Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/03/19 ore

ESTERI

Pena di morte, la Turchia pensa al ripristino

Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che Ankara valuterà se introdurre la pena di morte per crimini terroristici, un decennio dopo aver abolito la pratica. "L'autorità (di perdonare un assassino) appartiene alla famiglia della vittima, non a noi",  per questo c'è "bisogno di effettuare i necessari aggiustamenti e rivedere la propria posizione" - ha detto Erdogan, citato dall’agenzia di stampa Anatolia - considerato che la pena di morte esiste in Cina, Giappone, Russia e Stati Uniti".

Barack Obama, Four more years!

Four more Years! Barack Obama in foto abbraccia la moglie. Così, un tweet diventa l’istantanea delle elezioni che confermano alla Casa Bianca il presidente afroamericano. L’America ha dunque scelto il suo nuovo presidente e diversamente dalle previsioni non c’è stato il testa a testa previsto. La vittoria è stata infatti un po’ più ampia in termini di grandi elettori che si conquistano Stato per Stato attraverso un complicato sistema elettorale, mentre è stato confermato un sostanziale pareggio sul voto popolare.

Russia, Internet nel mirino della censura

L'11 luglio scorso la Duma (camera bassa del parlamento russo) ha approvato una legge, con 242 voti favorevoli, per limitare ed intensificare i controlli sulla rete; la legge, in vigore dal 1° novembre, vorrebbe colpire quei siti che distribuiscono immagini pedo-pornografiche o violente.

Obama o Romney, l'America sta per scegliere. Intervista a Geppi Rippa

Nel complesso la sfida tra i sue candidati nella corsa alla Casa Bianca – dall’esito ancora incerto – si è concretizzata nei tre tanto discussi confronti televisivi. Duelli nei quali, più che i contenuti delle proposte politiche, sembra aver svolto un ruolo centrale la capacità di presentare le proprie iniziative, di tener elegantemente testa all’avversario, di trasmettere un’immagine affidabile di se stessi, in poche parole la comunicazione politica in senso lato.

Siria, "la guerra di sterminio di un popolo"

Continua a tuonare il cielo siriano. Nelle scorse settimane l’esercito ha incominciato a servirsi dell’aviazione per attaccare le roccaforti ribelli e proprio ieri, secondo quanto riferito dagli attivisti, un aereo avrebbe lasciato cadere una bomba sulla capitale siriana, per la prima volta dall’inizio del conflitto.

Raoul Wallenberg L'uomo che salvò 100.000 ebrei

1944. Dopo anni di indifferenza, finalmente qualcuno comincia a muoversi per cercare di fermare il genocidio nazista. Grazie all'intervento del Ministro del Tesoro statunitense Morgenthau, viene creato il War Refugee Board (Ente per i Rifugiati di guerra) che, dopo diversi tentativi diplomatici, lancia una vasta iniziativa di salvataggio degli ebrei ancora presenti in Ungheria.

Marò, la Ferrari in divisa irrita l'India

Plausi in Italia, proteste in India per la decisione della Ferrari di correre il Gran premio nel paese asiatico con la bandiera della Marina militare italiana esposta in segno di solidarietà per i due marò prigionieri in territorio indiano dal 19 febbraio scorso per l'omicidio di due pescatori scambiati per pirati a largo delle coste del Kerala.

Veto 'rosa', nessuna donna alla Bce

Con 325 no, 300 sì e 49 astenuti si è conclusa la sessione plenaria del parlamento europeo riguardo alla nomina per il direttorio della Banca centrale europea di Yves Mersch. Un veto simbolico, quello che ha visto bocciare la candidatura del governatore della banca centrale lussemburghese, scaturito dall'assenza di donne nell’esecutivo: Mersch sarebbe infatti il sesto uomo nel comitato esecutivo della “più importante istituzione europea”, come l’ha definita il presidente della Commissione economico-finanziaria, Sharon Bowles, motivando la bocciatura avvenuta già in commissione lunedì scorso.

Scopre il tesoro di 'nonno Wen', la Cina oscura il New York Times

“Nonno Wen”, Primo Ministro cinese, secondo il New York Times sarebbe a capo di un impero del valore di 2.7 miliardi di dollari. L'inchiesta, pubblicata dal più famoso giornale del mondo sulla base di “registri pubblici e aziendali”, prende in esame la scalata economica della famiglia di Jiabao, in dieci anni giunta al vertice di una dorata piramide costruita, pare, tramite il certosino lavoro di aziende 'fantasma', società finanziarie intestate ad amici, conoscenti e parenti e proficui investimenti nei più disparati settori dell'industria della Repubblica Popolare cinese.

Fbi, niente Ku Klux Klan: Sharmeka si è data fuoco da sola

Niente incappucciati. Niente Ku Klux Klan: secondo l'Fbi Sharmeka Moffit, la ragazza nera della Lousiana ricoverata con il 60% del corpo ustionato, si sarebbe inflitta da sola le ferite, inscenando l'aggressione a sfondo razzista.

Usa, Pink Pistols: la lobby gay del porto d'armi

Si chiama 'Pink Pistols', è un’associazione nata nel 2000, attiva sia in America che in Canada, e ha come obiettivo quello di promuovere la difesa armata per le persone omosessuali vittime di violenze o discriminazioni. A raccontare le dinamiche che hanno portato alla nascita dell’associazione è Nicole Stallard, transessuale, meglio conosciuta a San Francisco come “la ragazza con la pistola”.