Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/11/17 ore

CINEMA

Il colore nascosto delle cose, di Silvio Soldini. Un film sui “veri” non vedenti

Presentato fuori concorso alla Mostra Cinematografica di Venezia 2017, il film di Silvio Soldini Il colore nascosto delle cose, conferma l’abilità del regista nel trattare temi delicati con grande sensibilità, abilità già evidenziata in altre opere, come Le acrobate, Pane e tulipani, Agata e la tempesta, Giorni e nuvole, Cosa voglio di più, Il comandante e la cicogna… di Giovanna D’Arbitrio

Alla Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia 2017 la Realtà è virtuale: la qualità c'è ma può attendere

La vera novità di questa edizione è stata la sezione dedicata alla tecnologia che apre scenari per ora imperscrutabili nel solo nel cinema ma anche in settori ancora da individuare: La Realtà Virtuale. di Vincenzo Basile

 

Mostra Cinema Venezia, Frances Mac Dormand.madre coraggio e Judi Dench-regina Vittoria, le stelle del Festival di V.B.  

Mostra del Cinema di Venezia2017. L'inaugurazione, le sorprese e le conferme di V.B.

74.sima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: Nouvelle Vague Italiana? Realtà Virtuale e Netfix prossime frontiere? di V.B.

Mostra Cinema Venezia. Frances Mac Dormand-madre coraggio e Judi Dench-regina Vittoria, le Stelle del Festival 2017

L’altro probabile candidato al Leone d’Oro, Three Billboards Outside Ebbing, Missouri protagonista assoluta Frances Mac Dormand è il film dell’anglo-irlandese Martin McDonagh. Mildred Hayes decide di affiggere tre enormi manifesti all’entrata di Ebbing, amena cittadina di provincia del Sud degli USA, per ricordare a tutta la cittadina e al suo sceriffo (Woody Harrelson) che sono passati sette mesi dallo stupro e l’assassinio, con conseguente rogo del cadavere, di sua figlia diciassettenne, senza che nessuno sia ancora stato arrestato. Ovviamente l’impatto dell’evento stravolge molte coscienze e produce schieramenti diversi a favore e contro l’autrice e causando conseguenze incontrollabili. di Vincenzo Basile

 

 - Mostra del Cinema di Venezia2017. L'inaugurazione, le sorprese e le conferme di V.B.

- 74.sima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: Nouvelle Vague Italiana? Realtà Virtuale e Netfix prossime frontiere? di V.B.

Mostra del Cinema di Venezia 2017. L’inaugurazione, le sorprese e le conferme

Il prologo d’obbligo del Presidente Baratta e del Direttore Barbera, entrambi convinti della crescita artistica oltre che finanziaria dell’Evento-Mostra, quest’anno è stato encomiabilmente breve. A seguire, il capolavoro di Ernst Lubitsch, Rosita (1923), ha sancito la pre-apertura dell’edizione n. 74 della Mostra del Cinema… di Vincenzo Basile

 

- 74.sima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: Nouvelle Vague Italiana? Realtà Virtuale e Netfix prossime frontiere? di V.B.

74.sima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: Nouvelle Vague Italiana? Realtà Virtuale e Netfix prossime frontiere?

Per il direttore della Mostra lagunare, Alberto Barbera, riguardo al cinema italiano la stagione si è rivelata “Ottima. Perché alla quantità sempre alta dei film prodotti, quest’anno si è aggiunta una notevole qualità media. E per questo ci siamo trovati piacevolmente in difficoltà avendo visto tanti film interessanti da scegliere. Questo è il motivo della presenza dei molti film italiani nelle varie sezioni; mi sembra che il giovane cinema italiano stia vivendo un cambio generazionale che lo porta a confrontarsi più agevolmente con il mercato. Non solo interno, ma anche estero”. di Vincenzo Basile

Quello che so di lei, di Martin Provost. Donne a confronto

Dopo un film come Tortilla y cinema, Le ventre de Juliette, Seraphine, Où va la nuit, Violette, ancora una volta il regista Martin Provost ci presenta due figure femminili in Sage Femme (Quello che so di lei). di Giovanna D’Arbitrio