Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/04/17 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Speciale Rom. A Roma è emergenza umanitaria: in cinquecento in mezzo a una strada

Attualmente, cinquecento persone si trovano letteralmente in mezzo a una strada, sgomberate senza alternativa d'alloggio. Non è la prima volta che si riferiscono simili notizie, ma questa in particolare assume il profilo d'una emergenza umanitaria per via delle modalità con cui è condotta; e ci spinge a una riflessione che vuol cogliere la drammaticità del fatto inserendolo nel contesto al quale appartiene. Queste cinquecento persone, estromesse una settimana fa, vivevano all'interno di un ex-deposito COTRAL abbandonato… di Gianni Carbotti e Camillo Maffia

Ciao Marco

 .....

 

 

 

 

Marco Pannella: Radicali ieri e oggi (Quaderni Radicali 101, maggio 2008)

- Marco Pannella di Silvio Pergameno

Cassazione, quel furto che non costituisce reato

Una volta si rubavano le proverbiali mele, oggi siamo al meno salutare wurstel con formaggio come pasto per il minimo sostentamento. Il cosiddetto "giovane senza fissa dimora”, meno politically correct detto barbone, Roman Ostriakov, c’aveva provato, pagando alla cassa del supermercato solo i grissini, il resto stava in tasca. Le cronache raccontano di clienti spioni che contribuirono all'arresto. Poi il processo e la condanna in primo e secondo grado per un furto dell’ammontare complessivo di 4 euro. A questo punto, non il condannato ma il presidente della Corte d’Appello di Genova, poco soddisfatto, ritenne opportuno ricorrere affinché la pena fosse alleggerita, perché non di furto lieve si sarebbe trattato, ma di tentato furto.

Un posto sacro per ognuno. Finalmente sale di comiato a Napoli

Il Convegno ”L’Arte del Vivere e del Morire” per ricordare Maurizio Mottola, tenutosi a Napoli all’Antisala dei Baroni il 13 Maggio 2013, fu una riflessione sull’aspetto politico-sociale del morire in Italia e a Napoli ed aprì uno spazio di conoscenza sulla morte e sul fenomeno post mortem. Si concluse con la richiesta al Comune di Napoli di allestire ”Un posto sacro per ognuno” cioè un luogo dove si potesse celebrare il rito funebre nel caso non ci si riconoscesse nel funerale cattolico. di Claudia Del Vento

Jasenovac o della Memoria negata

Il 15 aprile 2016, s’è svolta presso la sede dello Jasenovac Memorial Museum in Croazia, una commemorazione delle vittime del terribile campo di concentramento gestito dal regime degli ustaša durante la Seconda Guerra Mondiale, organizzata dalla Coordination of Jewish Communities in maniera autonoma e volutamente separata dalle celebrazioni ufficiali che si terranno il 22 aprile prossimo, come forma di protesta contro il rigurgito di simpatie per il movimento ustaša in atto nel paese balcanico e l’atteggiamento di crescente revisionismo o relativizzazione dei suoi crimini. di Gianni Carbotti