Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/07/17 ore

TEATRO

La Parsons Dance incanta il pubblico romano

Percussioni che riempiono il buio nella sala, ad annunciare l'esplosione di luci e colori. Ritmo, energia. La bellezza si fa movimento, mentre la musica rincorre i corpi che sfuggono. Inarrivabili, nevrili. Intolleranti alle regole compositive. E' lo spettacolo della “Parsons Dance”, sul palco del Teatro Brancaccio di Roma dal 20 al 22 marzo : oltre al leggendario “Caught”, la compagnia porta sulla scena alcuni pezzi ancora inediti per il pubblico italiano, gioiosi e “positivi”, volutamente dispensatori di emozioni semplici e per questo fruibili in modo intuitivo, diretto. di Regina Picozzi

Stefano Accorsi e il “Decamerone” dei nostri giorni

Una compagnia itinerante mette in scena le novelle del Boccaccio, costruendo quinte ed atmosfere all'interno di un carro che contiene tutto: segreti, gelosie, ripicche, amori, amicizie. L'ironia ed un sano erotismo bucolico servono a tenere lontani i brutti pensieri, mentre la peste imperversa sulla Firenze trecentesca del Decamerone. Ci si allontana per un po' dalla città per ricercare altrove la capacità di risollevarsi: nelle storie da raccontare e delle quali ridere, ad esempio. di Regina Picozzi

Jesus Christ Superstar del terzo millennio spacca come quello del 1973

C’è poco da fare, per laici e credenti , la figura di Cristo è, seppur in misura variabile, l’icona dei supremi valori dell’Umanità. Renderlo personaggio-protagonista di uno spettacolo e potenziarne il magnetismo grazie al propellente Rock, non può che trasfigurarlo in quella Superstar dall’ immenso carisma che ha incantato generazioni di spettatori. di Vincenzo Basile

La Sciantosa Serena Autieri al Diana di Napoli

"Ho voluto rileggere in chiave nuova ed attuale il caffè chantant  con un lavoro di ricerca e rivalutazione nel repertorio dei primi del ‘900, da brani più conosciuti e coinvolgenti, quali A tazz’ e cafè"e Comme facette mammeta sino a perle nascoste come Serenata napulitana e Chiove, oggi ascoltabili solo con il grammofono a tromba. Tra una rima recitata e una lacrima intendo riportare al pubblico quelle radici poetiche e melodiche ottocentesche e quei profumi arabi, saraceni e americani che Napoli ha ruminato e restituito al mondo nella sua inconfondibile cifra" - così si esprime Serena Autieri  al Teatro Diana di Napoli con lo spettacolo "La Sciantosa – ho scelto un nome eccentrico", scritto da Vincenzo Incenzo e diretto da Gino Landi. di Giovanna D’Arbitrio

La danza delle “Garbage Girls” , al Teatro Vascello di Roma

La “mancanza” come condizione esistenziale, come percorso fatale, ineluttabile e crudele. Una coreografia attenta e viscerale, realizzata da Francesca La Cava che ne è anche interprete d’eccellenza, esplora la vita di chi non ha, di chi cerca tra gli scarti della gente comune qualcosa da indossare, sperando di non trovarvi se stesso, semplicemente. di Regina Picozzi

A teatro con "Vanya e Sonia e Marsha e Spike"

..."E Cassandra", potremmo aggiungere noi. In scena al teatro Sala Umberto di Roma fino al prossimo 5 ottobre, la commedia teatrale di Christopher Durang ci regala attimi di leggerezza e risate. Al contempo anche sorrisi amari e qualche occasione,quasi grottesca, di riflessione. di Regina Picozzi