Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/19 ore

CINEMA

'The mole song', viaggio delirante nel cinema di Takashi Miike

Reiji è un poliziotto pasticcione, privo di qualità ma pieno di voglia di fare; proprio per questo motivo viene scelto per infiltrarsi sotto copertura in un organizzazione mafiosa, la temibile Yakuza giapponese, e stanare il boss del clan, colpevole di traffico di droga. Una trama lineare, classica, per un film - quello di Takashi Miike, presentato in concorso al Festival del Film di Roma – folgorante, esilarante, beffardo, kitsch e chi più ne ha più ne metta. di Florence Ursino


- Marc'Aurelio d'Oro all'ibrido Tir di F.U.

- Take Five, 'spaghetti gangester' al Festival di F.U. 

- Quod erat demonstrandum, l'eterna lotta fra l'uomo e il sistema di F.U. 

- Out of furnace, senz'anima fuori concorso di F.U.

- Acrid, le prigioni mentali di affetti instabili di F.U.

- Lo scheletro lucente de "I corpi estranei" di F.U.

- Her, l'amore visionario di Spike Jonze di F.U.

- La fredda vita di ‘Sorrow and Joy di F.U. 

- A vida invisivel, come ammorbare al Festival del Film di F.U.

- Entre nos, la ricerca del tempo perduto di F.U.

- Manto Acuifero, messi a disagio di F.U.

- Dallas Buyers Club, un inno alla dignità di F.U.

- Ben o Degilim – I’m not him, la sfiancante pellicola di Tayfun Pirselimoglu di F.U.

 

Marc’Aurelio d’Oro all'ibrido Tir

Attraverso una forma cinematografica a metà tra il documentario e la finzione, Alberto Fasulo svela allo spettatore un mondo sconosciuto, misterioso, filtrato quasi sempre attraverso luoghi comuni e intramontabili stereotipi. di Florence Ursino

 

- Take Five, 'spaghetti gangester' al Festival di F.U. 

- Quod erat demonstrandum, l'eterna lotta fra l'uomo e il sistema di F.U. 

- Out of furnace, senz'anima fuori concorso di F.U.

- Acrid, le prigioni mentali di affetti instabili di F.U.

- Lo scheletro lucente de "I corpi estranei" di F.U.

- Her, l'amore visionario di Spike Jonze di F.U.

- La fredda vita di ‘Sorrow and Joy di F.U. 

- A vida invisivel, come ammorbare al Festival del Film di F.U.

- Entre nos, la ricerca del tempo perduto di F.U.

- Manto Acuifero, messi a disagio di F.U.

- Dallas Buyers Club, un inno alla dignità di F.U.

- Ben o Degilim – I’m not him, la sfiancante pellicola di Tayfun Pirselimoglu di F.U.

Take Five, ‘spaghetti gangster’ al Festival del Film di Roma

Un film che potrebbe inizialmente trarre in inganno, facendo pensare all’ennessima racconto in salsa malavitosa ispirato al mastodontico Gomorra in cui la camorra la fa da padrona, ma che quasi subito ingrana la marcia in più del distacco ironico e più umano da un mondo che non è certamente semplice (né tantomento sempre interessante) rappresentare esattamente così com’è. di Florence Ursino

Il cliché del visionario Jobs

“Sei dannatamente bravo ma sei un testone”. Steve Jobs è tutto qui, nella battuta pronunciata dall'attore che interpreta un suo superiore alla casa di videogiochi e console Atari. di Adil Mauro

Quod erat demonstrandum, l'eterna lotta tra l’uomo e il sistema al Festival del Film di Roma

Una sorta di thriller psicologico, quello presentato in concorso alla kermesse capitolina, girato interamente in bianco e nero e intenzionato a ricreare la sensazione di inquietudine e lo stato di costrizione dei sentimenti in cui ha vissuto la Romania nei 30 lunghi anni di potere del Partito Comunista. di Florence Ursino

Out of furnace, senz'anima al Festival del Film di Roma

Ecco la classica pellicola americana fatta di violenza, vendetta, botte e utopie di rendezione. Scott Cooper presenta, fuori concorso, l’ennesimo racconto di un’America cattiva e abbandonata a se stessa, a quel crollo economico e spirituale che tanti, troppi, film hanno già raccontato. di Florence Ursino