Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/18 ore

POLITICA

Governo, il noioso tira e molla Di Maio-Salvini

Quella di ieri è stata un po' la giornata della “coerenza”, con la quale si è fatto di necessità virtù, in una fase di stallo dettata anche dai tempi compassati della nostra politica, aspettando l'esordio del nuovo Parlamento.

Operazione “Reddito di cittadinanza”, il ruolo dei media sulla bufala elettorale

Nel decalogo di Rocco Casalino per difendere il M5S dai giornalisti brutti e cattivi c'è scritto, fra l'altro: “...non abbiamo più bisogno di giornali e tv. Riusciamo ad arrivare a milioni di persone”. Eppure, l'operazione "Reddito di cittadinanza" dimostra esattamente il contrario.

Bonino, dopo la sconfitta non molla il progetto. Ma “perde” già Calenda

“Non era un onda, era uno tsunami”, quello anti-europeista e sovranista, “non avevo capito”. Emma Bonino in conferenza stampa non ha potuto fare altro che “prendere atto della battuta d'arresto importante di un progetto giovane”. Tuttavia c'è “l'intenzione di non mollare”...

Elezioni 2018, hanno vinto loro...

Per grandi linee tutto come previsto: sarà molto complicato formare un governo nella nuova Legislatura. Per chi sperava quanto meno in una tenuta delle forze cosiddette “responsabili” in vista di un "inciucio", è andata invece nel peggiore dei modi.

Rita Bernardini: sulla mancata riforma dell'ordinamento penitenziario denuncia agli organismi internazionali

Nonostante gli appelli di Garanti nazionali, l’incredibile impegno di circa 10.000 detenuti che hanno effettuato uno sciopero della fame, che testimonia quanto l’impegno nonviolento di Marco Pannella ha profondamente segnato il loro agire; nonostante l’adesione convinta di giuristi e intellettuali, ma significativamente anche di magistrati (vedi Armando Spataro), l’iniziativa delle Camere penali di tutta Italia, di professori universitari e di centinaia e centinaia di cittadini, la riforma dell’ordinamento penitenziario non ha avuto la ratifica del parlamento.

 

Rita Bernardini: sulla mancata riforma dell'ordinamento penitenziario denuncia organismi internazionali (Agenzia Radicale Video)

Ancora in tema di élite

Con uno dei suoi fluviali, corrosivi, sempre utilissimi interventi (“Il Foglio”, 24-25 febbraio”), Giovanni Ferrara ci serve sul piatto delle riflessioni un tema rovente quanto sfuggente, quello delle “élite” e del loro ruolo nella società d’oggi. Rovente da sempre, da quando almeno la sociologia degli inizi del secolo scorso ne fece, con Mosca o Pareto, le prime dissezioni, scettiche e preoccupanti; sfuggente perché, nella consapevolezza della loro attuale decadenza, tutti evitano di affrontare, con la determinazione necessaria, la spinosa questione. di Angiolo Bandinelli