Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/08/20 ore

Primarie "centrosinistra", il Pd si sceglie gli alleati e detta le regole



Alla fine, le linee guida per le Primarie decise all’ultima Assemblea nazionale del Pd sono diventate legge valida per tutto il centrosinistra; o meglio, il centrosinistra formato con gli alleati che si è scelto il partito di Bersani, vale a dire: Sel di Vendola e il ramo socialista (fra i tanti della diaspora post Craxi) che fa capo a Nencini. Il terzetto di segretari ha così firmato la Carta d’intenti e il regolamento in dieci punti.

 

Le primarie si svolgeranno, così, il 25 novembre. È previsto il doppio turno con l’eventuale ballottaggio, se nessun candidato raggiungerà il 50% più uno dei voti, è previsto per domenica 2 dicembre 2012.

 

Potranno votare tutti gli elettori e le elettrici italiane e i «cittadini immigrati in possesso di carta d’identità e di regolare permesso di soggiorno», previo pagamento di un contributo «di almeno 2 euro» e l’impegno «a sostenere il centrosinistra alle elezioni politiche del 2013, sottoscrivendo un appello pubblico per la sua affermazione elettorale e iscrivendosi all’Albo delle sue elettrici ed elettori.»

 

I candidati alle primarie dovranno depositare entro il 25 ottobre 20.000 firme di persone che si dichiarino elettori del centrosinistra, di cui non più di duemila in ogni Regione.

 

Dal 4 novembre sarà possibile registrarsi per votare alle primarie e iscriversi all’albo degli elettori del centrosinistra e fino al giorno del voto. Una volta iscritto, verrà dato a ciascun elettore un “Certificato di elettore del centrosinistra per l’Italia Bene Comune”: «tale registrazione dovrà avvenire con procedure distinte dalle operazioni e dall’esercizio del voto».

 

Da ciò si evince che potranno votare soltanto coloro che risultano iscritti fino al 25 novembre e che quindi per un eventuale secondo turno non sarà più possibile registrare nuovi elettori. Tuttavia, resta aperta la possibilità di altre soluzioni – che devono essere decise entro una settimana dal Collegio dei garanti, composto da Luigi Berlinguer, Francesca Brezzi, Mario Chiti e Francesco Forgione – per permettere l’iscrizione a chi si sia trovato «nell’impossibilità di registrarsi nel periodo dal 4 al 25 novembre».


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-10-14 13:05
TUTTI I PAPPONI SONO FATTI CON LO STESSO STERCO!
non rimane che sperare che ci siano sempre meno italidioti che si prestino a questi giochetti x la gestione mafiosa del potere dei soliti storici papponi.
ora che anche la cosca dex...za si è prostituita a codesta cosca tangentara degli sprechi e maggiore privilegi x lor boiardi e sempre + feroci tasse e patrimoniali x i sudditi tapini.
cosca che ci ha portato a questo governo golpista liberticida di sicari delle cupole mafio sioniste massoniche che stanno devastando il paese, imprese e famiglie con l'attuale piratesca fiscalità di rapina ad unico vantaggio dei loro mandatari, ai quali hanno ceduto sovranità monetaria e nazionale!
nessuno di questi partiti canaglia merita il nostro voto:
NON SPRECHIAMOLO!
NON VOTIAMOLI!
MANDIAMOLI A LAVORARE!
O MEGLIO TUTTI AFFAN...O!

GRILLO FACCI ALMENO SOGNARE!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna