Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

06/06/20 ore

CINEMA

Venezia Film Festival 2014. Tra Cattivi Odori, War Games, Pasolini, uomini e Lupi, vince il migliore: Roy Andersson

In dirittura d'arrivo lo Smell Of Us di  Larry Clark dà la sveglia a un festival che, a parte Il notevolissimo, già citato, Pigeon, non lascia tracce di rilievo ma scorre tranquillo senza increspature. di Vincenzo Basile

 

Venezia Film Festival 2014, venti di guerra di V. B.

Venezia Film Festival 2014: sorprende la 'ndrangheta di Muzi e il Medio Oriente privato della Rakhsshan di V. B.

Venezia Film Festival 2014: in ordine sparso Leopardi, Belluscone, la Trattativa Stato-mafia, Salvatores e un Piccione svedese che passerà alla Storia del Cinema di V. B.

A Venezia in ordine sparso: Leopardi,Belluscone, la Trattativa Stato-Mafia, Salvatores e Un Piccione Svedese che passerà alla Storia del Cinema

Ne Il Giovane Favoloso di Mario Martone, sorprende innanzitutto l’ambientazione. Per quanto meticolosa essa risulta a tratti inverosimile e i costumi peccano di quell’impeccabilità sartoriale che ne rivela l’anacronismo (a presente e futura memoria l’esempio delle polverose e sdrucite camicie rosse del Gattopardo) e persino Elio Germano resta al di sotto delle aspettative legittime che il suo riconosciuto talento spinge a coltivare. di Vincenzo Basile

Venezia Film Festival 2014: sorprende la 'nadrangheta di Munzi e il Medio Oriente privato della Rakhsshan

Anime Nere di Francesco Munzi, primo dei tre film italiani in concorso apparso in sala, è un noir di mafia atipico rispetto alla tradizione di genere (Scorsese,Garrone ecc.), soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo della trama. di Vincenzo Basile

 

Venezia Film Festival 2014, venti di guerra di V. B.

Venezia Film Festival 2014, venti di guerra

"I conflitti, la crisi, l'oggi: una selezione che osa e che investe sui giovani", ha dichiarato il direttore Alberto Barbera durante la conferenza stampa di presentazione dei 20 titoli in concorso in questa 71°edizione. "Abbiamo visto qualcosa come 1500 lungometraggi e oltre 1600 corti, scartare dei titoli è stato come sempre un lavoro complesso e anche doloroso. La selezione rispetta il fermo principio di non superare i 55 titoli inediti presentati nelle tre sezioni principali del Festival, la provenienza dei film tocca una quarantina di paesi e il risultato finale mi permette di poter dire che sarà un’edizione che ci rende orgogliosi". di Vincenzo Basile

'Incompresa', il disagio dei bambini raccontato da Asia Argento

Il film di Asia Argento “Incompresa”, presentato a Cannes 2014 nella sezione “un certain reguard”, suscita l’interesse di genitori e di educatori in genere, descrivendo il disagio esistenziale di Aria, una bimba di nove anni. Il film in particolare fa riferimento a genitori divorziati, ma il discorso potrebbe essere senz’altro esteso a tante famiglie apparentemente “normali”, nelle quali si consumano in silenzio i drammi dell’incomprensione. di Giovanna D'Arbitrio

Le Meraviglie

"Le Meraviglie" narra la storia di una famiglia particolare di apicoltori in cui si parla italiano, tedesco e francese. La trama  ha indotto molti a pensare che fosse un’opera autobiografica, poiché il padre della regista era un apicoltore tedesco sposato con un’italiana, ma in un’intervista ella ha dichiarato quanto segue: "Il film non è un film autobiografico, ma  racconta la storia di una famiglia che io e mia sorella Alba conosciamo bene…  è nato dal desiderio di raccontare i luoghi dove sono nata, ma avevo voglia di lavorare con lo sguardo ibrido.  di Giovanna D’Arbitrio