Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/11/20 ore

CINEMA

Cold War, di Pawel Pawlikowski. Tra amore e Guerra Fredda

Premiato per la miglior regia al Festival di Cannes 2018, il film di Pawlikowski, Cold War, racconta una struggente storia d’amore che si svolge nell’arco di quindici anni, dal 1949 al 1964, tra Polonia, Parigi, Berlino, Jugoslavia. di Giovanna D’Arbitrio

Bohemian Rhapsody, aspettative mal riposte

Il film è carino, piacevole soprattutto per via delle musiche che da sole valgono il prezzo del biglietto, ma non tutto quadra come dovrebbe. A parte le licenze narrative, che mutano il reale svolgimento dei fatti storici (ma in un film questo aspetto può essere anche tollerato), c'è qualcosa che disturba sia dal punto di vista registico che da una pospettiva squisitamente drammaturgica. di Anna Concetta Consarino

Capri Revolution, di Mario Martone. Libertà e condizione femminile

Presentato a Venezia, Capri Revolution di Mario Martone, anche se non ha ottenuto il Leone d’Oro ha comunque ricevuto diversi riconoscimenti , come Premio Francesco Pasinetti, Premio Arca Cinema giovani, Premio Soundtrack Stars, Premio Sfer , Premio Lizzani, Premio Pellicola d'Oro a Katia Schweigg(miglior sarta).di Giovanna  D’Arbitrio

Il Castello di Vetro, di Destin Daniel Cretton. Un biopic sulla giornalista Jeannette Walls

In questo periodo il cinema sembra preferire i biopic e in effettiIl Castello di VetrodiD. D. Crettonarriva dopoA private war, sulla reporter Marie Colvin, e Colette, sulla famosa scrittrice. Tratto dal libro di memorie The Glass Castle, della giornalista Jeannette Walls (Brie Larson),il film descrive la sua infanzia e adolescenza. di Giovanna D’Arbitrio

Colette, di Wash Westmoreland. Un biopic sulla famosa scrittrice francese

Colette, di Wash Westmoreland , è un biopic sulla vita della scrittrice francese, Colette, pseudonimo di Sidonie Gabrielle Colette (Saint-Sauveur 1873-Parigi 1954), scrittrice, sceneggiatrice e attrice teatrale francese, considerata fra le maggiori figure della prima metà del XX secolo. di Giovanna D’Arbitrio

Troppa Grazia, di Gianni Zanasi. Tra reale e paranormale

Vincitore nell'ambito European Cinemas Label (sezione Quinzaine des Réalisateurs) al Festival di Cannes 2018 come miglior film europeo,Troppa Grazia, diGianni Zanasi,ancora appare sugli schermiconsuccesso dal 22 novembre.di Giovanna D’Arbitrio