Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/17 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Lo strano caso di Camping River: intervista all'on. Giovanna Martelli dopo la visita ispettiva

Il campo nomadi di Camping River è un piccolo giallo, un campo sul quale è difficile avere informazioni, in cui vigono regole apparentemente particolari rispetto agli omologhi e, soprattutto, oggetto di un bando che prevede la realizzazione di un villaggio ex novo nella stessa area, anziché il superamento che l'assessora Laura Baldassarre ripete in ogni sede di voler effettuare implementando la Strategia nazionale d'inclusione dei Rom. Lunedì 10 aprile l'on. Giovanna Martelli si è recata presso la struttura per una visita ispettiva. di Gianni Carbotti e Camillo Maffia

La morte volontaria di Davide Trentin

"Alle 9 di questa mattina Davide Trentini ha ottenuto l'aiuto medico alla morte volontaria nel rispetto della legge Svizzera". L'annuncio è stato dato dall'associazione Luca Coscioni, che ha diffuso anche un VIDEO attraverso il quale Davide nel quale quale esprime il suo desiderio di porre fine liberamente al dolore e alla sofferenza.

Eutanasia, Mina Welby per aiutare Davide

Ogni tanto il tema fa capolino nell’attualità politica, mentre le norme sul testamento biologico ed eutanasia proseguono la lunga e travagliata gestazione in Parlamento. L’ultima volta fu il caso di Dj Fabo a porre la questione del fine vita al centro del dibattito.

La pena di morte nel Mondo. I nuovi dati di Amnesty

Nello studio dell’uso globale della pena di morte, Amnesty International ha registrato una generale diminuzione del ricorso a questa punizione. Il totale delle esecuzioni è diminuito rispetto a quello elevato riscontrato nel 2015. Il numero di paesi che hanno imposto sentenze capitali e che hanno eseguito condanne a morte è anch’esso significativamente diminuito. In ogni caso, il totale delle nuove sentenze capitali è aumentato rispetto a quello dell’anno precedente, superando il massimo complessivo registrato nel 2014.

Giustizia, i “primati” italiani

Giustizia lumaca tra le causa principali del declino del nostro Paese? Qualcuno potrebbe parlare della solita ossessione radicale. Ma le parole e i lamenti si trasformano prima o poi in fatti classificabili, ogniqualvolta si decide di dare i numeri. Come quelli, per esempio, della Commissione europea, che nella V edizione del Justice Scoreboard ha misurato l'efficienza della giustizia nei Paesi membri dell'Ue.