Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/06/20 ore

CINEMA

Martin Eden, di Pietro Marcello. Il tema della diversità culturale e sociale

Martin Eden, diretto da Pietro Marcello, liberamente tratto dall'omonimo romanzo di Jack London, alla Mostra Cinematografica  di Venezia 2019 si è aggiudicato la Coppa Volpiper la migliore interpretazione, assegnata a Luca Marinelli. Il bravo regista casertano, in passato documentarista, rielabora il romanzo di J. London spostando l'azione dalla California in Italia, a Napoli, per raccontare la storia di Martin Eden (Luca Marinelli), un marinaio che nei primi anni del XX secolo ritorna nella sua città. di Giovanna D’Arbitrio

76.ma Mostra di Venezia. Sono le Donne di Arthus Bertrand le vere protagoniste. Ma anche la politica, l’economia e il Pianeta

Il bilancio della prima settimana di proiezioni Veneziane si chiude positivamente. Il merito principale é costituito indubbiamente dalla qualità delle Opere presentate, elemento niente affatto scontato anche se tra molti il più ovvio e auspicabile. Per un pubblico formato in misura crescente da giovani il risultato è ancora più apprezzabile per molte, evidenti ragioni, tra le prime la domanda di Senso e Significati che questi rivolgono agli Autori, considerati a torto o ragione i catalizzatori generazionali di analisi rigorose e profonde della realtà globale contemporanea. E non solo di quella politica ed economica. Che poi le risposte arrivino da Shakespeare, dalle controculture dei ruggenti anni ‘60 o dal cinema di animazione è del tutto secondario. di Vincenzo Basile

 

76.ma Mostra d’Arte Cinematografica Venezia: riparte dall’Autorialitá all’insegna de La Vérité di Kore-Eda Hirokazu di Vincenzo Basile

5 È Il Numero Perfetto, di Igort. Da graphic novel a film

Igort, pseudonimo di Igor Tuveri, noto fumettista e romanziere italianoha diretto e sceneggiato il film 5 È Il Numero Perfetto, basato sul suo omonimo romanzo grafico del 2002.  Ambientato a Napoli negli anni ’70, il film racconta la storia di Peppino (Toni Servillo), un killer camorrista in pensione che ritorna ad uccidere dopo l'omicidio di suo figlio, scatenando violente azioni e reazioni con il suo desiderio di vendetta. Accanto a lui troviamo il sanguinario Totò 'O Macellaio (Carlo Buccirosso), amico e complice, e Rita (Valeria Golino). di Giovanna D’Arbitrio

76.ma Mostra d’Arte Cinematografica Venezia: riparte dall’Autorialitá all’insegna de La Vérité di Kore-Eda Hirokazu

“Apprendo con gioia immensa, ha dichiarato il regista Kore-Eda Hirokazu (Palma d’Oro a Cannes 2018), che il mio nuovo film è stato selezionato per aprire la Mostra di Venezia. Desidero esprimere la mia sincera gratitudine a tutto lo staff della Mostra. Il film racconta la storia di una famiglia che si sviluppa tutta all’interno della propria casa. È all’interno di questo piccolo universo che ho provato a far vivere i miei personaggi, con le reciproche menzogne, orgogli, i rimpianti, le tristezze, le gioie e le riconciliazioni”. Catherine Deneuve, Juliette Binoche ed Ethan Hawke protagonisti. di Vincenzo Basile

Dal 1 agosto al cinema “La sera della prima", diretto da Loretta Cavallaro

Dal 1 agosto, dopo l'anteprima nazionale al Social World Film Festival di Vico Equense, uscirà al cinema il film "La sera della prima", diretto da Loretta Cavallaro, prodotto da Bloopers srl, con Francesco Tripodi, Paola Casella, Massimiliano Colonna.

Il Mangiatore di Pietre. Storia di confini e di conflitti tra padri e figli, la storia di una comunità

In uscita il 18 luglio, presso tutti i cinema italiani, il film Il Mangiatore di Pietre, di Nicola Bellucci, con Luigi Lo Cascio, Vincenzo Crea, Bruno Todeschini, Ursina Lardi, Leonardo Nigro, Peppe Servillo. Trasposizione sul grande schermo dell’omonimo best seller di Davide Longo, «Il mangiatore di pietre» ha partecipato alla 36° edizione del  Torino Film Festival ed al Trento Festival 2019. Girato in Piemonte (Val Varaita, Cuneo) e in Ticino (Val Bavona), è stato prodotto dall’Achab FilmRai Cinema e della svizzera Cineworx Filmproduktion di Zurigo, con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte.