Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/07/19 ore

ESTERI

Offeso l'Islam, l'Egitto oscura Youtube

Un tribunale egiziano ha imposto a YouTube la condanna di interruzione dei suoi contenuti nel paese per un mese a causa della controversia nata nel settembre scorso all’uscita nelle sale cinematografiche del film “The innocence of Muslims” e alla conseguente messa in rete del trailer.

Droga, le sale del buco a Parigi

Aprirà a Parigi la prossima primavera, nel decimo arrondissement (dove è presente il maggior consumo di droga della città), la prima “salle de shott” - sale del buco - in cui sarà possibile consumare sostanze stupefacenti sotto controllo di personale medico qualificato.

Carne di maiale a detenuti islamici, in Gb è polemica

Nuovo scandalo in Gran Bretagna di origine alimentare. Dopo la notizia della carne di cavallo trovata in tracce negli hamburger (nel paese infatti il cavallo viene considerato un animale da compagnia), ora viene fuori che la carne di maiale, il cui consumo è  vietato nella cultura islamica, sia stata data in “pasto” ai detenuti musulmani nelle carceri di sua maestà.

Usa, sparare è un gioco da ragazzi

Chissà, magari ne è venuta fuori una perfetta riproduzione. O forse il 'bum bum' risuonato nell'aula ha perso il suo carico onomatopeico e ha davvero terrorizzato qualcuno. Fatto sta che Joseph Cardosa, 5 anni vissuti interamente in Massachusetts, rischia di macchiare per sempre la sua fedina scolastica per aver costruito con i Lego una pistola giocattolo. Impugnandola, anche.

New York Times aggredito da hacker cinesi dopo inchieste su ricchezze famiglia premier Wen Jiabao

Quando nella metà del mese di settembre 2012 il New York Times avviò l’inchiesta sulle grandi ricchezze che la famiglia del premier cinese Wen Jiabao aveva accumulato, nessuno immaginava che lo stesso quotidiano sarebbe divenuto il sito più esposto ad attacchi pressoché quotidiani da parte di hacker. È accaduto che invece la guerra del web tra Cina e Stati Uniti ha trovato una nuova occasione per scatenarsi.

Immigrazione, Obama spinge per una maxisanatoria

“E' semplice: abbiamo la volontà come popolo, come Paese, come governo, di lasciarci finalmente la questione alle spalle”. Piglio diretto e deciso, quello dimostrato da Barack Obama nel suo intervento da Las Vegas, nell'affrontare l'annoso problema rappresentato dalla riforma sull'immigrazione.

Francia, Diane 35: la pillola della discordia

È bufera in Francia sulla pillola Diane 35, prodotta da Bayer, prescritta per il trattamento dell'acne ma utilizzata anche come contraccettivo. A lanciare l’allarme è stato il direttore generale dell'Agenzia nazionale della sicurezza dei farmaci, Ansm, Dominique Maraninchi.

Iraq, Tareq Aziz vuole morire

Tareq Aziz, vice premier nel passato regime di Saddam Hussein e attualmente nel braccio della morte in Iraq, soffre di depressione e, ha detto il suo avvocato, ha intenzione di chiedere al Papa di intervenire per la sua rapida esecuzione.

La Francia e il Mali

La spedizione militare francese nel Mali (con indiretto appoggio statunitense), avviata qualche giorno fa dal Presidente François Hollande, anche se non è priva di motivazioni e anzi forse proprio perché di motivazioni ne ha e di complesse, appare modesta nell’apparato bellico schierato, ma in realtà non può essere affatto giudicata tale. di Silvio Pergameno

Turchia, Sevil Sevimli rischia 21 anni di carcere per terrorismo

Sevil Sevimli, 21 anni , ragazza francese di origine curda, giunta a Eskisehir nel nord della Turchia lo scorso anno con il programma Erasmus , rischia 21 anni di prigione.

Associazione Arabi Democratici Liberali, la Francia deve rispettare i diritti umani del popolo Tuareg

"La Francia ha recentemente lanciato un attacco militare in Azawad, Nord del Mali. I media internazionali hanno riportato che l’Eliseo ha deciso di intervenire per fermare il pericolo jihadista nella regione. Le notizie però appaiono per un osservatore attento alquanto confuse. Infatti, non sembra essere chiaro la strategia politica che ha in mente la Francia per l’Azawad e il Mali".

Rapporto sulla situazione in Azawad e nel Mali 

Il Mali, l'Azawad e il fronte sahariano conversazione tra Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa (Agenzia Radicale Video)