Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/10/19 ore

CINEMA

Maria regina di Scozia, di Josie Rourke. Due regine tra intrighi di potere e lotte religiose

Maria regina di Scozia (Mary Queen of Scots), diretto da Josie Rourke, trae ispirazione dalla biografia My Heart Is My Own: The Life of Mary Queen of Scots, di John Guy. Il film narra le vicende della regina cattolica Maria Stuarda (Saoirse Ronan) a partire dal 1561, quando dopo la morte del marito Francesco II, re di Francia, tornò nella natia Scozia caduta nelle mani dei nobili protestanti capeggiati dal fratellastro illegittimo James (James Mchardle) e supportati dalla cugina, la regina inglese Elisabetta I(Margot Robbie) e dal suo Segretario di Stato, il barone William Cecil (Guy Pearce) che temevano le legittime rivendicazioni di Maria al trono inglese. di Giovanna D’Arbitrio

Vice - l’uomo nell’ombra, di Adam McKay. Tra intrighi politici e false verità

Riscuote successo di pubblico e critica il nuovo film di Adam McKay, Vice - L’uomo nell’ombra, candidato a diversi Golden Globe per miglior attore in un film commedia a Christian Bale, miglior film commedia, miglior regista ad Adam McKay, migliore attrice non protagonista ad Amy Adam, miglior attore non protagonista a Sam Rockwell, migliore sceneggiatura ad Adam McKay. di Giovanna D’Arbitrio

Van Gogh - sulla soglia dell’eternità, di Julian Schnabel

Premiato nel 2018 alla 75ª Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia con la CoppaVolpiper il Miglior Attore a Willem Dafoe e con una candidatura ai Golden Globe 2019, il film Van Gogh, sulla soglia dell'eternità (At Eternity's Gate) di Julian Schnabel, pittore newyorkese di successo nonché regista, non può essere considerato un comune biopic, poiché cerca di rompere schemi e cliché presenti in precedenti pellicole. di Giovanna D’Arbitrio

Cold War, di Pawel Pawlikowski. Tra amore e Guerra Fredda

Premiato per la miglior regia al Festival di Cannes 2018, il film di Pawlikowski, Cold War, racconta una struggente storia d’amore che si svolge nell’arco di quindici anni, dal 1949 al 1964, tra Polonia, Parigi, Berlino, Jugoslavia. di Giovanna D’Arbitrio

Bohemian Rhapsody, aspettative mal riposte

Il film è carino, piacevole soprattutto per via delle musiche che da sole valgono il prezzo del biglietto, ma non tutto quadra come dovrebbe. A parte le licenze narrative, che mutano il reale svolgimento dei fatti storici (ma in un film questo aspetto può essere anche tollerato), c'è qualcosa che disturba sia dal punto di vista registico che da una pospettiva squisitamente drammaturgica. di Anna Concetta Consarino

Capri Revolution, di Mario Martone. Libertà e condizione femminile

Presentato a Venezia, Capri Revolution di Mario Martone, anche se non ha ottenuto il Leone d’Oro ha comunque ricevuto diversi riconoscimenti , come Premio Francesco Pasinetti, Premio Arca Cinema giovani, Premio Soundtrack Stars, Premio Sfer , Premio Lizzani, Premio Pellicola d'Oro a Katia Schweigg(miglior sarta).di Giovanna  D’Arbitrio