Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/11/17 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Iniezione letale per Wilson: la disabilità mentale non ferma il boia texano

Robert Wilson ha aspettato invano l’intervento della Corte Suprema americana e alla fine è stato giustiziato nel carcere di Huntsville in Texas. Il suo ritardo mentale, con quoziente intellettivo di 60 a fronte di un limite minimo di 70, non è bastato per ottenere la commutazione in ergastolo della pena inflitta per un omicidio che Wilson avrebbe commesso nel 1992.

Preservativo femminile: il sogno delle donne tirato fuori dal cassetto

Ciò che manca è la tutela del corpo femminile, della sua sessualità. Ciò che manca è il rispetto della salute riproduttiva della donna, ciò che manca è l'educazione a una giusta contraccezione. Ciò che manca è l'impegno del nostro Governo nel far sì che sempre meno madri muoiano di parto o contraggano malattie sessualmente trasmissibili.

Prostituzione, voglia di regole nel confuso "fai da te" locale

Saranno probabilmente i tempi di crisi economica a far leva sulle necessità degli istinti umani, o semplicemente è giunto il momento del legalizzare il mestiere più antico del mondo (e della pratica, ben più antica, del sesso). Tant'è che in questi giorni, impossibile negarlo, in materia di prostituzione se ne vedono e se ne sentono di tutti i colori.

Obiezione di coscienza e Legge 194: dal reato alla legge, dalla legge...

Quando nei primi anni ’70 cominciammo la nostra lotta per la legalizzazione dell’aborto, le stime valutavano in molte centinaia di migliaia gli aborti clandestini cui le donne italiane erano costrette ogni anno a causa del reato previsto dal Codice Rocco. Oggi, a quaranta anni di distanza,  ci interroghiamoi sulle iniziative da intraprendere contro i nuovi attacchi alla legge 194 e contro i ripetuti tentativi di paralizzarla e di renderla inoperante grazie all’obiezione di coscienza dei medici e alle inadempienze delle amministrazioni sanitarie...di Gianfranco Spadaccia

Obiezione di coscienza, Comitato nazionale per la bioetica favorevole se garantiti diritti del cittadino

Sì all'obiezione di coscienza, purché non sia violato l'indiscutibile diritto del cittadino alla tutela della salute. E' questo il parere espresso dal Comitato nazionale per la bioetica (Cnb), secondo cui quello all'obiezione di coscienza è un diritto garantito dalla costituzione che, però, non deve limitare gli altrettanto importanti diritti dei cittadini, anch'essi garantiti per legge. di Silvia Soligon