Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/18 ore

POLITICA

Cottarelli, il governo della sfiducia

Lo stato dell'arte di questa infinita e impazzita campagna elettorale, in cui tutto e il contrario di tutto viene detto e fatto, e la realtà è l'insieme contraddittorio di opinioni modificabili a gentile richiesta...

Giuseppe Conte, fine della storia sui premier non eletti

Più che “uno vale uno”, è “l'uno vale l'altro”. L'importante che al centro ci sia il programma come da “contratto”. In quest'ottica, Giuseppe Conte, illustre sconosciuto della politica, pare sulle prime rispecchiare l'identikit del premier che viene incontro alle esigenze contrastanti di Di Maio e Salvini.

Lega e 5 Stelle, per fortuna c'è l'Unione Europea...

 Diciamolo pure, hanno stancato. Non se ne può più, dopo 70 giorni in cui i protagonisti del “cambiamento” non hanno fatto altro che confermare la loro propensione innata a raccontarci balledi Antonio Marulo

Salvini-Di Maio, ancora 24 ore per un po' di “benevolenza”

A volte bastano le parole giuste per ridare speranza a chi l'ha persa. Il presidente della Regione Liguria, Toti, da parte sua, ne ha trovate due, “astensione benevola”, per definire l'atteggiamento che Forza Italia potrebbe assumere nei confronti di un governo Lega-M5S.

5 Stelle-Lega, ultima chiamata (o quasi)

A caldo hanno fatto un po' i gradassi, spingendo per nuove elezioni subito. Passata la nottata, si è insinuato in loro il fondato dubbio che il voto a metà luglio possa essere davvero una passeggiata trionfale, viste le incognite sull'affluenza alle urne in piena stagione balneare.

Governo neutrale, Di Maio-Salvini: il finale di commedia

Ce l'hanno messa tutta, loro. C'hanno provato, dicono. Ma non c'è stato nulla da fare, lamentano. Luigi Di Maio e Matteo Salvini si sono quindi trovati concordi sullo sbocco finale: campagna elettorale.