Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/05/18 ore

EDITORIALI E COMMENTI

All'alba della Terza repubblica con le contraddizioni di sempre

Sebbene ancora non si conoscano le liste in corsa per il voto del 24-25 febbraio, si possono tuttavia fare alcune considerazioni su quella che i commentatori chiamano già l’alba della Terza repubblica. A quel che si vede, purtroppo, essa è assai simile alle precedenti e – per quel che riguarda gli schieramenti – presenta gli stessi vizi. di Luigi O. Rintallo

Che farà Monti?

Dopo il suo discorso di fine anno, coinciso con lo scioglimento del Parlamento, il senatore Monti non ha ancora deciso quale sarà la sua posizione nel prossimo futuro. Conferma di non presentarsi alle elezioni, ma si dichiara disponibile ad essere premier con chi si schiera con la sua “agenda”. Annunciando poi un suo manifesto online, fa di questo il suo programma “elettorale”. di Silvio Pergameno

Tutte le contraddizioni e i timori del Pd nelle parole di D'Alema

Si chiede il consenso per una compagine politica con la sinistra radicale, ma si è pronti a un governo con i moderati; ci si presenta come fautori di un programma alternativo, ma già da ora ci si dichiara pronti a farsi dettare i provvedimenti dallo stesso Monti, purché questi si tenga fuori dalla competizione elettorale. di Luigi O. Rintallo

La famiglia e la sua crisi, lo sfondo nella strage di bambini in Connecticut

Dinanzi alla strage di Newtown, nel Connecticut, invece di (o, quanto meno, prima di) emettere giudizi o verdetti su ciò di cui poco o nulla comprendiamo, proviamo, con tutta l’umiltà necessaria, a porre in fila i due o tre elementi di cui disponiamo. di Danilo Di Matteo

Lo scopone di Berlusconi nella bisca illegale della partitocrazia

Del rientro in campo di Berlusconi, molti hanno evidenziato l’azzardo se non la follia. Ma cosa spinge l’ex premier a giocare ancora? È una partita di scopone la sua, dove probabilmente egli non riuscirà a incamerare i punti delle carte e degli ori, ma mira comunque alla primiera e al sette bello. In tal modo si delineerebbe un “pareggio” che sarà risolto soltanto dalle scope. E come si sa queste ultime dipendono dall’abilità nello spariglio e, fattore non trascurabile, dagli errori commessi dai giocatori… di Luigi O. Rintallo

Stato-Mafia, Napolitano e le intercettazioni da 'distruggere'

E così presso la Corte costituzionale il Presidente della Repubblica ha avuto partita vinta nella faccenda delle intercettazioni in cui era stato indirettamente e involontariamente coinvolto nel corso delle indagini della Procura di Palermo sui rapporti stato-mafia, per una conversazione poi finita di pubblico dominio. di Silvio Pergameno