi con qualche persona che non merita di stare nel partito”), poi una volta ricevuta la risposta positiva del consigliere ha attaccato gli altri partiti, distanti anni luce dal limpido e puro sistema di valori dipietrista: “C’è una bella differenza tra chi sta in galera, come Fiorito, e continua a percepire lo stipendio, e il nostro consigliere che, subito dopo esser stato indagato, non ha esitato ed ha rassegnato le dimissioni da ogni ruolo e incarico”.

 

Il caso-Maruccio, in poche parole, lungi dal condurre ad un’analisi critica della selezione e del funzionamento dell’intero partito, si è addirittura trasformato in uno strumento di propaganda politica. L’unico accenno di cambiamento concesso da Di Pietro è stato un appello al popolo della Rete: “Le prossime candidature verranno sottoposte preventivamente al vaglio della Rete, con primarie online. Perché quattro occhi vedono meglio di due”. Un modo furbo di strizzare l’occhio al popolo grillino e internettiano, sempre più orientato verso il Movimento 5 Stelle.

 

Eppure, anche con l’aiuto della Rete, quattro occhi potrebbero non bastare. A preoccupare l’Idv non sono solo i noti De Gregorio, Razzi, Scilipoti e ora Maruccio (tra l’altro avvocato personale di Di Pietro), ma una serie di vicende interne scomode ed imbarazzanti: consiglieri indagati o condannati (i “manettari finiti in manette”, come li definisce Filippo Facci), sostegni a candidati con lunghe fedine penali, perfino candidature di piduisti.

 

Ciò che resta è un’Italia dei Valori sprovvista di qualsivoglia appeal elettorale. La battaglia giustizialista e moralista ha dovuto fare i conti con la realtà interna del partito, fatta anch’essa, checché se ne dica, di scandali e interventi della magistratura. La mobilitazione demagogica dei cittadini ha dovuto cedere il passo al Movimento grillino, più organizzato e privo di una storia politica, ma anch’esso esposto a questi rischi.

 

L’anti-montismo d’occasione non è stato in grado di far breccia né sull’elettorato né sullo stesso partito, tanto che il capogruppo Donadi ha annunciato di votare Bersani alle primarie: “Non vuoi il Monti bis? L’unica alternativa concreta e l'unica l’opzione capace di coniugare rigore e giustizia sociale è votare Bersani”.

 

L’unica fortuna per Di Pietro pare essere la distanza temporale tra l’emergere del malaffare laziale e le prossime elezioni politiche. Ma forse sei mesi, per riformare la propria creatura politica, non basteranno.


Commenti   

 
0 #5 Jamila 2018-11-25 18:26
viagra for woomen: http://www.empiretrailer.com/__media__/js/netsoltrademark.php?d=iamthebest.us
Citazione
 
 
0 #4 Maurizio Navarra 2012-10-15 11:07
La democrazia è comunque una cosa straordinaria perché da voce a tutti, proprio a tutti!
Detto questo. Perché meravigliarsi se IDV è, nella sostanza, uguale agli altri partiti? Facciamo la scoperta dell'acqua calda? Ci saranno, e ci sono, anche isole di onestà. Ho però l'impressione che si entri in politica soltanto per raggiungere una "sistemazione", magari estendibile a famiglia e figli!
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2012-10-13 02:21
Comunque, anche se pittoresca la purulenza italiana è piccola cosa; quando salterà fuori la purulenza globale, e in particolare quella americana, allora ci sarà da divertirsi...
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2012-10-13 01:56
La crisi sta strizzando le membra infette dell'organismo italiano e la materia purulenta fuoriesce abbondante e colorata come previsto; Di Pietro contiene una vena di demagogia, ma conta come il due di picche; quella di Monti è demagogia di gran lunga più sottile, truffaldina e pericolosa anche perchè ha il crisma globalista della Grande Cleptocrazia Ludopatica; egli fa parte gli ultimi epigoni del reaganismo che rivendicano orgogliosamente il merito di mandare l'occidente ed il mondo allo scasso; una classe di sfasciacarrozze supponenti, arroganti e con la puzza sotto il naso per il popolo; incapaci di sentire come essi stessi puzzino da un pezzo di cadavere.
Citazione
 
 
0 #1 franco 2012-10-12 18:42
NON 1 MA 10, 100, 1000 P.LI LORETO!
IL GIORNO DELL'IRA E' SEMPRE + VICINO!

TUTTI I PAPPONI DI QUESTI PARTITI ED ISTITUZIONI CANAGLIE SONO FATTI CON LO STESSO STERCO!
A TANTO MARAMALDI LESTOFANTI:
DUCE RISORGI!
CHE TI PERDONIAMO!

GRILLO FACCI ALMENO SOGNARE!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna