Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/09/17 ore

POLITICA

La questione giustizia nella crisi economica - Intervista a Biagio de Giovanni

La "crisi" in Italia comprende un groviglio di aspetti diversi: economici, politici, sociali, culturali. Come si collocano ii problemi della giustizia in tutto ciò?

Si collocano al centro, per molti aspetti. Innanzitutto perché l’ordine giudiziario svolge decisive funzioni di equilibrio e decisive funzioni istituzionali. Quindi quando parliamo di crisi istituzionale non possiamo certo tagliar fuori la crisi della giustizia, la quale, neanche a dirlo, è un cardine dello Stato di diritto e del funzionamento normale delle istituzioni...

Giustizia, strutture inadeguate e arretratezza culturale – intervista a Vincenzo Siniscalchi

Sento parlare di crisi della giustizia da quando ho cominciato in anni lontanissimi la professione di avvocato e da quando frequentavo l'università come assistente. All'epoca si pensava che la giustizia penale soffrisse del fatto che negli anni '70 non si era riusciti a riformare l'impianto dei codici, in particolare il rito inquisitorio.

Giustizia, una questione antica – intervista a Emanuele Macaluso

Si parla ormai da tanti lustri di una funzione di supplenza della magistratura nei confronti del potere politico. Come dire: i magistrati provano a modo loro a colmare il vuoto lasciato dalla politica. È una tesi credibile, secondo te?

Il rapporto tra politica e magistratura in Italia è molto complesso e non è una questione che si pone solo ora. È una questione antica, dall’unità d’Italia in poi. La magistratura italiana è stata storicamente al servizio delle classi dirigenti...

La psicologia facile di Grillo

Gli interventi di Beppe Grillo diventano ogni giorno più vittimistici, ma possiedono un chiaro scopo di fondo, cioè quello di unire la grande massa di militanti a 5 Stelle contro la figura del nemico comune. Cioè i politici, i partiti, i giornali, i banchieri, e chi più ne ha più ne metta.

Italia dei valori, Di Pietro contro tutti (o quasi)

Crescono i malumori nel partito di Antonio Di Pietro, da quando il capogruppo alla Camera Massimo Donadi ha messo in discussione il “no” a prescindere del partito sulle politiche di Mario Monti. Dopo una fase di apparente quiete infatti sempre Donadi è tornato alla carica domenica scorsa con un'intervista rilasciata a 'L'Unità', riservando parole dal sapore di divorzio.

Legge elettorale, Emma Bonino: «Ben che vada sarà proporzionale»

"Ben che vada, mi sembra che si parli di ritorno al proporzionale. Le preferenze significano questo". Lo ha detto la vicepresidente del Senato Emma Bonino, nella consueta intervista settimanale a Radio Radicale, a proposito del dibattito sulla riforma elettorale. "Si tornerebbe - ha aggiunto, così come riportano alcune note d’agenzia - ad una situazione che abbiamo già vissuto anni fa, e solo chi non lo ha vissuto può pensare che le preferenze fossero il modo per dare voce ai cittadini".