Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/06/17 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Napolitano vs Procura di Palermo: conflitto che non ammette mediazioni

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha sollevato un formale conflitto d'attribuzione con la procura di Palermo: lo scontro fra i corpi istituzionali giunge così a un livello di sopportabilità mai prima toccato.

Il fatto contestato è gravissimo, dal momento che – come si legge nel decreto di Napolitano – il comportamento della procura ha comportato una “lesione delle prerogative costituzionali del Presidente della Repubblica”. di Luigi O. Rintallo


Quirinale debole: i rischi negli ultimi mesi di Napolitano di Stefano Folli  (da ilsole24ore.com)

Concertazione in via di rottamazione

“Esercizi profondi di concertazione in passato hanno generato i mali contro cui noi combattiamo e a causa dei quali i nostri figli e nipoti non trovano facilmente lavoro”.

Com’era prevedibile, la frase di Mario Monti, pronunciata all’assemblea dell’Abi di due giorni fa, ha suscitato la reazione di quanti sulla concertazione hanno fondato azione (e fortuna) politica. di Luigi O. Rintallo

Spending review, non solo di tagli ci vien fatto di parlare

La spending review ha tra i suoi compiti anche quello di mettere un tetto agli stipendi di livelli spropositati dei quali è venuta alla luce l’esistenza, ma evidentemente deve anche perseguire la finalità di correggere assurde storture nel senso inverso come quelle emerse da uno scritto di Carlo Fontana sul 'Corriere della Sera' e che riguardano, per esempio, gli Uffizi a Firenze e la Galleria Borghese a Roma. di Silvio Pergameno

"Ruota degli esposti": il caso Mangiagalli e l'esperienza sul campo di 'Salvamamme'

Il caso del bimbo lasciato nella “ruota” della Clinica Mangiagalli di Milano ha riproposto all’attenzione della stampa il problema dell’abbandono di neonati, che l’Associazione "Salvamamme" che presiedo già oltre quindici anni fa, di fronte ai frequenti rinvenimenti di neonati gettati nei cassonetti dei rifiuti, ritenne di affrontare, muovendo dall’irrefutabile considerazione che non esisteva alcun paragone possibile tra un bambino vivo e vegeto e legalmente affidato a genitori adottivi e un neonato fatto morire in condizioni orribili. di Maria Grazia Passeri

Spending review, la strenua difesa della spesa improduttiva

Il variegato ventaglio della spesa pubblica, in tutte le sue articolazioni, investe in pieno la riforma di uno stato sociale che è stato costruito come meccanismo affidato alla gestione delle corporazioni partitiche e sindacali: riformarlo significa intaccare a fondo questa gestione. di Silvio Pergameno

Italo vs Ferrovie dello Stato: la guerra dei treni

“Si avvisano i signori viaggiatori che, a causa di un treno Ntv-Italo sulla tratta Roma-Milano, l'Eurostar Trenitalia 3456 delle ore 17 porta un ritardo di 30 minuti”. Ecco cosa succede a intaccare il monopolio ferroviario: viene fuori tutta la voglia di concorrenza, di libero mercato, insomma viene fuori tutto l'italico astio nei confronti di chi “ce prova”. di Andrea Spinelli Barrile