Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/02/19 ore

DIRITTI E LIBERTA'

Pillola del giorno dopo gratis per gli universitari francesi

Arriva in Francia per tutti gli studenti universitari “aggratis” la pillola del giorno dopo. Ad annuncialo il ministro della Salute francese, Marisol Turaine, che ha dichiarato il suo impegno a far si che tutte le infermiere delle università siano autorizzate a distribuire il farmaco agli studenti.

Pena di morte: troppo 'sveglio' per non morire. Giustiziato in Texas uno psicolabile

Yokamon Hearn aveva 19 anni quando uccise con 10 colpi di pistola alla testa il 23enne Frank Meziere. L'uomo nero contro quello bianco, solo uno dei tanti casi nel caldo Texas. Era il 1998. Ieri Hern è stato giustiziato: il primo condannato a morte, nello stato americano dei cow-boy, per iniezione letale con un solo farmaco, il pentobarbital, invece del cocktail di farmaci usato in precedenza.

Eutanasia: l’Olanda tira le somme e Hollande prepara la riforma

In Olanda è tempo di bilanci. A dieci anni dall’emanazione di una legge che autorizza l’eutanasia e il suicidio assistito, uno studio del ZonMw, organizzazione olandese per la ricerca sanitaria e lo sviluppo, rivela che l’apertura olandese non ha prodotto i risultati sperati.

Corte Penale Internazionale: le inadempienze italiane

Esattamente 14 anni fa, il 17 luglio 1998, veniva adottato a Roma lo Statuto della Corte Penale Internazionale, poi entrato in vigore nel 2002. Proprio per celebrare la storica nascita della Cpi, il 1° giugno 2010 l’Assemblea degli Stati Parte della Corte ha istituito la Giornata mondiale della giustizia internazionale penale.

HIV e concorsi pubblici, interpellato il Ministero della Salute

Non si ferma la battaglia per fare chiarezza sull'esigenza di presentare un test HIV negativo per partecipare alle selezioni del personale di difesa. A far sentire la loro voce sono ancora i Radicali, che, questa volta, hanno deciso di interpellare non solo il Ministero della Difesa, ma anche quelli della Salute, del Lavoro e delle Politiche Sociali e per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione.